Ondata di caldo record in Europa e Italia

Un'intensa e prolungata ondata di caldo sta attraversando l'Europa, con temperature potenzialmente da record fino a 48°C (118,4°F)

0
248
Ondata di caldo record in Europa e Italia
Ondata di caldo record in Europa e Italia

Un’intensa e prolungata ondata di caldo sta attraversando l’Europa, con temperature potenzialmente da record fino a 48°C. Ciò segue i record di temperatura globale e coincide con l’inizio di El Niño. Le ondate di caldo dello scorso anno hanno causato oltre 60.000 morti in Europa e le condizioni di questa estate potrebbero essere ancora più gravi.

Le temperature sono in aumento in tutta Europa questa settimana a causa di un’ondata di caldo intensa e prolungata. Italia, Spagna, Francia, Germania e Polonia stanno vivendo questa grande ondata di caldo, con temperature che dovrebbero raggiungere i 48°C (118,4°F) sulle isole di Sicilia e Sardegna, stabilendo potenzialmente un nuovo record europeo.

Si prevede che un anticiclone, una regione ad alta pressione atmosferica, chiamato “Cerberus” (dal nome del mostro dell’Inferno di Dante) proveniente da sud, spingerà le temperature oltre i 40°C in una parte significativa dell’Italia.

La temperatura più alta mai registrata in Europa è stata di 48,8°C (119,84°F), registrata l’11 agosto 2021 a Floridia, un comune della provincia siciliana di Siracusa.

Questo record potrebbe essere superato nei prossimi giorni.

L’animazione sottostante utilizza i dati dello strumento radiometrico della missione Copernicus Sentinel-3 e illustra le temperature della superficie terrestre in tutta Italia tra il 9 e il 10 luglio. Come rivela chiaramente l’immagine, la superficie terrestre in città come Roma, Napoli, Taranto e Foggia ha superato i 45° C (113°F). Sulle pendici orientali dell’Etna in Sicilia sono state registrate temperature superiori a 50°C (122°F).



Questa animazione è stata creata utilizzando i dati dello strumento radiometrico della missione Copernicus Sentinel-3 e mostra la temperatura della superficie terrestre in tutta Italia il 9-10 luglio 2023. Sulle pendici dell'Etna, in Sicilia, così come nella regione Puglia, le temperature superficiali hanno superato i 47°C.
Vale la pena notare la differenza tra la temperatura dell'aria e la temperatura della superficie terrestre. La temperatura dell'aria, indicata nelle nostre previsioni meteorologiche giornaliere, è una misura di quanto è calda l'aria al di sopra del suolo. La temperatura della superficie terrestre invece è una misura di quanto calda sarebbe la superficie effettiva al tatto.
Credito: contiene dati Copernicus Sentinel modificati (2023), elaborati dall'ESA
Questa animazione è stata creata utilizzando i dati dello strumento radiometrico della missione Copernicus Sentinel-3 e mostra la temperatura della superficie terrestre in tutta Italia il 9-10 luglio 2023. Sulle pendici dell’Etna, in Sicilia, così come nella regione Puglia, le temperature superficiali hanno superato i 47°C. Vale la pena notare la differenza tra la temperatura dell’aria e la temperatura della superficie terrestre. La temperatura dell’aria, indicata nelle nostre previsioni meteorologiche giornaliere, è una misura di quanto è calda l’aria al di sopra del suolo. La temperatura della superficie terrestre invece è una misura di quanto calda sarebbe la superficie effettiva al tatto. Credito: contiene dati Copernicus Sentinel modificati (2023), elaborati dall’ESA

Questo strumento satellitare misura l’energia effettiva che si irradia dalla Terra e riflette la temperatura della superficie terrestre, che è tipicamente più calda della temperatura dell’aria. Quindi, la mappa mostra la vera temperatura della superficie terrestre.

Gli scienziati utilizzano i dati sulla temperatura della superficie terrestre per comprendere e prevedere meglio i modelli meteorologici e climatici, monitorare gli incendi, ottimizzare l’irrigazione delle colture e migliorare le strategie di mitigazione del calore urbano.

Questa ondata di caldo sta colpendo anche altre città europee, con temperature che dovrebbero raggiungere i 44°C (111,2°F) in alcune parti della Spagna alla fine di questa settimana. Altre aree colpite duramente includono Roma, in Italia, e Madrid e Siviglia in Spagna, con temperature superficiali che raggiungono rispettivamente i 46°C (114,8°F) e 47°C (116,6°F).

“Il riscaldamento climatico amplificato quest’anno da El Niño influisce gravemente sulla produzione alimentare, sulla disponibilità di acqua e sulla nostra salute. Per adattarci correttamente a questi cambiamenti, abbiamo bisogno di informazioni tempestive con una risoluzione attuabile che il programma Copernicus sta fornendo con Sentinel-3 e presto con la missione Copernicus Land Surface Temperature Monitoring a una risoluzione di 50 m”, ha dichiarato Benjamin Koetz, Mission Scientist of the Land Surface Temperature Missione di monitoraggio.

Queste temperature estreme in Europa rispecchiano le temperature globali da record riportate all’inizio di questa settimana dall’Organizzazione meteorologica mondiale. Questi sono arrivati ​​dopo il giugno più caldo mai registrato, caratterizzato da temperature della superficie del mare senza precedenti e un minimo record nell’estensione del ghiaccio marino antartico. Il Copernicus Climate Change Service ha riferito che il giugno 2023 è stato di poco superiore a 0,5°C (0,9°F) sopra la media 1991-2020.

Il caldo attuale si allinea con l’inizio di El Niño, un fenomeno naturale che riscalda l’Oceano Pacifico. Si prevede che la temperatura globale aumenterà ulteriormente e verranno battuti più record meteorologici.

Fonte: Organizzazione meteorologica mondiale

2