Gli effetti antinfiammatori della cannabis

I ricercatori dell'Istituto di Farmacia di Jena hanno studiato gli effetti antinfiammatori della cannabis, concentrandosi in particolare sul CBD (cannabidiolo)

1
231
prodtti CBD

Il governo tedesco ha preso la controversa decisione di depenalizzare la proprietà e l’acquisto di piccole quantità di cannabis. Se il parlamento tedesco dovesse approvare il progetto di legge, la “Legge sulla cannabis” entrerebbe in vigore nel 2024.

Sono in molti a sostenere che una simile azione dovesse essere presa tempo prima, mentre altri discutono la decisione del governo, ricordando gli effetti avversi che possono avere i cannabinoidi sull’organismo umano.

I ricercatori di Jena stanno ora provando a dare uno sguardo diverso alla cannabis (intesa come pianta della medicina tradizionale) con uno studio pubblicato sulla rivista Cell Chemical Biology. Il team dell’Istituto di Farmacia ha studiato come alcuni ingredienti della pianta di cannabis potrebbero contrastare le infiammazioni.

Analgesico, antispasmodico e antinfiammatorio?

Già da studi precedenti era noto che la cannabis non è solo un analgesico e un antispasmodico, ma ha anche un effetto antinfiammatorio. Il dottor Paul Mike Jordan, che ha condotto lo studio insieme al professor Oliver Werz, ha tuttavia precisato che: “Tuttavia, il motivo dell’effetto antinfiammatorio fino ad ora era in gran parte poco chiaro”.

I ricercatori hanno studiato come diversi cannabinoidi, tra cui lo psicoattivo THC (tetraidrocannabinolo) e CBD (cannabidiolo), che si trovano già oggi in prodotti liberamente disponibili, agiscono sulle cellule immunitarie umane. “Abbiamo scoperto che tutti gli otto cannabinoidi che abbiamo studiato avevano effetti antinfiammatori”, afferma Lukas Peltner, dottorando e primo autore dello studio.



“Si è scoperto che tutti i composti che abbiamo studiato inibiscono la formazione di sostanze messaggere pro-infiammatorie nelle cellule, migliorando al tempo stesso la formazione di sostanze che risolvono l’infiammazione”.

I cambiamenti del CBD sulle cellule

Il CBD in particolare si è rivelato altamente efficace e il team lo ha studiato più dettagliatamente per quanto riguarda la sua modalità d’azione. I ricercatori sono stati in grado di determinare che il CBD attiva l’enzima 15-lipossigenasi-1, che innesca la produzione di sostanze messaggere che risolvono l’infiammazione che successivamente causano la regressione dell’infiammazione.

“Il CBD induce quindi un cambiamento nelle cellule colpite, per così dire, che guida il processo infiammatorio dal lato promotore a quello inibitore”, spiega il Dr. Jordan. I ricercatori hanno potuto confermare questi risultati, ottenuti in colture cellulari, anche in esperimenti su topi. A lungo termine, le conoscenze acquisite potrebbero portare a nuove strategie terapeutiche per il trattamento delle malattie infiammatorie, concludono i ricercatori.

Risultati della ricerca sul CBD

L’attenzione dovrebbe concentrarsi sul CBD, che è risultato il cannabinoide più efficace nello studio. I preparati con cannabinoidi precedentemente approvati contengono CBD, “ma anche il THC psicoattivo, che può essere associato a una serie di effetti collaterali”, osserva il dottor Jordan. Le terapie contenenti solo CBD ridurrebbero questo problema. Il lavoro di ricerca è stato svolto all’interno dei centri di ricerca collaborativa “PolyTarget” e “ChemBioSys” dell’Università di Jena, in Germania ed è stato finanziato dalla Fondazione tedesca per la ricerca.

Cannabis e medicina: la situazione in Italia

La cannabis è stata oggetto di crescente interesse nella medicina negli ultimi anni, poiché, come alcune sue sostanze chimiche, i precitati cannabinoidi, avrebbero (il condizionale è d’obbligo) dimostrato potenziali benefici terapeutici. Tuttavia, è importante notare che l’uso medico della cannabis è ancora oggetto di ricerca e dibattito in molte parti del mondo, e le leggi che regolamentano la sua disponibilità variano notevolmente da un paese all’altro e da uno stato all’altro.

Per quanto riguarda l’Italia, come informa il portale del Ministero della Salute, dal 2006, i medici possono prescrivere preparazioni magistrali contenenti Dronabinol o sostanze attive vegetali a base di cannabis per uso medico. Queste preparazioni devono essere allestite dai farmacisti in farmacia e sono ottenute da infiorescenze di cannabis coltivate legalmente, essiccate e macinate. Possono essere assunte sotto forma di decotto o inalate tramite un apposito vaporizzatore.

Nel 2013, è stato registrato in Italia un prodotto medicinale chiamato SativexR, a base di estratti di cannabis, che può essere prescritto dai neurologi per ridurre gli spasmi dolorosi associati alla sclerosi multipla.

2