13 C
Rome
mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeAlieni & UFOCome il Pentagono ha iniziato a prendere sul serio gli UFO (parte...

Come il Pentagono ha iniziato a prendere sul serio gli UFO (parte terza)

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Parte prima

Parte seconda

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Robert Bigelow aveva tre anni nella primavera del 1947, quando i suoi nonni furono quasi buttati fuori strada da un oggetto luminoso apparso sopra le montagne a nord-ovest di Las Vegas. 

Il deserto del Nevada della prima era atomica era uno dei pochi posti in cui un bambino poteva vedere test nucleari o lanci di razzi dal suo cortile, ed i sogni di esplorazione spaziale di Bigelow si mescolavano alla sua curiosità per gli UFO. Alla fine degli anni Sessanta, quando era poco più che ventenne, iniziò a investire nel settore immobiliare, prima a Las Vegas, poi nel sud-ovest, e alla fine fece fortuna con Budget Suites of America, una catena di motel per soggiorni prolungati. 

Successivamente, fondò una società privata, la Bigelow Aerospace, per costruire habitat gonfiabili per astronauti. Nel 1995 ha fondato il National Institute for Discovery Science, che si descriveva come “un istituto scientifico finanziato da privati ​​impegnato nella ricerca di fenomeni aerei, mutilazioni animali e altri fenomeni anomali correlati“. 

Tra i consulenti dell’istituto c’era Hal Puthoff, il cui lavoro negli studi sul paranormale durava da decenni, al Project Stargate, un programma della CIA per indagare sulla “visione remota“, una forma di ESP a lunga distanza, che si riteneva, potesse essere utile nello spionaggio della Guerra Fredda. 

L’anno successivo, Bigelow acquistò Skinwalker Ranch, un lotto di quattrocentottanta acri a poche ore a sud-est di Salt Lake City, col nome di una strega Navajo mutaforma. I suoi precedenti proprietari avevano descritto di essere stati scacciati da sfere coruscanti, bovini dissanguati e creature simili a lupi resistenti ai colpi di arma da fuoco. Nel 2004, sulla scia di una presunta diminuzione dell’attività paranormale domestica, Bigelow chiuse il suo istituto,

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Nel 2007, Bigelow ha ricevuto una lettera da un alto funzionario della Defense Intelligence Agency che era curioso di Skinwalker. Bigelow lo mise in contatto con un vecchio amico del deserto del Nevada, il senatore Harry Reid, che allora era il leader della maggioranza al Senato, ed i due uomini si incontrarono per discutere del loro comune interesse per gli UFO. Si dice che abbia avuto un incontro spettrale; come l’ha descritto un affiliato di Bigelow, ha visto una “figura topologica” che “è apparsa a mezz’aria” e “sembrava passare dalla forma di un pretzel a una striscia di Möbius”.

Reid ha contattato il senatore Ted Stevens, dell’Alaska, che credeva di aver visto un UFO come pilota nella seconda guerra mondiale, e il senatore Daniel Inouye, delle Hawaii. Nella legge sugli stanziamenti supplementari del 2008, ventidue milioni di dollari di cosiddetti fondi neri sono stati accantonati per un nuovo programma. Il Pentagono non era entusiasta. Come ha detto un ex funzionario dell’intelligence: “C’erano alcuni funzionari governativi che hanno detto: ‘Non dovremmo farlo, è davvero ridicolo, è uno spreco di denaro’“.

Il programma Advanced Aerospace Weapon System Applications è stato annunciato in un invito pubblico a presentare offerte per esaminare il futuro della guerra. Gli UFO non sono stati menzionati, ma secondo Reid il sottotesto era chiaro. Bigelow Aerospace Advanced Space Studies, obaass, una controllata di Bigelow Aerospace, fu l’unico offerente. Quando Bigelow ha vinto il contratto con il governo, ha contattato la stessa coorte di investigatori sul paranormale con cui aveva lavorato nel suo istituto. 

Altri partecipanti sono stati reclutati all’interno dei ranghi del Pentagono. Nel 2008, Luis Elizondo, un ufficiale del controspionaggio di lunga data che lavorava presso l’Ufficio del Sottosegretario alla Difesa per l’Intelligence e la Sicurezza, è stato visitato da due persone che gli hanno chiesto cosa pensasse degli UFO Ha risposto che non ci pensava, il che era apparentemente la risposta corretta, e gli è stato chiesto di unirsi.

Bigelow credeva che “ci sono alieni che camminano al supermercato“. Secondo un articolo di Tyler Rogoway e Joseph Trevithick, sul sito Web The Drive, Bigelow ha assunto degli investigatori per esaminare i rapporti su Skinwalker di creature simili a canidi che odoravano di zolfo e goblin con lunghe braccia pendenti, così come l’attività degli UFO vicino al Monte Shasta. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il programma sembra che abbia prodotto una serie di trentotto documenti, tutti non classificati tranne uno, sul tipo di tecnologia che un UFO potrebbe sfruttare, compreso il lavoro sulla fattibilità teorica delle unità a curvatura e “ingegneria metrica dello spaziotempo“. I ricercatori di Bigelow, convinti che i detriti dell’incidente fossero nascosti in qualche hangar remoto, volevano accedere ai dati riservati del governo sugli UFO.

