Il piretro: mortale per gli insetti, un’ancora di salvezza per il pianeta

Innocuo per le persone, letale per gli insetti: il fiore di piretro, infatti, contiene una tossina naturale che può ucciderli in pochi secondi

0
1676

Ogni mattina, al sorgere del sole, sulle colline sopra la Great Rift Valley del Kenya i petali bianchi della pianta del piretro si ricoprono di rugiada. Un fiore assolutamente innocuo per le persone che lo raccolgono, ma letale per gli insetti: il centro giallo, infatti, contiene una tossina naturale che può ucciderli in pochi secondi.

Il fiore più mortale al mondo per gli insetti: il piretro

Scoperto in Persia intorno al 400 a.C., il fiore di piretro produce un principio attivo, la piretrina, che può essere estratto e utilizzato per creare insetticidi naturali che gli agricoltori spruzzano sulle colture per proteggerle da acari, formiche e afidi senza danneggiare la salute di nessuno, o inquinare il terreno circostante.

I pastori conoscono bene le sue proprietà, tanto è vero che strofinano unguenti a base di piretrina sul bestiame per respingere mosche e zecche.

Nelle sue applicazioni più comuni, la piretrina paralizza i parassiti attaccando il loro sistema nervoso centrale. “Se spruzzi un insetto con il piretro, per i primi 30 secondi diventa incredibilmente iperattivo, poi cade a terra stecchito”, spiega Ian Shaw, amministratore delegato del produttore di insetticida al piretro Kapi Limited.

La semplice coltivazione di Chrysanthemum cinerariifolium (nome scientifico) vicino a casa può essere sufficiente per respingere i flebotomi portatori di parassiti, il cui morso può diffondere la leishmaniosi, una malattia della pelle che colpisce quasi un milione di persone in tutto il mondo, compresi molti in tutto il Kenya.



L’eruzione cutanea risultante può letteralmente “divorare” i volti delle persone e, se non trattata clinicamente, può avere esito fatale.

Piretro: un potente strumento nella lotta contro la malaria

La piretrina è diventata anche un potente strumento nella lotta globale contro le malattie trasmesse dalle zanzare, come la malaria, un parassita che fa ammalare più di un milione di persone e ne uccide più di 400.000 ogni anno, molte delle quali in Kenya.

Realizzati in dischi a forma di spirale noti come bobine antizanzara, emettono un velo di fumo simile all’incenso che le respinge, ma è innocuo per gli esseri umani.

La piretrina è l’insetticida più importante al mondo“, afferma Joel Maina Kibett, responsabile dell’agricoltura della contea di Nakuru, a tre ore di macchina a nord di Nairobi, la capitale. “È naturale, organico, non ha effetti nocivi ambientali ed è facile da usare.”

Per Kibett, il delicato fiore ha anche un posto speciale nel suo cuore per un motivo molto personale: gli ha permesso di studiare e ha fatto la sua carriera. Cresciuto nella contea di Bomet, nel Kenya occidentale, Kibett e i suoi fratelli raccoglievano i fiori di piretro nella fattoria di famiglia.

Poiché i fiori possono essere raccolti ogni due settimane, generano un reddito stabile per i coltivatori quasi tutto l’anno.

Inoltre tendono a crescere in modo eccezionalmente rapido, subito dopo le due stagioni delle piogge, procurando agli agricoltori un bonus semestrale. I genitori di Kibett hanno raccolto e asciugato i fiori per poi venderli al monopolio statale del piretro, usando il ricavato per pagare le tasse scolastiche dei bambini e, in seguito, la sua laurea.

Il piretro ha portato molte cose buone ai nostri villaggi“, afferma Kibett. “Ad esempio, sono state aperte una mezza dozzina di macellerie, perché la gente poteva usare i guadagni del piretro per comprare la carne“.

Imparare dal passato

Quando Kibett stava crescendo negli anni ’70 e ’80, il Kenya coltivava quasi tutto il piretro del mondo, portato dai colonizzatori britannici alla fine degli anni ’20. Nel 1940 aveva sostituito il Giappone come principale produttore mondiale. All’inizio degli anni ’60 era diventato il terzo raccolto più grande delpaese, dopo caffè e tè, fornendo oltre il 70% del piretro mondiale e impiegando circa 200.000 agricoltori.

