La corrente del golfo: mai cosi debole negli ultimi 1000 anni

La Corrente del Golfo è una corrente dell'Oceano Atlantico che svolge un ruolo poco conosciuto nel plasmare i modelli meteorologici negli Stati Uniti. Molto è stato studiato e appreso sulla corrente negli ultimi 500 anni, soprattutto grazie all'esperienza di uno dei padri fondatori d'America, Benjamin Franklin

1322

Secondo l’agenzia meteorologica delle Nazioni Unite NOAA, il 2020 è stato un anno record per uragani, incendi, ondate di calore, inondazioni, siccità e scioglimento dei ghiacci.

Sul finire dello 2020 un team di ricercatori provenienti da Irlanda, Gran Bretagna e Germania ha presentato una ricerca sostenendo che la Corrente del Golfo è più debole ora di quanto non lo sia stata negli ultimi 1.000 anni.


La Corrente del Golfo è una corrente dell’Oceano Atlantico che svolge un ruolo poco conosciuto nel plasmare i modelli meteorologici negli Stati Uniti. Molto è stato studiato e appreso sulla corrente negli ultimi 500 anni, soprattutto grazie all’esperienza di uno dei padri fondatori d’America, Benjamin Franklin.

La causa dell’indebolimento della Corrente del Golfo, formalmente noto come Atlantic Meridional Overturning Circulation (AMOC), secondo il team europeo è da attribuire principalmente a un unico catalizzatore: i mutamenti climatici di origine antropica.

Secondo Stefan Rahmstorf, uno degli autori dello studio, la Corrente del Golfo sposta quasi 20 milioni di metri cubi d’acqua al secondo attraverso l’Oceano Atlantico, agendo come un gigantesco nastro trasportatore.

La Corrente del Golfo ha un ruolo fondamentale, quello di ridistribuire il calore della Terra attrraverso la circolazione oceanica. Questo “sistema circolatorio” gioca un ruolo cruciale in molti modelli meteorologici in tutto il mondo, in particolare lungo la costa orientale degli Stati Uniti.

Rahmstorf ha affermato che la ricerca del suo team è in grado di combinare parti di ricerche svolte in passato in modo tale da mettere insieme un’immagine dell’evoluzione dell’AMOC vecchia di 1600 anni.

“I risultati dello studio suggeriscono che l’AMOC è stato relativamente stabile fino alla fine del XIX secolo”, ha detto Rahmstorf, “Con la fine della piccola era glaciale intorno al 1850, le correnti oceaniche iniziarono a diminuire, con un secondo, più drastico declino a partire dalla metà del XX secolo”.

Cosa succede se la Corrente del Golfo si indebolisce? Bob Smerbeck, meteorologo senior di AccuWeather, ha spiegato che potrebbe plausibilmente portare a un innalzamento del livello del mare se la temperatura dell’acqua aumentasse ulteriormente anche nel 2021.

Tuttavia, Smerbeck ha aggiunto che è difficile sapere quanto possono riscaldarsi le acque.

In passato, altri studi hanno dimostrato che l’aumento della temperatura dell’acqua e il livello del mare più elevato possono portare a eventi meteorologici estremi come tempeste tropicali di maggior intensità, una maggiore probabilità di ondate di calore estreme o una riduzione delle piogge estive.

Studi in contrasto sulla corrente del golfo

Nonostante queste premesse altri ricercatori hanno fornito dati che contrastano con l’affermazione che la Corrente del Golfo si stia effettivamente indebolendo.

Utilizzando un diverso sistema di modellazione dei dati, i ricercatori del Regno Unito e dell’Irlanda hanno realizzato dei modelli climatici che, secondo loro, non mostravano affatto “alcun declino complessivo dell’AMOC”.

“I nostri risultati rafforzano che catturare adeguatamente i cambiamenti nella circolazione profonda è la chiave per rilevare qualsiasi declino antropogenico dell’AMOC correlato al cambiamento climatico”, scrivono gli autori nel loro studio, che è stato scritto pochi giorni prima che il team di Rahmstorf pubblicasse la propria ricerca sull’argomento.

Smerbeck, meteorologo dell’AccuWeather per quasi 25 anni, ha sollecitato cautela su come interpretare le nuove affermazioni della ricerca.

“Una possibile ripercussione discussa nel primo studio sul riscaldamento delle acque lungo la costa orientale causato da un rallentamento dell’AMOC potrebbe portare a un aumento del livello del mare a causa dell’espansione termica dell’acqua di mare. Questo sembra plausibile”, ha detto Smerbeck.

Tuttavia ha aggiunto che il tasso di innalzamento dell’acqua del mare dipenderà da quanto potrebbe aumentare la sua temperatura e non era pronto a speculare su questo incremento.

Come è stata scoperta la Corrente del Golfo come la conosciamo oggi? La scoperta è nata dalla necessità di una maggiore efficienza del servizio postale ed è stata ispirata dall’empirismo dei cacciatori di balene.

Nel 1768, Benjamin Franklin lavorava a Londra come viceministro delle poste. Franklin era il responsabile della supervisione dell’arrivo della posta da e per le colonie americane. Suo cugino, Timothy Folger, era all’epoca capitano di una nave mercantile.

Un giorno, Franklin chiese a Folger come fosse possibile che le sue navi mercantili arrivassero alle colonie molto più velocemente di quanto le navi postali facessero ritornando in Inghilterra.

Folger spiegò al cugino che i capitani mercantili seguivano il consiglio dei balenieri, che percorrevano una “corrente calda e forte” per seguire e uccidere le balene.

Mentre Franklin sosteneva che i capitani dei corrieri postali erano troppo orgogliosi per seguire i consigli di “semplici pescatori americani”, navigare controcorrente costava tempo prezioso.

Così Folger abbozzò una posizione della corrente per Franklin, soprannominandola “Gulph Stream”. Tuttavia, i corrieri postali di Franklin si rifiutarono di seguire le indicazioni.

Ma quando Franklin cambiò alleanza con i fiorenti Stati Uniti durante la guerra di indipendenza, tracciò un percorso più preciso dell’AMOC consegnandolo agli alleati francesi, garantendo loro un vantaggio importante nella battaglia.

La combinazione delle conoscenze di Folger sulla caccia alle balene e le mappe di Franklin sarebbe diventata cruciale per comprendere in seguito l’importanza della corrente del golfo.

Sebbene la conoscenza dell’AMOC risalga solo a poche centinaia di anni fa, Smerbeck ha affermato che la datazione delle correnti può essere eseguita in diversi modi.

Le misurazioni dirette con strumenti oceanici risalgono solo al 2004, ma altri metodi possono permettere di migliorare le conoscenze, come l’analisi dei coralli e i dati storici dai registri delle navi.

“Gli anelli degli alberi possono dire quanto fosse umido o secco il clima terrestre in passato, il che può essere collegato alle temperature della superficie del mare”, ha spiegato Smerbeck.

“Le carote di ghiaccio possono dire quanto fosse caldo o freddo in passato”, ha aggiunto. “I sedimenti oceanici possono mostrare se ci sono stati periodi di deflusso alto o basso da precipitazioni vicine sulla terra, il che potrebbe essere collegato a quanto erano calde o fredde in passato le acque del mare”.

I ricercatori hanno utilizzato tutti questi indizi che risalgono a più di un millennio fa, per aumentare le conoscenze della Corrente del Golfo.