Un video mostra come i calamari giganti cacciano la loro preda nelle profondità dell’oceano

 L'enigmatico calamaro gigante è stato raramente osservato nel suo habitat naturale ma, nel 2021, con una videotrappola è stato possibile riprendere alcuni calamari mentre cacciavano

691

Nel crepuscolo permanente del mesopelagico, caccia un predatore silenzioso. L’enigmatico calamaro gigante è stato raramente osservato nel suo habitat naturale ma, nel 2021, con una videotrappola è stato possibile riprenderne alcuni mentre cacciavano, rivelando per la prima volta come questi animali delle profondità marine attaccano le loro prede.

Sebbene le pressioni schiaccianti e l’oscurità delle profondità oceaniche siano ostili a noi umani che respirano aria, siamo riusciti ad imparare molte cose su di loro, grazie alle meraviglie della tecnologia robotica. La maggior parte dei nostri veicoli subacquei, tuttavia, è più adatta allo studio di organismi lenti o immobili.

Per i calamari giganti, la luminosità dei fari montati sui veicoli subacquei può essere un problema, per via della sensibilità alla luce dei loro grandi occhi; anche il suono e la vibrazione possono spaventare questge creature e, naturalmente, suo ambiente naturale.

Ecco perché un team di ricercatori guidato da Nathan Robinson della Fondazione Oceanografica spagnola ha escogitato una soluzione diversa: una piattaforma passiva per acque profonde, dotata di una telecamera. Poiché gli occhi dei calamari giganti sono ottimizzati per vedere la luce blu a lunghezza d’onda più corta, hanno utilizzato un’illuminazione rossa a lunghezza d’onda più lunga che non li infastidisce, al fine di vedere gli animali nel video.

Correlato: Filmato un raro calamaro con tentacoli lunghissimi – video

Infine, hanno aggiunto l’esca: una finta medusa, chiamata E-jelly, dotata di luci che imitano la bioluminescenza blu lampeggiante emessa da una medusa atolla ( Atolla wyvillei ) in pericolo. Sebbene non sia noto che i calamari giganti mangino meduse in modo specifico, potrebbero essere attratti dalla luminosità di queste meduse atolla.

Non restava che attendere. E ha dato i suoi frutti: a profondità comprese tra 557 e 950 metri nel Golfo del Messico e a Exuma Sound vicino alle Bahamas, la piattaforma ha registrato diversi incontri con grandi calamari.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I primi incontri sono stati nel 2004 e nel 2005 con due grandi animali che potrebbero essere stati  Promachoteuthis sloani, con una lunghezza del mantello di 1,0 metri, una specie precedentemente conosciuta solo dal ritrovamente casuale di alcuni cuccioli.

Il team ha continuato ad aggiornare la propria piattaforma e ha catturato un Pholidoteuthis adami , con una lunghezza del mantello di 0,5 metri, nel 2013. Nel 2019, hanno finalmente filmato un Architeuthis dux, lo stesso calamaro gigante, che arrivava a una lunghezza del mantello di 1,7 metri (escluso i tentacoli).

È interessante notare che gli incontri suggeriscono fortemente che i calamari siano cacciatori visivi, poiché ignoravano le esche olfattive che erano state posizionate nelle vicinanze a favore dei segnali visivi.

Il comportamento di caccia del calamaro gigante era forse il più affascinante. Ha seguito la piattaforma per circa sei minuti prima di attaccare, suggerendo che stesse inseguendo la sua preda prima di prepararsi per l’uccisione.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ciò contraddice l’ipotesi che i calamari giganti siano predatori di imboscate, come affermato in precedenza in diversi articoli. Piuttosto, l’animale sembra essere un cacciatore attivo e impegnato che usa segnali visivi (ecco perché i suoi occhi sono enormi, laggiù nel buio) per trovare un pasto.

Ciascuno degli incontri, per quanto rari, ha fornito anche nuove informazioni sull’areale e sulla distribuzione delle specie osservate.

Ciò suggerisce che le piattaforme passive possono essere strumenti estremamente utili per osservare queste creature sfuggenti, soprattutto se perfezionate e ottimizzate per incontri specifici, hanno affermato i ricercatori.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Raccomandiamo che gli studi futuri valutino il valore dell’utilizzo di sistemi in condizioni di scarsa illuminazione o esche ottiche in un modo più scientificamente robusto“, hanno scritto nel loro articolo del 2021.

Ad esempio, mentre l’E-Jelly che imita la bioluminescenza sembra essere uno strumento efficace per attirare specie di cefalopodi, studi futuri potrebbero valutare se esche di diversa intensità, colori o modelli di luce potrebbero avere una diversa capacità di attrarre vari taxa di acque profonde cefalopodi“.

La ricerca è stata pubblicata in Deep Sea Research Part I: Oceanographic Research Papers.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---