Quando il Kenya dichiarò l’indipendenza nel 1963, il fiore del piretro era così importante che lo stemma del paese presentava molti dei fiori bianchi e gialli accanto a uno scudo guerriero Masai e sotto i piedi di due leoni.

Secondo Immaculate Maina, che sovrintende all’agricoltura, all’allevamento e alla pesca della contea di Nakuru, tutti i bambini kenioti imparano a conoscere il piretro a scuola come parte della storia nazionale.

Il piretro viene essiccato al sole, nessuna parte del processo produttivo è meccanizzata.

La produzione ha raggiunto il picco negli anni ’80, ma negli anni ’90 l’industria ha iniziato un rapido declino ed è crollata completamente. Il monopolio statale del Kenya, il Pyrethrum Board of Kenya, aveva impedito ad altre compagnie private di entrare nel mercato, rendendolo incapace di competere con paesi come l’Australia, dove le compagnie private di piretro prosperavano, secondo la Banca Mondiale.

Il consiglio è anche rimasto indietro nel pagare gli agricoltori per i loro fiori e alla fine ha smesso di pagare del tutto. Molti coltivatori hanno aspettato diversi mesi prima di essere pagati. Disperati, non avevano altra scelta che passare ad altre colture meno redditizie, mentre altri hanno perso le loro fattorie.

Quando il settore è crollato, non solo la mia famiglia è stata colpita, ma anche il mio villaggio”, afferma Kibett. Tutte e sei le macellerie nel villaggio sono scomparse perchè nessuno comprava più carne. Alberghi e ristoranti, negozi di ogni genere tutti chiusi. Alcune famiglie non erano nemmeno in grado di nutrire i propri figli. Una vera e propria catastrofe“.

Il Pyrethrum Board ha impiegato fino al 2018 per cancellare il proprio debito nei confronti dei coltivatori. Ora, poiché vengono vietati più pesticidi chimici, e aumenta la domanda di piretro per la produzione di un insetticida ecologico, l’industria sta tornando alla ribalta.

Noi dell’ufficio agricoltura ci siamo guardati indietro, la storia insegna, e così ci siamo resi conto che in passato questo fiore aveva sostenuto molte famiglie“, aggiunge Kibett. “La maggior parte di noi è diventata ciò che siamo proprio grazie al fiore di piretro. Ne avevamo nostalgia”.

“Ricordiamo di aver visto splendidi paesaggi ricoperti di bianche lenzuola di fiori, da bambini. Lo abbiamo già fatto e i risultati sono stati molto buoni. Con il rinnovato interesse per l’ecologia, non possiamo fare altro che ricominciare. Noi abbiamo la conoscenza, e l’infrastruttura è già esistente“.

Il rilancio del settore

Nel 2017, il governo della contea di Nakuru, insieme a una mezza dozzina di aziende private di piretrina, ha iniziato a distribuire piantine di piretro a 15.703 famiglie agricole, che già stanno generando reddito per oltre 100.000 keniani. “In totale, abbiamo distribuito 23,3 milioni di piantine da quando abbiamo iniziato il rilancio del settore“, afferma Kibett. “E questa è la nostra storia in soli quattro anni“.

Gli altopiani centrali del Kenya sono perfettamente adatti alla coltivazione del piretro, che prospera ad altitudini superiori a 5.000 piedi (1.525 metri). Il fiore cresce facilmente anche su pendii ripidi e scoscesi. “Qui abbiamo una buona combinazione di luce solare e terreno fertile, che ci aiuta a ottenere fiori di ottima qualità“, afferma Maina.

Le colline della contea di Nakuru, il principale produttore del Kenya, si trovano anche sopra le abbondanti riserve di vapore geotermico del paese. Un’azienda le utilizza per essiccare i fiori più rapidamente in modo da preservare più piretro, che può diminuire quando gli agricoltori li lasciano essiccare in il Sole.

Nella sua fattoria di un acro, Salome Wangari Mbugua ogni sabato raccoglie i minuscoli fiori bianchi dalle giovani piantine. Come Kibett, anche Mbugwa ha aiutato a raccoglierlo da bambino.

