13.3 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
HomeMedicinaUna scoperta suggerisce una probabile causa per la sclerosi multipla

Una scoperta suggerisce una probabile causa per la sclerosi multipla

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La sclerosi multipla, una malattia autoimmune che colpisce il cervello e il midollo spinale, può emergere dopo l’infezione da virus di Epstein-Barr (EBV). Secondo la risorsa clinica UpToDate, circa il 90-95% delle persone contrae l’EBV, chiamato anche herpesvirus umano 4, quando raggiunge l’età adulta.

Nei bambini, il virus provoca in genere un’infezione asintomatica o molto lieve, ma negli adolescenti e nei giovani adulti l’EBV può causare la mononucleosi infettiva, meglio nota come “malattia del bacio“. Nonostante EBV sia un virus abbastanza noto, sono emerse prove che suggeriscono che le infezioni di questo virus siano un fattore di rischio per la sclerosi multipla, una condizione molto meno comune.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Gli studi hanno dimostrato, ad esempio, che le persone con sclerosi multipla hanno livelli notevolmente elevati di anticorpi specifici per EBV – molecole immunitarie  che si attaccano al virus – rispetto a chi non presenta la malattia. Altre ricerche precedenti hanno suggerito che la mononucleosi aumenta il rischio di sviluppare la sclerosi multipla più avanti nella vita.

Dato che la maggior parte delle persone a un certo punto contrae l’EBV, tuttavia, è stato difficile dimostrare che queste infezioni potrebbero effettivamente essere una causa alla base della sclerosi multipla.

Ora, un nuovo studio, pubblicato il 13 gennaio sulla rivista Science, fornisce prove di questa idea. Analizzando i dati di circa 10 milioni di militari statunitensi, raccolti nel corso di due decenni, il team di ricerca ha scoperto che il rischio di sviluppare la sclerosi multipla aumenta di 32 volte a seguito di un’infezione da EBV.

Gli analisti non hanno trovato lo stesso legame tra la sclerosi multipla e altre infezioni virali e nessun altro fattore mostra un aumento così elevato del rischio.

Lo studio mostra che l’EBV è chiaramente associato allo sviluppo della sclerosi multipla, mentre altri virus non lo sono“, ha affermato il dottor Lawrence Steinman, professore di neurologia e scienze neurologiche presso la Stanford University School of Medicine, che non è stato coinvolto nello studio.

Una limitazione della ricerca è che non spiega esattamente come l’EBV potrebbe guidare la malattia, ma altri lavori recenti forniscono indizi forti, ha detto Steinman.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Prove convincenti

Abbiamo lavorato su questa ipotesi, che l’EBV possa essere un fattore di rischio causale per la Sclerosi Multipla, per circa 20 anni“, ha affermato Kassandra Munger, co-autore senior dello studio Science e ricercatore senior nel Neuroepidemiology Research Group presso la Harvard TH Chan School of Public Health.

Per testare questa ipotesi, il team ha deciso di identificare le persone che non erano mai state esposte al virus, tracciare il loro stato di EBV nel tempo e vedere se le loro possibilità di sviluppare la sclerosi multipla aumentavano dopo l’esposizione.

Ancora una volta, “questa è un’ipotesi impegnativa da testare perché oltre il 95% della popolazione è stata infettata da EBV nell’età adulta“, ha osservato Munger. Quindi, per identificare le persone senza una precedente esposizione a EBV, il team ha setacciato un set di dati unico curato dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

Il Dipartimento della Difesa mantiene un deposito di siero, la porzione giallastra e fluida del  sangue, prelevata dal personale militare. All’inizio del loro servizio, e circa ogni due anni, i militari in servizio attivo forniscono siero per  lo screening dell’HIV  e qualsiasi siero residuo dai test viene messo nel deposito. Il siero contiene anticorpi e, quindi, questi campioni conservati hanno fornito ai ricercatori un modo per controllare lo stato di EBV di ogni persona nel tempo, controllando la presenza di anticorpi contro il virus.

Il team ha quindi utilizzato questi dati per studiare il potenziale legame tra lo stato di EBV e l’insorgenza della sclerosi multipla (naturalmente, lo studio dei dati si è concentrato solo su questi individui che sono stati esposti all’inizio dei 20 anni, piuttosto che durante l’infanzia). Utilizzando le cartelle cliniche, hanno identificato 801 individui che hanno sviluppato la sclerosi multipla durante il periodo di studio e che avevano fornito almeno tre campioni di siero prima della diagnosi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Hanno scoperto che 35 di questi 801 individui erano risultati negativi al test per gli anticorpi specifici per EBV con il primo campione di siero, ma col tempo tutte le persone tranne una sono state esposte al virus. Quindi 800 su 801 hanno contratto EBV prima di sviluppare la sclerosi multipla.