Il mese successivo, baass ha pubblicato un “Rapporto di dieci mesi” di quattrocentonovantaquattro pagine. Le parti del rapporto che sono trapelate a Tim McMillan, insieme a sezioni aggiuntive che ho potuto esaminare, riguardavano quasi esclusivamente gli UFO e le informazioni fornite non erano limitate a semplici avvistamenti; includeva una foto di un presunto dispositivo di localizzazione che presunti alieni avrebbero presumibilmente impiantato in un presunto rapito. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Secondo un ex funzionario del governo, “il rapporto è arrivato qui e ho letto tutto e ho subito concluso che pubblicarlo sarebbe stato un disastro“. 

Subito dopo, a Elizondo, l’ufficiale del controspionaggio, fu chiesto di assumere il controllo del programma. A partire dal 2010, ha trasformato uno studio esternalizzato sui criptidi dello Utah nell’Advanced Aerospace Threat Identification Program, o aatip, uno sforzo interno incentrato sulle implicazioni per la sicurezza nazionale degli incontri militari UAP. Secondo Elizondo, il programma ha studiato a fondo una serie di incidenti, compreso quello che in seguito divenne noto come “incontro della Nimitz“.

Il Nimitz Carrier Strike Group stava conducendo operazioni di addestramento in acque limitate al largo della costa di San Diego e della Bassa California nel novembre del 2004, quando l’avanzato radar SPY-1 su una delle navi, la USS Princeton, iniziò a registrare alcune strane presenze. 

Dopo circa una settimana di osservazioni radar, il comandante David Fravor, diplomato alla scuola d’élite di piloti di caccia Topgun e comandante dello squadrone Black Aces, fu inviato in missione di intercettazione. Mentre si avvicinava al luogo, guardò in basso e vide un banco ribollente nell’acqua e, sospeso sopra di esso, un oggetto ovale bianco che assomigliava a una grande Tic Tac. Stimò che fosse lungo una quarantina di piedi, senza ali o altre evidenti superfici di volo e senza mezzi di propulsione visibili. Sembrava rimbalzare come una palla da ping-pong. 

Altri due piloti, uno seduto dietro di lui e uno in un aereo vicino, hanno fornito resoconti simili. Fravor scese per inseguire l’oggetto, che reagì alle sue manovre prima di ripartire bruscamente ad alta velocità. Al ritorno di Fravor alla Nimitz, un altro pilota, Chad Underwood, fu inviato con un’attrezzatura sensoriale più avanzata. La capsula di puntamento del suo aereo ha registrato un video dell’oggetto. 

La clip, nota come “flir 1”—per “radar a infrarossi a lunga distanza”, la tecnologia utilizzata per catturare l’incidente — presenta un minuto e sedici secondi di un punto cenere sfocato su uno sfondo color canna di fucile; negli ultimi secondi, il punto sembra superare in astuzia il blocco radar e scappare rapidamente.

Casi come l’incontro della Nimitz convinsero Elizondo che gli UAP fossero reali, ma la volontà del governo di investire risorse nella questione rimase incerta. Elizondo ha tentato ripetutamente di informare il generale James Mattis, il Segretario alla Difesa, sulle ricerche dell’aatip , ed è stato bloccato dai subalterni.

Il 4 ottobre 2017, per volere di Christopher K. Mellon, un ex vice segretario aggiunto della difesa per l’intelligence, Leslie Kean è stato chiamato a una riunione riservata nel bar di un hotel di lusso vicino al Pentagono. Fu accolta da Hal Puthoff, l’investigatore di lunga data del paranormale, e da Jim Semivan, un ufficiale della CIA in pensione, che le presentò un uomo robusto, dal collo grosso e tatuato con un pizzetto tagliato di nome Luis Elizondo. Il giorno precedente era stato il suo ultimo giorno di lavoro al Pentagono. 

Nel corso delle tre ore successive, Kean è stato portato attraverso i documenti che hanno dimostrato l’esistenza di quella che era, per quanto ne sapeva qualcuno, la prima inchiesta governativa sugli UFO dalla chiusura del Progetto Blue Book, nel 1970. Il programma su cui Kean aveva impiegato anni a fare pressioni. perché era esistito tutto il tempo.

Dopo che Elizondo si è dimesso, lui e altri partecipanti chiave aatip, tra cui Mellon, Puthoff e Semivan, si sono uniti quasi immediatamente alla To the Stars Academy of Arts & Science, un’operazione dedicata all’istruzione, all’intrattenimento e alla ricerca relativi agli UFO, organizzata da Tom DeLonge, ex front man del gruppo pop-punk Blink-182. Più tardi quel mese, DeLonge ha invitato Elizondo sul palco a un evento di lancio. Elizondo ha annunciato che stavano “progettando di fornire filmati mai pubblicati prima dai sistemi del governo degli Stati Uniti reali, non foto amatoriali sfocate ma dati reali e video reali“.