Quando si sposò ed ebbe dei figli, il fiore non si trovava più da nessuna parte. Coltivava patate e mais, ma i danni causati dai parassiti e dalle inondazioni troppo spesso lo lasciava senza soldi, e c’erano momenti in cui riusciva a malapena a sfamare la sua famiglia.

Quindi, nel 2019, quando una nuova azienda privata di piretro è arrivata nel suo villaggio offrendo piantine, Mbugwa ha colto al volo l’occasione. Ora, in soli due mesi, guadagna tanto dal piretro quanto dalle patate in un anno intero. Dice che utilizzerà il suo nuovo reddito per “cancellare i miei piccoli debiti e per dare ai miei figli una vita migliore“.

Tuttavia, l’agricoltura del piretro rimane impegnativa. Coltivare un solo acro richiede 22.000 piantine al costo di 88.000 scellini, o $ 850, un prezzo ancora ben fuori portata per molti dei vicini di Mbugwa.

E, anche se l’estratto di piretrina protegge altre piante da insetti e parassiti, il fiore stesso è minacciato da alcune malattie: può soffrire infatti di tripidi, che perforano le foglie, o nematodi che penetrano nelle radici, risucchiando acqua e sostanze nutritive.

Ironia della sorte, entrambi i parassiti possono essere trattati con spray chimici, cosa che anche molti agricoltori non possono permettersi.

Ogni settimana, Beatrice Muthoni Thumbi, ufficiale sul campo di uno dei più grandi produttori di piretro del Kenya, viaggia di fattoria in fattoria reclutando agricoltori per tornare a coltivare la pianta. Affronta ancora duri attacchi da parte di coloro che non hanno dimenticato i momenti difficili in cui non sono stati pagati.

Chiedono: la tua azienda sopravviverà? Comprerai ancora i nostri fiori tra 10 anni? Ci pagherai in tempo? Muthoni assicura ai potenziali clienti che quei giorni appartegono al passato, mentre aiuta la sua azienda a pagare rapidamente gli agricoltori utilizzando un popolare sistema di denaro mobile digitale.

Ritorno alle sue radici naturali

Man mano che l’industria riprende la sua posizione, nuovi mercati per la piretrina potrebbero accelerare la sua ripresa. I pesticidi chimici sono stati oggetto di crescenti critiche e sono stati accusati della cosiddetta apocalisse degli insetti, compreso il declino globale delle api.

Alcuni hanno dimostrato di decimare alcune popolazioni di uccelli e distruggere gli ecosistemi acquatici avvelenando plancton e pesci. Una classe di pesticidi noti come neonicotinoidi può essere dannosa per le lucertole e per i mammiferi come topi, conigli e cervi.

Uno studio del 2019 in Costa Rica ha scoperto che i pesticidi chimici possono persino contribuire ad un aumento delle malattie trasmesse dalle zanzare, avvelenando i loro predatori naturali.

“I paesi sviluppati oggi stanno imponendo livelli massimi di residui, per limitare la quantità di sostanze chimiche che gli agricoltori possono spruzzare sui raccolti“, spiega Shaw. La piretrina, che si degrada naturalmente alla luce del sole e al calore, è un’alternativa ecologica, perché “dopo 24 ore non rimane nulla“.

In corso ulteriori ricerche

Sono attualmente in corso studi per determinare se la piretrina possa essere utilizzata per uccidere le locuste del deserto distruttive che stanno decimando i raccolti in tutta l’Africa orientale. Gli sciami possono crescere fino a 70 miliardi di locuste, così densi da oscurare il sole, e possono consumare fino a 300 milioni di libbre di raccolti in un solo giorno.

Per combattere le locuste, il Kenya ha usato pesticidi chimici che possono lasciare residui sui raccolti fino a sei mesi, dice Shaw. La piretrina potrebbe presto fornire un’alternativa naturale e innocua contro le piaghe delle locuste.

Un recente studio sul campo dell’Università di Nairobi su uno spray a base di piretrina ha mostrato che ha ucciso più del 96% delle locuste del deserto in 24 ore.

Poiché gran parte della piretrina mondiale veniva prodotta una volta proprio qui, in Kenya, Shaw vede il piretro in crescita come una soluzione potenzialmente perfetta. “Le locuste del deserto sono un problema del Corno d’Africa”, afferma Shaw. “E il fiore del piretro è una soluzione per il Corno d’Africa“.

2