Ecco l’area di possibile caduta del razzo cinese

Tra le 18.00 dell'8 maggio alle 10 del 9 maggio il razzo cinese Long March 5B effettuerà un rientro incontrollato in atmosfera. Il centro-sud d'Italia è tra le aree a rischio impatto

598

Quasi certamente nessuno verrà colpito da un pezzo di 10 piani e 23 tonnellate del razzo cinese che precipita sulla Terra.

Detto questo, le possibilità non sono pari a zero. Parte del più grande razzo cinese, il Long March 5B, sta cadendo fuori controllo dopo aver lanciato una sezione della nuova stazione spaziale del paese la scorsa settimana. Si prevede che il razzo cadrà sulla Terra in quello che viene chiamato “un rientro incontrollato” tra la sera di sabato e l’alba di domenica.

Sia che finisca in modo innocuo nell’oceano o che colpisca aree abitate, il motivo per cui il programma spaziale cinese consente che ciò accada – ancora una volta – rimane poco chiaro. E dato il programma di lanci pianificato della Cina, negli anni a venire sono possibili più rientri incontrollati di razzi.

Il programma spaziale cinese ha realizzato una serie di importanti risultati nel volo spaziale negli ultimi sei mesi, ha riportato rocce dalla Luna e ha messo in orbita un veicolo spaziale attorno a Marte. Eppure continua a creare pericoli, per quanto piccoli, per le persone di tutto il pianeta non riuscendo a controllare le traiettorie dei razzi che lancia.

“Penso che sia irresponsabile da parte loro”, ha detto Jonathan McDowell, astrofisico presso il Center for Astrophysics di Cambridge, Mass., Che controlla le traiettorie degli oggetti nello spazio“.

Il core stage del Long March 5B, progettato per sollevare i pezzi grandi e pesanti della stazione spaziale non ha seguito la traiettoria prevista dopo aver rilasciato la sezione di stazione spaziale che ha lanciato in orbita ed è sfuggito al controllo. Per la maggior parte dei razzi, gli stadi inferiori di solito ricadono sulla Terra immediatamente dopo il lancio. Gli stadi superiori che raggiungono l’orbita di solito attivano di nuovo il motore dopo aver rilasciato i loro carichi utili, guidandoli verso il rientro in un’area deserta, di solito molto al largo nell’oceano indiano.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---


Negli ultimi tre decenni, solo la Cina ha lanciato in orbita stadi di razzi così grandi perdendone poi il controllo e lasciandoli cadere da qualche parte a caso, ha detto il dottor McDowell.

Per il booster Long March 5B, il punto d’impatto potrebbe essere ovunque tra 41,5 gradi di latitudine nord e 41,5 gradi di latitudine sud. Ciò significa che Chicago, situata una frazione di grado più a nord, è sicura, ma grandi città come New York e Roma potrebbero essere colpite dai detriti.

Giovedì, la Aerospace Corporation, un’organizzazione senza scopo di lucro in gran parte finanziata dal governo federale che esegue ricerche e analisi, ha comunicato che di prevedere che il rientro avverrà sabato alle 02:43, ora italiana. Se questa previsione si rivelerà accurata, i detriti potrebbero piovere sull’Africa nord-orientale, sul Sudan.

Le incertezze nel tempo – la previsione da un’incertezza di circa 16 ore – e la posizione rimangono grandi. 

Quando il booster scenderà dipende, ad esempio, dal Sole. Un aumento dell’intensità del vento solare – particelle cariche espulse dal Sole – farebbe espandere l’atmosfera terrestre, aumentando la resistenza atmosferica sul booster e accelerandone la caduta. Anche la probabile frammentazione dello stadio del razzo complica i calcoli.

Il comando spaziale degli Stati Uniti e l’agenzia spaziale russa stanno entrambi monitorando il nucleo del razzo. La dichiarazione russa fa presente che il rientro non avverrà sul territorio della Federazione Russa. Lo Space Command USA ha promesso aggiornamenti regolari prima del rientro.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Poiché il razzo cinese viaggia a 24.000 chilometri all’ora, una differenza di pochi minuti sposta i detriti di centinaia o migliaia di chilometri. Solo a poche ore dal rientro le previsioni diventeranno più precise.

È una decisione ingegneristica basata sulle probabilità“, ha detto il dott. McDowell. Ha detto che gli ingegneri cinesi avrebbero potuto progettare la traiettoria per rimanere suborbitale, ricadendo sulla Terra subito dopo il lancio, oppure avrebbero potuto accendere un motore aggiuntivo per farlo uscire dall’orbita in modo da non rappresentare un possibile pericolo.

