17.3 C
Rome
sabato, Dicembre 10, 2022
HomeAttualitàPrime immagini dei danni del vulcano Tonga

Prime immagini dei danni del vulcano Tonga

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Uno spesso strato di cenere che ricopre intere comunità insulari può essere visto nelle prime immagini aeree ottenute da Tonga colpita dal disastro che emerge in seguito a quella che gli esperti ritengono essere la più grande eruzione vulcanica del mondo in più di 30 anni. Le foto aeree rilasciate dalle forze di difesa neozelandesi dalle isole Ha’apai di Tonga mostrano alberi, case e campi ricoperti di cenere grigia — vomitata dal vulcano sottomarino Hunga-Tonga-Hunga-Ha’apai che ha eruttato sabato, inviando onde di tsunami in tutto il Pacifico.

Le immagini satellitari mostrano una scena simile nel distretto di Kolofo’ou della capitale, sull’isola principale di Tonga, con alberi e case completamente ricoperte da detriti vulcanici. Alcuni edifici sembrano essere crollati e gli operatori umanitari sono ora preoccupati per la contaminazione dell’acqua e la sicurezza alimentare nel distretto.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
PRIMA E DOPO: Le immagini satellitari del porto principale della capitale delle Tonga, Nuku’alofa, mostrano l’impatto dell’enorme eruzione vulcanica e dello tsunami.
Ma mentre si contano i primi morti a Tonga causati dal disastro naturale, le operazioni di soccorso continuano e gli operatori umanitari hanno avvertito che la vera portata della distruzione rimane sconosciuta. Le comunicazioni sono state gravemente danneggiate dal disastro, con alcune isole minori completamente tagliate fuori.
Alexander Matheou, direttore della Federazione Internazionale delle Società della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, ha affermato che oltre alla cenere, ci sono “danni costieri su larga scala causati dell’onda dello tsunami“.
Siamo preoccupati soprattutto per quelle isole basse vicine all’eruzione stessa“, ha aggiunto. “Al momento, sappiamo molto poco“.
Secondo funzionari di diversi paesi, la consegna degli aiuti umanitari a Tonga è ostacolata dalla caduta dellacenere che ha coperto la pista dell’aeroporto della capitale.

La pista principale dell'aeroporto internazionale Fua'amotu di Tonga è parzialmente bloccata a causa della cenere vulcanica.

La pista principale dell’aeroporto internazionale Fua’amotu di Tonga è parzialmente bloccata a causa della cenere vulcanica.
Oggi la Nuova Zelanda schiererà due navi della Royal Navy, ha dichiarato il ministro della Difesa del paese, Peeni Henare, aggiungendo che ci vorranno tre giorni per raggiungere Tonga. Le due navi, la cui HMNZS Wellington e la HMNZS Aotearoa, trasporteranno un elicottero Seasprite, oltre a forniture umanitarie e di soccorso, ha affermato Peeni.
L’acqua è tra le massime priorità per Tonga in questa fase e la HMNZS Aotearoa può trasportare 250.000 litri e produrre 70.000 litri al giorno attraverso un impianto di desalinizzazione“, ha aggiunto.

Una veduta aerea da un volo di sorveglianza P-3K2 Orion mostra una forte caduta di cenere a Nomuka, Tonga, il 17 gennaio 2022.

Una veduta aerea da un volo di sorveglianza P-3K2 Orion mostra una forte caduta di cenere a Nomuka, Tonga, il 17 gennaio 2022.
Danni significativi sono stati segnalati in tutta Tonga, che ospita oltre 100.000 persone, la maggior parte delle quali vive sull’isola principale di Tongatapu. Almeno 100 case in tutto l’arcipelago sono state danneggiate, con almeno 50 che sono state completamente distrutte, secondo Shairana Ali, CEO di Save the Children Fiji. Ma è probabile che i numeri aumentino mentre i soccorritori lavorano per ripristinare le linee di comunicazione, ha aggiunto.
Questo è un tipo di crisi davvero unico che stiamo affrontando a causa della mancanza di comunicazione… la sfida più grande a questo punto è ottenere informazioni dettagliate dai funzionari e da Tonga“, ha detto Ali, aggiungendo che si aspettano di vedere carenze d’acqua nei prossimi giorni.
Un importante cavo di comunicazione sottomarino che collega Tonga alle Fiji è danneggiato e le riparazioni non dovrebbero iniziare prima del 1° febbraio.
Questo cavo è di vitale importanza per Tonga per tutta la sua connettività digitale al resto del mondo“, ha dichiarato Dean Veverka, Chief Technology Officer e Vice President of Operations di Southern Cross Cables.

L'eruzione di un vulcano sottomarino al largo di Tonga, che ha innescato un allarme tsunami per diverse nazioni insulari del Pacifico meridionale, è visibile in un'immagine satellitare scattata il 15 gennaio 2022.

L’eruzione di un vulcano sottomarino al largo di Tonga, che ha innescato un allarme tsunami che ha colpito diverse nazioni insulari del Pacifico meridionale, è visibile in un’immagine satellitare scattata il 15 gennaio 2022.

Morti a Tonga

Almeno due persone, tra cui un cittadino britannico, sono morte a Tonga dopo che le onde dello tsunami si sono schiantate sulla costa invadendo l’interno, allagando le comunità residenziali e provocando interruzioni di corrente. Il corpo della donna britannica Angela Glover è stato trovato dopo che è stata travolta dallo tsunami, ha detto suo fratello, Nick Eleini, in una dichiarazione lunedì.
Glover, 50 anni, che viveva nella capitale Nuku’alofa con suo marito e gestiva un ente di beneficenza per il benessere degli animali, stava tentando di salvare i suoi cani quando le onde si sono abbattute, ha detto Eleini.
È sempre stato il sogno di Angela nuotare con le balene, ed è stata Tonga a darle l’opportunità che le ha permesso di realizzare questi sogni“, ha detto Eleini.
Secondo gli esperti, l’eruzione del vulcano Hunga Tonga-Hunga Ha’apai di sabato è stato probabilmente il più grande evento vulcanico registrato dall’eruzione del 1991 del Monte Pinatubo nelle Filippine.
Foto e video caricati sui social media subito dopo hanno mostrato persone che scappavano dal travolgente tsunami e il cielo pomeridiano già scuro dalla nuvola di cenere. Barche e grandi massi si sono arenati a Nuku’alofa, con i negozi lungo la costa che hanno subito gravi danni.
Le onde dello tsunami sono state avvertite a migliaia di chilometri di distanza alle Hawaii, in Giappone e sulla costa occidentale degli Stati Uniti. Almeno due persone sono morte in Perù a causa di “onde atipiche“, ha detto domenica la polizia nazionale peruviana.
Il vulcano si trova sull’anello di fuoco sismicamente attivo del Pacifico e si trova a circa 65 chilometri a nord della capitale di Tonga.
Era attivo dal 20 dicembre, ma è stato dichiarato inattivo l’11 gennaio, secondo Radio New Zealand.

Articoli più letti