13.5 C
Rome
domenica, Novembre 27, 2022
HomeRicerca della vitaImportante scoperta di Curiosity su Marte

Importante scoperta di Curiosity su Marte

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Nonostante che oggi tutta l’attenzione sia puntata sull’operato di Perseverance, il vecchio e un po’ obsoleto rover Curiosity continua impertubabile la sua missione di studio ed esplorazione. E nella ricerca della vita oltre la Terra, il rover Curiosity della NASA ha intrapreso una missione durata quasi un decennio per determinare se Marte sia mai stato abitabile per gli organismi viventi.

Una nuova analisi dei campioni di sedimenti raccolti dal rover ha rivelato la presenza di carbonio e la possibile esistenza antica della vita sul pianeta rosso è una possibile spiegazione del motivo per cui è stato rilevato.

Ecco perché gli atomi di carbonio, continuamente riciclati, sono traccianti dell’attività biologica sulla Terra. Quindi potrebbero essere usati per aiutare i ricercatori a determinare se la vita sia esistita sull’antico Marte.
Quando questi atomi vengono misurati all’interno di un’altra sostanza, come il sedimento marziano, possono far luce sul ciclo del carbonio di un pianeta, indipendentemente da quando si è verificato. Imparare di più sull’origine di questo carbonio marziano appena rilevato potrebbe anche rivelare il processo del ciclo del carbonio su Marte.
Uno studio che dettaglia questi risultati è stato pubblicato lunedì sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences.

I segreti nel sedimento

Curiosity è atterrato nel cratere Gale su Marte nell’agosto 2012. Il cratere di 154,5 chilometri, così chiamato dall’astronomo australiano Walter F. Gale, è stato probabilmente formato da un impatto di una meteora tra 3,5 miliardi e 3,8 miliardi di anni fa. La grande cavità probabilmente un tempo ospitava un lago e ora include una montagna chiamata Mount Sharp. Il cratere comprende anche strati di roccia antica esposta.

L'immagine mostra un foro realizzato da Curiosity su Marte' Vera Rubin Ridge.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
L’immagine mostra un foro realizzato da Curiosity nel Vera Rubin Ridge di Marte.
Per studiare in maniera approfondita l’area, il rover ha perforato il terreno per raccogliere campioni di sedimenti in vari punti del cratere tra agosto 2012 e luglio 2021. Curiosity ha quindi riscaldato questi 24 campioni di polvere a circa 850 gradi Celsius per separare gli elementi. Ciò ha causato il rilascio di metano da parte dei campioni, che è stato poi analizzato da un altro strumento nell’arsenale del rover per mostrare la presenza di isotopi di carbonio stabili, o atomi di carbonio.
Alcuni dei campioni sono stati trovati impoveriti di carbonio mentre altri sono stati trovati arricchiti. Il carbonio ha due isotopi stabili, misurati come carbonio 12 o carbonio 13.
I campioni estremamente impoveriti di carbonio 13 sono un po’ come campioni provenienti dall’Australia prelevati da sedimenti di 2,7 miliardi di anni“, ha affermato Christopher H. House, autore principale dello studio e professore di geoscienze alla Pennsylvania State University, in una dichiarazione.
Quei campioni sono stati causati dall’attività biologica quando il metano è stato consumato da antichi tappeti microbici, ma non possiamo necessariamente dirlo con certezza per quanto riguarda Marte perché è un pianeta che potrebbe essersi formato da materiali e processi diversi rispetto alla Terra“.
Nei laghi sulla Terra, ai batteri piace crescere in grandi colonie che essenzialmente formano stuoie appena sotto la superficie dell’acqua.

3 possibili origini del carbonio

Le varie misurazioni di questi atomi di carbonio potrebbero suggerire tre cose molto diverse sull’antico Marte. L’origine del carbonio potrebbe essere probabilmente dovuta alla polvere cosmica, alla degradazione ultravioletta dell’anidride carbonica o alla degradazione ultravioletta di metano prodotto biologicamente.
Tutti e tre questi scenari sono non convenzionali, a differenza dei processi comuni sulla Terra“, secondo i ricercatori.
Il primo scenario coinvolge il nostro intero sistema solare che passa attraverso una nuvola di polvere galattica, qualcosa che si verifica ogni 100 milioni di anni, secondo House. La nuvola pesante di particelle potrebbe innescare eventi di raffreddamento su pianeti rocciosi.

Questa immagine catturata da Curiosity mostra un'area perforata e campionata dal rover.

Questa immagine catturata da Curiosity mostra un’area perforata e campionata dal rover.
In realtà non si deposita molta polvere“, ha detto House. “È difficile vedere qualcuno di questi eventi di deposizione nel record geologico della Terra“.
È, però, possibile che durante un evento come questo, la nuvola di polvere cosmica abbia abbassato le temperature sull’antico Marte, che potrebbe aver avuto acqua allo stato liquido. Ciò potrebbe aver causato la formazione di ghiacciai su Marte, lasciando uno strato di polvere sopra il ghiaccio. Quando il ghiaccio si è sciolto, lo strato di sedimenti compreso il carbonio sarebbe rimasto. Sebbene sia del tutto possibile, ci sono poche prove che confermino l’ipotesi di antichi ghiacciai nel cratere Gale e gli autori dello studio hanno affermato che sarebbero necessarie ulteriori ricerche per confermare questa ipotesi.
Il secondo scenario prevede la conversione dell’anidride carbonica su Marte in composti organici, come la formaldeide, a causa delle radiazioni ultraviolette. Anche questa ipotesi richiede anche ulteriori ricerche.
Il terzo modo in cui questo carbonio potrebbe essere stato prodotto ha possibili radici biologiche.
Se questo tipo di misurazione del carbonio impoverito fosse effettuata sulla Terra, dimostrerebbe che colonie di batteri stanno consumando metano prodotto biologicamente. In effetti, in passato, Curiosity rilevato metano su Marte, ma i ricercatori, attualmente, possono solo fare ipotesi sulla possibilità che un tempo siano state rilasciate grandi quantità di metano da sotto la superficie di Marte. Se fosse stato così e ci fossero stati batteri simili ai nostri sulla superficie marziana, potrebbero aver consumato questo metano.
È anche possibile che il metano abbia interagito con la luce ultravioletta, lasciando una traccia di carbonio sulla superficie marziana.

Altre perforazioni all’orizzonte

Il rover Curiosity tornerà al sito dove ha raccolto la maggior parte dei campioni nell’ultimo mese, il che consentirà un’altra possibilità di analizzare i sedimenti da questo luogo intrigante.
Questa ricerca ha raggiunto un obiettivo di lunga data per l’esplorazione di Marte“, ha detto House. “Per misurare diversi isotopi di carbonio – uno degli strumenti geologici più importanti – dai sedimenti su un altro mondo abitabile, e lo fa guardando nove anni di esplorazione“.

Articoli più letti