Perché le tartarughe vivono così a lungo?

Sull'isola di Sant'Elena, nell'Atlantico meridionale, vive una creatura che il Guinness World Records ha soprannominato "l'animale più antico del mondo sulla terraferma ". Si chiama Jonathan ed è una tartaruga gigante. Secondo il Guinness World Records, Jonathan aveva 187 anni nel 2019

2301

Sull’isola di Sant’Elena, nell’Atlantico meridionale, vive una creatura che il Guinness World Records ha soprannominato “l’animale più antico del mondo sulla terraferma “. Si chiama Jonathan ed è una tartaruga gigante. Secondo il Guinness World Records, Jonathan aveva 187 anni nel 2019. Nato nel 1832, durante il regno della regina Vittoria, aveva già 80 anni quando il Titanic affondò nel Nord Atlantico. 

Jonathan e altre tartarughe giganti non sono le uniche tartarughe che vivono a lungo, spiega Jordan Donini, professore di biologia ed ecologista delle tartarughe al Florida SouthWestern State College

Le tartarughe marine possono vivere da 50 a 100 anni e le tartarughe scatola possono vivere più di un secolo. In effetti, gli scienziati non conoscono il limite superiore della durata della vita di molte specie di tartarughe, semplicemente perché i singoli esseri umani non vivono abbastanza a lungo per scoprirlo.

Perché le tartarughe vivono così a lungo? C’è una risposta evolutiva e una risposta biologica, come spiega Lori Neuman-Lee, un assistente professore di fisiologia presso l’Arkansas State University che studia le tartarughe e altri rettili.

La risposta evolutiva è relativamente semplice: animali come serpenti e procioni amano mangiare uova di tartaruga. Per trasmettere i loro geni, le tartarughe devono vivere a lungo e riprodursi frequentemente, anche più volte all’anno, e deporre molte uova. “È piuttosto sorprendente che il mondo non sia invaso dalle tartarughe, dato il numero di figli che hanno”, ha detto Neuman-Lee.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il meccanismo biologico alla base della longevità delle tartarughe è piuttosto complicato

Un indizio della longevità delle tartarughe risiede nei loro telomeri, strutture composte da filamenti di DNA non codificanti che ricoprono le estremità dei cromosomi, ha affermato Neuman-Lee. Queste strutture aiutano a proteggere i cromosomi mentre le cellule si dividono. Nel tempo, i telomeri si accorciano o si degradano, il che significa che non possono più proteggere i loro cromosomi, causando problemi con la replicazione del DNA. Gli errori nella replicazione del DNA possono portare a problemi come tumori e morte cellulare.

Ma le tartarughe mostrano un tasso inferiore di accorciamento dei telomeri rispetto agli animali dalla vita più breve, sostiene Neuman-Lee. Ciò significa che sono più resistenti a determinati tipi di danni che possono derivare da errori di replicazione del DNA.

Gli scienziati non hanno confermato tutti i fattori che contribuiscono alla lunga vita delle tartarughe, ma hanno proposto alcune idee. In un articolo pubblicato nel database preprint bioRxiv che non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria, un team di scienziati ha esplorato una serie di meccanismi e sostanze che portano al danno cellulare e alla morte e ha osservato come le cellule di diverse specie di tartarughe, tra cui da una tartaruga gigante (come Jonathan), rispondono.

Secondo il documento, le tartarughe giganti e poche altre specie di tartarughe sembrano essere in grado di proteggersi dagli effetti a lungo termine del danno cellulare. Lo fanno uccidendo rapidamente le cellule danneggiate, usando un processo chiamato apoptosi o morte cellulare programmata, ha detto Neuman-Lee. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Un trattamento ha indotto stress ossidativo, un tipo di stress che si verifica naturalmente nelle cellule viventi. Lo stress ossidativo è causato dai radicali liberi, che sono molecole altamente reattive formate naturalmente da processi metabolici. Quando trattate, le cellule della tartaruga subirono rapidamente l’apoptosi
 

“Una delle cose che questo documento rafforza è l’idea che l’apoptosi effettivamente controllata è davvero preziosa, perché se c’è una cellula che ha subito un danno, allora l’organismo che può rimuoverla rapidamente, e ciò può evitare malattie come il cancro“, ha detto Neuman-Lee.

In effetti, le cellule di tutte le specie tranne una, non hanno risposto a un trattamento che avrebbe dovuto interrompere un enzima chiamato ligasi, essenziale per il processo di replicazione del DNA

In altre parole, la ligasi delle tartarughe ha continuato a funzionare correttamente. Ma se le tartarughe siano completamente resistenti ai problemi di replicazione del DNA è ancora da determinare, ha affermato Neuman-Lee. Ma è una possibile risposta al motivo per cui le tartarughe sono così longeve.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---