A Kean è stato detto che avrebbe potuto avere i video, insieme alla documentazione della catena di custodia, se avesse potuto inserire una storia sul Times. Kean ha sviluppato presto dei dubbi su DeLonge, dopo essere apparso sul podcast di Joe Rogan per discutere la sua convinzione che ciò che si è schiantato a Roswell fosse un UFO retroingegnerizzato costruito in Argentina da scienziati nazisti fuggitivi, ma aveva piena fiducia in Elizondo. 

Aveva una gravità incredibile“, ha detto Kean. Ha chiamato Ralph Blumenthal, un vecchio amico ed ex membro dello staff al lavoro su una biografia dello psichiatra di Harvard e ricercatore sui rapimenti alieni John Mack; Blumenthal ha inviato un’e-mail a Dean Baquet, direttore esecutivo del giornale, per dire che volevano presentare “una storia sensazionale e altamente confidenziale” in cui un “alto funzionario dell’intelligence statunitense che ha lasciato bruscamente il mese scorso” aveva deciso di esporre “un programma profondamente segreto, a lungo mitizzato ma ora confermato“. Dopo un incontro con i rappresentanti dell’ufficio di Washington, DC, il Times ha accettato. Il giornale ha assegnato un corrispondente veterano del Pentagono, Helene Cooper, a lavorare con Kean e Blumenthal.

Sabato 16 dicembre 2017, la loro storia – ” aure luminose e” denaro nero: il misterioso programma ufo del pentagono” – è apparsa online; è stata stampata in prima pagina il giorno successivo. Ad accompagnare il pezzo c’erano due video, tra cui “flir 1″. 

Il senatore Reid avrebbe detto: “Non sono imbarazzato, né mi vergogno o mi dispiace di aver capito“. Il Pentagono ha confermato che il programma esisteva, ma ha detto che era stato chiuso nel 2012, a favore di altre priorità di finanziamento. Elizondo ha affermato che il programma era proseguito in assenza di finanziamenti dedicati. L’articolo non si è soffermato sulla realtà del fenomeno UFO – l’unico caso effettivo discusso a lungo è stato l’incontro della Nimitz – ma sull’esistenza dell’iniziativa segreta. 

L’articolo del The Times ha attirato milioni di lettori. Kean notò un cambiamento quasi immediatamente. Quando le persone le chiedevano alle cene cosa faceva per vivere, non ridevano più della sua risposta. Kean ha dato tutto il merito a Elizondo e Mellon per essersi fatti avanti, ma ha detto: “Non avrei mai immaginato di poter finire per scrivere per il Times. È l’apice di tutto ciò che ho sempre voluto fare, solo questo miracolo che è accaduto su questa grande strada“.

Tuttavia, era difficile dire cosa avesse ottenuto esattamente aatip. Elizondo ha continuato a ospitare la docuserie di History Channel “Unidentified“, in cui invoca solennemente il suo giuramento di sicurezza come uno slogan. Ha insistito che aatip aveva fatto passi da gigante nella comprensione delle “cinque osservabili” del comportamento UAP, comprese le “capacità di sfidare la gravità“, “bassa osservabilità” e “viaggio transmedio“.

Forse non sorprende per un progetto del Pentagono che era iniziato come un’indagine di un appaltatore su goblin e lupi mannari, e si era reincarnato sotto l’egida di un musicista noto per un album chiamato “Enema of the State“, aatip è stato oggetto di un attento esame. Kean è ferma nella sua convinzione che lei e un insider abbiano rivelato qualcosa di formidabile, ma un ex funzionario del Pentagono ha recentemente suggerito che la storia è più complicata: il programma che ha rivelato era di poca importanza rispetto a quello che aveva messo in moto. Il fascino diffuso per l’idea che il governo si preoccupasse degli UFO aveva finalmente ispirato il governo a preoccuparsi degli UFO.

Entro un mese dalla pubblicazione dell’articolo sul Times, il portafoglio dell’UAP del Pentagono è stato riassegnato a un funzionario dell’intelligence civile con un grado equivalente a quello di un generale a due stelle. Questo successore – che non voleva essere nominato, aveva letto il libro di Kean. Ha incanalato la cascata dell’interesse dei media per sostenere che, senza un processo per gestire le osservazioni non categorizzabili, le rigide burocrazie avrebbero trascurato tutto ciò che non seguiva uno schema standard. 

Al culmine della Guerra Fredda, il governo si era preoccupato che il rumore della spaventosa fantasmagoria potesse soffocare segnali rilevanti per la sicurezza nazionale, o addirittura fornire copertura per incursioni antagoniste; ora, sembrava, la preoccupazione fosse che non venissero segnalate informazioni preziose (l’incontro della Nimitz è stato oggetto di indagini ufficiali solo anni dopo l’incidente.

Seguici su TwitterFacebook e Telegram

Articoli più letti