14 C
Rome
mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeZoologiaLa sesta estinzione di massa è in corso, sarà drammatica come le...

La sesta estinzione di massa è in corso, sarà drammatica come le precedenti?

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Un climatologo della Tohoku University, in Giappone, ha calcolato i numeri e non pensa che l’evento di estinzione di massa di oggi sarà uguale ai cinque precedenti. Almeno non per molti altri secoli a venire.

In più di un’occasione negli ultimi 540 milioni di anni, la Terra ha perso la maggior parte delle sue specie in un arco di tempo geologico relativamente breve. Questi eventi sono noti come estinzioni di massa e sono avvenuti, do solito, in seguito ad importanti cambiamenti climatici, sia eventi di riscaldamento estremo che di raffreddamento estremo, innescati da asteroidi o attività vulcanica.

Quando Kunio Kaiho ha cercato di quantificare la stabilità della temperatura superficiale media della Terra e la biodiversità del pianeta, ha trovato un effetto sostanzialmente lineare. Maggiore è la variazione di temperatura, maggiore è il grado di estinzione.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Per gli eventi di raffreddamento globale, le maggiori estinzioni di massa si sono verificate quando le temperature sono scese di circa 7°C. Ma per gli eventi di riscaldamento globale, Kaiho ha scoperto che le maggiori estinzioni di massa si sono verificate con un aumento di circa 9°C.

Si tratta di una stima molto più favorevole di quelle fatte da studi precedenti, che suggeriscono che basterebbe un aumento delle temperature di 5,2°C per provocare un’importante estinzione di massa tra le creature marine, alla pari con i precedenti “big five”. Per metterla in prospettiva, entro la fine del secolo, l’attuale riscaldamento globale è sulla buona strada per aumentare le temperature superficiali fino a 4,4°C .

Il riscaldamento globale di 9°C non apparirà nell’Antropocene almeno fino al 2500 nello scenario peggiore“, prevede Kaiho.

Lo studioso giapponese non nega che molte estinzioni sulla terraferma e in mare si stiano già verificando a causa del cambiamento climatico; semplicemente non si aspetta la stessa proporzione di perdite degli eventi precedenti. Tuttavia, non è solo il grado di cambiamento climatico a mettere a rischio le specie. La velocità con cui si verifica è di vitale importanza.

Il più grande evento di estinzione di massa sulla Terra ha ucciso il 95% delle specie conosciute all’epoca e si è verificato in oltre oltre 60.000 anni, iniziando circa 250 milioni di anni fa. Ma il riscaldamento odierno si sta verificando su una scala temporale molto più breve.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

È probabile che più specie moriranno nel sesto evento di estinzione della Terra non perché l’entità del riscaldamento sia così grande, ma perché i cambiamenti stanno avvenendo così rapidamente che molte specie non avranno il tempo necessario per adattarsi.

La previsione della futura magnitudo dell’estinzione antropogenica utilizzando solo la temperatura superficiale è difficile perché le cause dell’estinzione antropogenica differiscono dalle cause delle estinzioni di massa nel tempo geologico“, ammette Kaihu.

Qualunque sia il modo in cui gli scienziati suddividono i dati, è chiaro che molte specie sono condannate a meno che non riusciremo a fermare il cambiamento climatico. L’esatta percentuale di perdite e la tempistica di tali perdite rimane in discussione.

Lo studio è stato pubblicato su Biogeosciences.

Articoli più letti