15.7 C
Rome
sabato, Dicembre 10, 2022
HomeTecnologiaGeoingegneria solare: oscurare il Sole potrebbe segnare il destino dell'umanità

Geoingegneria solare: oscurare il Sole potrebbe segnare il destino dell’umanità

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

I progetti di ingegneria su scala planetaria progettati per raffreddare la superficie terrestre e ridurre l’impatto del riscaldamento globale sono potenzialmente pericolosi e dovrebbero essere bloccati dai governi, hanno affermato più di 60 esperti politici e scienziati.

La geoingegneria solare

“La diffusione della geoingegneria solare non può essere governata a livello globale in modo equo, inclusivo ed efficace”, afferma una lettera, supportata da un commento sulla rivista WIREs Climate Change.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Chiediamo quindi un’azione politica immediata da parte dei governi, delle Nazioni Unite e di altri attori per prevenire la normalizzazione della geoingegneria solare come opzione di politica climatica”.

Un aumento di 1,1 gradi Celsius rispetto ai livelli della metà del 19° secolo ha già aumentato l’intensità, la frequenza e la durata di ondate di calore mortali, siccità e megatempeste.

Le nazioni del mondo si sono impegnate a limitare l’aumento della temperatura superficiale della Terra a 1,5°C al di sopra dei livelli della metà del 19° secolo, ma gli scienziati incaricati dalle Nazioni Unite hanno affermato che tale soglia sarà superata, forse entro un decennio.

L’incapacità di ridurre le emissioni di gas serra che guidano il riscaldamento globale ha portato alcuni responsabili politici ad abbracciare la geoingegneria solare, ampiamente liquidata non molto tempo fa come più fantascienza che scienza, per guadagnare tempo per una soluzione più duratura.

È noto da tempo che l’iniezione di una grande quantità di particelle riflettenti nell’alta atmosfera potrebbe raffreddare il pianeta. La natura a volte fa lo stesso: i detriti dell’eruzione del Monte Pinatubo del 1991 nelle Filippine abbassarono la temperatura media della superficie terrestre per più di un anno.

Ma la lettera aperta afferma che ci sono diversi motivi per rifiutare una tale linea di condotta.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Diversi studi hanno dimostrato che, l’attenuazione artificiale della forza radiativa del Sole, interromperà le piogge monsoniche nell’Asia meridionale e nell’Africa occidentale e potrebbe devastare i raccolti alimentati dalle piogge, da cui centinaia di milioni di persone dipendono per il nutrimento.

Conseguenze non volute

“L’iniezione di solfato nella stratosfera potrebbe indebolire i monsoni estivi africani e asiatici e provocare un clima secco in Amazzonia”, ha affermato l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) nella sua più recente valutazione scientifica. Altre regioni, tuttavia, potrebbero trarne vantaggio: uno studio dello scorso anno ha concluso che l’SRM potrebbe ridurre drasticamente il rischio di siccità nell’Africa meridionale.

Gli scienziati si preoccupano anche del cosiddetto shock da terminazione se la semina nell’atmosfera di particelle che oscurano il Sole dovesse interrompersi improvvisamente. Se l’SRM “venisse interrotto per qualsiasi motivo, c’è un’elevata possibilità che le temperature superficiali aumenterebbero rapidamente”, ha affermato l’IPCC. Inoltre, la tecnologia non farebbe nulla per fermare il continuo accumulo di CO2 atmosferica, che sta letteralmente cambiando la chimica dell’oceano.

La lettera aperta avverte inoltre che aumentare le speranze su una soluzione rapida per il clima “può disincentivare i governi, le imprese e le società a fare del loro meglio per raggiungere la decarbonizzazione o la neutralità del carbonio il prima possibile”.

Infine, al momento non esiste un sistema di governance globale per monitorare o implementare schemi di geoingegneria solare, che potrebbero essere messi in moto oggi da un singolo paese, o anche da un miliardario con i razzi. La lettera aperta chiede un “accordo internazionale di non utilizzo” che bloccherebbe i finanziamenti nazionali, i cattivi esperimenti all’aperto e il rifiuto di concedere i diritti di brevetto per le tecnologie SRM.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un tale accordo “non vieterebbe la ricerca atmosferica o climatica in quanto tale“, si legge nella lettera.

Altre forme di modifica della radiazione solare includono l’illuminazione delle nuvole marine seminandole con particelle di sale dell’oceano e posizionare specchi giganti nello spazio per riflettere la luce solare legata alla Terra.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le tecniche meno controverse includono lo sbiancamento dei tetti e delle superfici stradali e l’alleggerimento del colore delle foglie dei raccolti attraverso la modificazione genetica.

Tra i firmatari della lettera aperta figurano Frank Biermann, professore di governance globale della sostenibilità all’Università di Utrecht; Aarti Gupta, professore di governance ambientale globale all’Università di Wageningen nei Paesi Bassi; la professoressa Melissa Leach, direttrice dell’Institute of Development Studies del Sussex, in Inghilterra; e Dirk Messner, presidente dell’Agenzia tedesca per l’ambiente.

Articoli più letti