La Cina ha in programma molti altri lanci nei prossimi mesi mentre completa la costruzione della terza stazione spaziale del paese, chiamata Tiangong, o “palazzo celeste”. Ciò richiederà altri voli del gigantesco razzo e la possibilità di altri rientri incontrollati che le persone a terra guarderanno nervosamente, anche se il rischio da ogni singolo stadio del razzo è minimo.

È nell’interesse comune di tutte le nazioni agire in modo responsabile nello spazio per garantire la sicurezza, la stabilità, la protezione e la sostenibilità a lungo termine delle attività nello spazio“, ha detto mercoledì Jen Psaki, addetto stampa della Casa Bianca, aggiungendo che gli Stati Uniti Gli stati sperano di promuovere “comportamenti spaziali responsabili“.

Intanto, con molto ritardo, il ministero degli Esteri cinese ha riconosciuto l’imminente rientro incontrollato del 5B.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

In una conferenza stampa del ministero degli Esteri, il portavoce Wang Wenbin ha risposto a una domanda di Bloomberg affermando che “è pratica comune in tutto il mondo che gli stadi superiori dei razzi brucino mentre rientrano nell’atmosfera“. 

La Cina sta seguendo da vicino il rientro nell’atmosfera dello stadio superiore. Per quanto ne so, lo stadio superiore di questo razzo è stato disattivato, il che significa che la maggior parte delle sue parti brucerà al rientro, rendendo estremamente bassa la probabilità di danni all’aviazione o alle strutture e alle attività di terra. L’autorità competente rilascerà le informazioni pertinenti in modo tempestivo“, ha detto Wang.

Non è il primo razzo cinese a cadere fuori controllo

I detriti che cadono hanno a lungo tormentato il volo spaziale.

Detriti di un razzo SpaceX Falcon 9 visti da Vancouver, nello stato di Washington, il mese scorso.
Detriti di un razzo SpaceX Falcon 9 visti da Vancouver.Credito…Roman Puzhlyakov, tramite Associated Press

A marzo, uno stadio di razzo di un razzo di SpaceX Falcon 9 ha illuminato i cieli notturni di Seattle e in seguito ha lasciato cadere detriti su una fattoria nello Stato di Washington quando l’esplosione programmata del motore del secondo stadio per abbatterlo in sicurezza non si è verificato come previsto.

La Cina, però, ha una lunga storia di pezzi di attrezzatura spaziale caduti a caso.

Razzi da uno dei principali siti di lancio della Cina, il Centro di lancio satellitare di Xichang nella provincia di Sichuan, cadevano regolarmente sulle aree rurali a valle, causando occasionalmente danni. Da allora la Cina ha spostato molti dei suoi lanci, compresi quelli della scorsa settimana, in un nuovo sito a Wenchang, una città su Hainan, un’isola al largo della costa sud-orientale. Da lì gli stadi dei razzi possono cadere in modo innocuo in mare.

In questo caso, tuttavia, anche il nucleo del razzo che trasportava il modulo per la nuova stazione spaziale cinese è entrato in orbita e da allora è stato lentamente trascinato indietro verso l’atmosfera terrestre.

L’anno scorso, il primo lancio di un razzo Long March 5B ha sollevato un prototipo della capsula spaziale cinese con equipaggio. anche il booster di quel razzo ha fatto un rientro incontrollato, con alcuni detriti piovuti su un villaggio in Costa d’Avorio.

Ciò ha provocato un rimprovero da parte dell’amministratore della NASA dell’epoca, Jim Bridenstine.

Avrebbe potuto essere estremamente pericoloso“, ha detto. “Siamo davvero fortunati, nel senso che non sembra aver fatto del male a nessuno“.

Anche la prima stazione spaziale cinese, chiamata Tiangong-1 e lanciata nel 2011, è ricaduta sulla Terra in una discesa incontrollata nel 2018 prima di schiantarsi in modo innocuo nel Pacifico meridionale. L’anno successivo, l’amministrazione spaziale cinese guidò con successo la seconda stazione fuori dall’orbita e nel Pacifico. Il core stage del Long March 5B è grande più del doppio delle prime due stazioni spaziali Tiangong.

La più grande cascata di detriti spaziali sulla superficie si è verificata quando la navetta spaziale Columbia si è disintegrata sul Texas nel 2003 quando è rientrata nell’atmosfera in rotta verso un atterraggio in Florida. I sette astronauti a bordo morirono, ma nessuno a terra rimase ferito quando 85.000 libbre di detriti caddero su aree scarsamente popolate. Ma se il disastro fosse avvenuto pochi minuti prima, pezzi pesanti del veicolo spaziale come i motori avrebbero potuto toccare il suolo vicino a Dallas a centinaia di miglia all’ora.

Seguici su TwitterFacebook e Telegram