Un razzo si sta per schiantare sulla Luna e non è un Falcon 9. Ma cosa accadrà al momento dello schianto?

Contrariamente a quanto creduto finora, la sezione di un razzo che si schianterà sulla Luna non appartiene a SpaceX ma alla Cina

L’astronomo accreditato di aver scoperto il prossimo impatto, Bill Gray, ha annunciato il 12 febbraio di aver commesso un errore nell’identificare il razzo come un vecchio stadio di un razzo Falcon 9 di SpaceX che ha contribuito a lanciare il satellite Deep Space Climate Observatory nel 2015. 

Piuttosto, Gray ora suggerisce che il frammento potrebbe far parte del razzo Long March 3C che ha lanciato la missione cinese Chang’e 5-T1 sulla luna nell’ottobre 2014. Questa navicella spaziale è stata un predecessore di Chang’e 5, la missione robotica del 2020 che ha restituito un campione di suolo lunare.

Non capita spesso di poter prevedere l’improvvisa comparsa di un nuovo cratere da impatto sulla Luna, ma accadrà il 4 marzo, quando il razzo, che sia uno SpaceX Falcon 9 abbandonato o un Long March 3C cinese, vi si schianterà contro.

Lo stadio superiore esaurito del razzo quando è stato lanciato aveva una velocità insufficiente per fuggire in un’orbita indipendente attorno al Sole ed è stato abbandonato senza la possibilità di tornare nell’atmosfera terrestre. È una pratica normale quella di consentire agli stadi di bruciare al rientro in atmosfera per ridurre il traffico nello spazio vicino alla Terra causato da residui di razzi e satelliti.

Sia come sia, ora possiamo dire che il secondo stadio di razzo colpirà la Luna il 4 marzo a una velocità di circa 2,6 chilometri al secondo. Questo creerà un cratere di circa 19 metri di diametro, una prospettiva che ha provocato indignazione nei circoli dei social media da parte di persone che sono sconvolte dal fatto che la negligenza umana sfigurerà la Luna in questo modo.

Preoccupazione fuori luogo

Tuttavia, è sicuramente più ecologico che un razzo morto finisca sulla Luna piuttosto che essere disperso nell’alta atmosfera terrestre sotto forma di particelle di ossido di metallo, che è ciò che accade quando un razzo brucia al rientro in atmosfera. La Luna manca anche di un’atmosfera che la protegga dai detriti spaziali, quindi accumula continuamente crateri da impatto naturali.

Un impatto naturale sulla luna il 17 marzo 2013 ha creato questo cratere lunare largo 61,7 piedi (18,8 metri).(Credito immagine: NASA/Goddard Space Flight Center/Arizona State University)
Un impatto naturale sulla luna il 17 marzo 2013 ha creato questo cratere lunare largo 61,7 piedi (18,8 metri).(Credito immagine: NASA/Goddard Space Flight Center/Arizona State University)

Il Lunar Reconnaissance Orbiter ha già ripreso un cratere di 19 metri formatosi quando un pezzo di roccia di un asteroide da mezza tonnellata, viaggiando circa dieci volte più velocemente del razzo, ha colpito la superficie nel marzo 2013. Nell’ultimo decennio, centinaia di piccoli impatti, da pezzi di rocce del peso di appena mezzo chilo, sono state individuate dal progetto di monitoraggio dell’impatto lunare della NASA .

Il prossimo impatto sarà sul lato opposto della Luna, quindi non saremo in grado di vederlo accadere. Ma la navicella spaziale in orbita attorno alla Luna sarà in grado di visualizzare il cratere da impatto in seguito. Impareremo qualcosa di nuovo? Ci sono stati diversi precedenti incidenti sulla Luna, quindi sappiamo cosa aspettarci.

Ad esempio, gli stadi superiori considerevolmente più grandi dei razzi utilizzati nelle missioni di atterraggio dell’Apollo si sono schiantati in modo che le vibrazioni rilevate dai sismometri installati sulla superficie potessero essere utilizzate per indagare l’interno lunare. I sismometri Apollo sono stati spenti molto tempo fa e non è chiaro se il sismometro sul lander lunare cinese Chang’e 4 sarà in grado di fornire dati utili questa volta.

Un incidente mirato e deliberato è stato ottenuto anche nel 2009, quando la missione LCROSS della NASA ha inviato un proiettile in un cratere polare costantemente in ombra, creando un cratere più piccolo sul suo pavimento ghiacciato e sollevando un pennacchio che ha dimostrato di contenere il vapore acqueo sperato.

Contaminazione biologica

Quindi la Luna ha già qualcosa come mezzo miliardo di crateri con un diametro di dieci metri o più. Quello di cui dovremmo preoccuparci semmai è contaminare la Luna con eventuali batteri, o molecole che in futuro potrebbero essere scambiate per prove della vita precedente sulla Luna.

La maggior parte delle nazioni ha sottoscritto protocolli di protezione planetaria che cercano di ridurre al minimo il rischio di contaminazione biologica dalla Terra a un altro corpo (e anche da un altro corpo alla Terra). I protocolli sono in atto per ragioni sia etiche che scientifiche. L’argomento etico è che non sarebbe giusto mettere a rischio qualsiasi ecosistema che potrebbe esistere su un altro corpo introducendo organismi dalla Terra che potrebbero prosperare lì. L’argomento scientifico è che vogliamo studiare e comprendere le condizioni naturali dell’altro corpo, quindi non dovremmo rischiare di comprometterle o distruggerle con una contaminazione sfrenata.

La più grande violazione recente dei protocolli COSPAR è stata nel 2019 quando il lander lunare israeliano Beresheet, finanziato privatamente, si è schiantato sulla Luna, trasportando campioni di DNA e migliaia di tardigradi. Questi sono organismi lunghi mezzo millimetro che possono tollerare, anche se non essere attivi, il vuoto dello spazio. Questi, e presumibilmente anche i microbi che vivevano nelle loro viscere, sono ora sparsi sul luogo dell’incidente di Beresheet.

Molto probabilmente nessuno di questi finirà in una nicchia dove c’è abbastanza acqua per farli rivivere e diventare attivi, ma questo non è un rischio che dovremmo correre. Il Long March 3C non era sterile al momento del lancio, ma non trasportava nemmeno un carico biologico. Sono anche passati dai due ai sette anni, secondo cosa sia il frammento, nello spazio, quindi ormai il rischio di biocontaminazione è davvero piccolo, ma più cose inviamo sulla Luna, più dovremo stare attenti e più difficile sarà far rispettare le regole.

Questo articolo è stato pubblicato su The Conversation.

Articoli più letti

Related articles