Funghi su Marte?

Gli scienziati riconoscono che le "prove" che presentano non sono ferree e sembrano prevedere le polemiche che, inevitabilmente, attirerà il loro articolo, scrivendo che "le somiglianze nella morfologia ai funghi non sono una prova della vita"

0
1114

Potrebbero esserci funghi su Marte? In un nuovo articolo, un team internazionale di ricercatori provenienti da Stati Uniti, Francia e Cina ha raccolto e confrontato prove fotografiche che sostengono mostrino oggetti simili a funghi che crescono sul Pianeta Rosso.

Nel loro articolo, che appare in Advances in Microbiology di Scientific Research Publishing, i ricercatori analizzano le immagini scattate dai rover Opportunity e Curiosity della NASA, oltre alla fotocamera HiRISE del Mars Reconnaissance Orbiter. Gli oggetti in questione mostrano “esemplari di forma sferica di colore bianco gessoso“, che inizialmente il team di Mars Opportunity aveva identificato come un minerale chiamato ematite.

Studi successivi hanno confutato questa identificazione. Ben presto, alcuni ricercatori hanno coniato il termine “funghi marziani” per descrivere gli oggetti misteriosi, a causa della loro somiglianza con licheni e funghi terrestri, mentre in un altro studio, esperti di funghi e licheni hanno classificato le sfere come “palline“, un tipo di fungo bianco e sferico appartenente al phylum Basidiomycota trovato sulla Terra.

Noi di Reccom Magazine, nel 2019 avevamo già trattato di questi oggetti che appaiono in alcune foto inviate dai rover su Marte e, in base alle evidenze raccolte allora, avevamo concluso che il documento, all’epoca pubblicato su Journal of Astrobiology and Space Science, una rivista oggi offline, traeva conclusioni azzardate basate esclusivamente su sensazioni ed impressioni, senza alcuna reale prova.

Le “prove” dell’esistenza di funghi su Marte

Nel nuovo articolo, come nel precedente, firmato da altri ricercatori, gli scienziati mostrano una serie di foto di Opportunity che mostrano nove sfere che aumentano di dimensioni nel giro di tre giorni mentre altre 12 sfere sembrano emergere da sotto il suolo, in una sequenza di 3 giorni. I ricercatori affermano che il vento marziano non ha scoperto le sfere amorfe e che “si espandono di dimensioni o, al contrario, cambiano forma, si spostano in nuove posizioni e / o diminuiscono di dimensioni e quasi scompaiono“.



fungo come sfere

Gli scienziati continuano:
Molti di questi esemplari sferici a livello del suolo hanno anche steli o hanno perso porzioni delle loro membrane esterne, forse crostose, e sono circondati da pezzi bianchi e materiale simile a spore soffice che può essere costituito da lebbra”.

La crosta e la lebbra sono tipi di strutture superficiali dei funghi, dove si formano croste o scaglie e possono sfaldarsi.

funghi come oggetti

La presenza di queste parti periferiche è importante, dicono gli scienziati, perché li aiuta a dimostrare che ciò che stiamo vedendo è davvero un fungo invece che semplicemente alcune rocce sferiche. I funghi crescono e si riproducono come gangbuster: è una delle caratteristiche distintive dell’intera famiglia di funghi. I funghi piccoli crescono in circa un giorno, mentre i funghi grandi impiegano fino a 4 giorni.

Nella loro ricerca, i ricercatori documentano attentamente tutti i modi in cui i funghi proposti cambiano da una foto all’altra. “La massa bianca amorfa altera la forma, la posizione e scompare quasi completamente dall’interno della fessura di un rifugio roccioso per un periodo di tre giorni (Sol)“, spiegano della serie di immagini mostrata di seguito.

funghi come oggetti

Oltre a qualcosa come una folata di vento che spazza via la sabbia sciolta, i funghi sono uno degli unici esseri viventi che potrebbero sperimentare una crescita e un cambiamento così evidenti in pochi giorni.

Gli scienziati riconoscono che le “prove” che presentano non sono ferree e sembrano prevedere le polemiche che, inevitabilmente, attirerà il loro articolo, scrivendo che “le somiglianze nella morfologia non sono una prova della vita“.

È possibile che tutti gli esemplari presentati qui siano abiotici. Non possiamo escludere completamente minerali, agenti atmosferici e forze geologiche sconosciute che sono uniche per Marte e sconosciute e aliene alla Terra. Tuttavia, la crescita, il movimento, le alterazioni nella posizione e nella forma, costituiscono un comportamento e, insieme a una morfologia simile alla vita, supportano fortemente l’ipotesi che ci sia vita su Marte“.

Ma se ci fossero davvero i funghi su Marte, cosa significherebbe in un futuro in cui gli esseri umani sperano di stabilirsi sul Pianeta Rosso? 

Ebbene, gli scienziati dicono che molti funghi sulla Terra sono anche estremofili, ovvero organismi che possono prosperare in condizioni considerate “estreme” in termini di soliti elementi costitutivi della vita. Quindi trovare funghi su Marte sarebbe forse meno sorprendente di quanto pensiamo, basti pensare ai funghi che proliferano annegati in un mare di radiazioni ionizzanti nella centrale di Chernobyl.

Nel suo romanzo di fantascienza Red Moon del 2018, Kim Stanley Robinson ha immaginato un insediamento lunare con bambù a crescita rapida come materiale da costruzione principale. Non è difficile immaginare un fungo usato per svariati scopi, da un materiale da costruzione, a un isolante protettivo contro le radiazioni, persino a un’ipotetica fonte di cibo per i residenti di Marte o per i loro animali da allevamento.

Seguici su TwitterFacebook e Telegram

2