Il team ha eseguito diversi test per vedere se altri virus condividessero una correlazione così forte con la malattia, ma ha scoperto che EBV era l’unico a distinguersi in questo modo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il team ha anche individuato un altro indizio che l’EBV potrebbe innescare la sclerosi multipla: nel siero di coloro che hanno sviluppato la malattia, il team ha individuato segni di danni ai nervi che si sono manifestati dopo l’esposizione all’EBV ma prima della diagnosi ufficiale di SM.

Nella sclerosi multipla, il sistema immunitario attacca erroneamente la mielina, una guaina isolante che circonda molte fibre nervose, e questo danno compromette la capacità delle cellule nervose di trasmettere segnali. I primi segni di questo danno alle cellule nervose possono comparire fino a sei anni prima dell’inizio della sclerosi multipla, secondo un rapporto del 2019 sulla rivista  JAMA; quindi il team ha cercato indizi di questo danno nei campioni di siero.

In particolare, hanno cercato una proteina chiamata catena leggera del neurofilamento, le cui concentrazioni aumentano nel sangue in seguito al danno alle cellule nervose. Questa proteina è aumentata nel siero di coloro che hanno sviluppato la sclerosi multipla, ma solo dopo che l’esposizione a EBV.

Per quelli nel gruppo di controllo, che non hanno mai sviluppato la sclerosi multipla, la concentrazione della catena leggera del neurofilamento nel sangue è rimasta la stessa prima e dopo aver contratto l’EBV; questo è in linea con l’idea che l’esposizione a EBV non fa scattare la sclerosi multipla in tutti, ma piuttosto solo nelle persone suscettibili.

L’infezione sembra verificarsi prima di qualsiasi evidenza di coinvolgimento del sistema nervoso“, ha detto Munger. Presa con gli altri risultati dello studio, “questa è davvero, pensiamo, una prova convincente di un rapporto di causalità“.

Questo studio collega indissolubilmente l’infezione da EBV e lo sviluppo della SM“, ha confermato Robinson.

Detto questo, il lavoro non rivela esattamente il motivo per cui esiste questo collegamento, ma un recente studio condotto da Robinson e Steinman fornisce alcuni indizi. Lo studio, pubblicato l’11 gennaio nel database di prestampa  Research Square, non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria o pubblicato su una rivista scientifica.

Lo studio suggerisce che, nelle persone con sclerosi multipla, cellule specifiche che producono anticorpi appaiano in gran numero nel fluido che circonda il cervello e il midollo spinale. Queste cellule producono anticorpi che si attaccano a una proteina EBV chiamata EBNA-1 – ma sfortunatamente, gli stessi anticorpi inseguono anche una molecola dall’aspetto simile sulle cellule che producono la mielina.

Diversi altri studi forniscono anche prove di anticorpi specifici per EBV che prendono di mira i componenti delle cellule nervose e la stessa guaina mielinica. “Penso che un componente virale assomigli a una proteina autologa e che questa sorprendente somiglianza spinga il sistema immunitario ad attaccare la mielina“, ha detto Robinson.

Naturalmente, anche con queste prove, rimane una grande domanda: se la maggior parte delle persone contrae EBV a un certo punto, perché solo alcune persone sviluppano la sclerosi multipla? La risposta sta, almeno in parte, nei loro geni.

Le prove suggeriscono che versioni specifiche di geni che regolano il sistema immunitario possono rendere una persona suscettibile alla sclerosi multipla, ha detto Robinson.

All’interno di quel contesto genetico, EBV può quindi accendere la miccia che innesca lo sviluppo della sclerosi multipla. Ma forse in futuro, un vaccino EBV potrebbe impedire che quella miccia si accenda, o le terapie potrebbero contrastare gli effetti persistenti del virus sul sistema immunitario, fermando così l’evoluzione della sclerosi multipla, ha detto.

Ora che è stato identificato il fattore scatenante iniziale per la SM, forse la SM potrà essere sradicata“, hanno scritto Steinman e Robinson.

Articoli più letti