‘Oumuamua: il mistero continua

Su 'Oumuamua gli astronomi non riescono a mettersi d'accordo. Il mistero continua

0
30990

Il primo oggetto interstellare conosciuto nel nostro sistema solare, noto come ‘Oumuamua, continua a sfidare la spiegazione scientifica. Ora, anche una delle ultime spiegazioni su ciò di cui è fatto l’intruso a forma di sigaro, un “iceberg di azoto”, è stata abbattuta.

‘Oumuamua: gli astronomi non trovano un accordo

In un recente tentativo di spiegare ‘Oumuamua, i ricercatori lo hanno descritto come un iceberg di azoto. Ma gli astrofisici di Harvard dicono che è impossibile e spiegano il perché in un nuovo articolo pubblicato il 5 novembre sulla rivista New Astronomy.

Nell’ottobre 2017, quando gli astronomi hanno avvistato per la prima volta ‘Oumuamua sfrecciare attraverso il nostro sistema solare, stava correndo a quasi 92.000 km/h, troppo velocemente per aver avuto origine nel nostro sistema solare.

Quando l’oggetto piatto e dalla forma incerta ha superato il sole, rotolando da un capo all’altro, ha accelerato a un ritmo che non poteva essere spiegato dall’attrazione gravitazionale del sole. E gli astronomi non sono riusciti a trovare alcuna prova visibile di un propellente, come vapore acqueo o gas, che fuoriuscendo dall’oggetto potesse spiegare l’accelerazione.

Non solo gli scienziati non sono sicuri di cosa abbia spinto ‘Oumuamua durante la sua visita a fionda dentro e fuori dal nostro sistema solare, ma non sanno nemmeno di cosa sia fatto.



A marzo, però, gli astrofisici dell’Arizona State University Alan Jackson e Steven Desch hanno dichiarato di averlo capito. Il team ha pubblicato due articoli che annunciavano che “Oumuamua era molto probabilmente un pezzo di ghiaccio di azoto che è spuntato da un pianeta simile a Plutone da qualche parte al di fuori del nostro sistema solare.

La teoria avrebbe risolto il mistero del propellente invisibile, perché quando ‘Oumuamua si avvicinava al sole, il gas azoto in evaporazione avrebbe spinto l’oggetto rimanendo invisibile ai telescopi. E gli astronomi sanno che il ghiaccio di azoto esiste nel nostro sistema solare perché lo hanno trovato su Plutone, quindi non è irragionevole sospettare che pezzi di ghiaccio di azoto sia staccato occasionalmente da un eso-Plutone.

Perché potrebbe non essere azoto

“Nel momento in cui ho visto quei documenti, ho capito che non esiste un meccanismo fisico perché la spiegazione funzionasse”, ha affermato Amir Siraj, un astrofisico dell’Università di Harvard, riferendosi alla quantità di errori contenuti nello studio perché la previsione potesse essere ancora realistica.

Ma non tutti sono d’accordo con questa conclusione.

Secondo Siraj e il suo co-autore, l’astrofisico di Harvard Avi Loeb, la conclusione di Jackson e Desch che ‘Oumuamua sia un iceberg di azoto è imperfetta perché non c’è abbastanza azoto nell’universo per creare un oggetto come ‘Oumuamua, che è grande tra 400 e 800 metri di lunghezza e tra 35 e 167 m di larghezza.

L’azoto puro è raro, ha detto Siraj, ed è stato trovato solo su Plutone, dove costituisce circa lo 0,5% della massa totale. Anche se tutto il ghiaccio di azoto nell’universo fosse raschiato da ogni pianeta simile a Plutone di cui si prevede l’esistenza, non ci sarebbe comunque abbastanza azoto per creare ‘Oumuamua.

Siraj e Loeb calcolarono che la massa dell’eso-Plutone necessaria per creare un iceberg di azoto delle dimensioni di ‘Oumuamua supererebbe la massa di una stella, richiedendo, come minimo, più di 60 volte la massa necessaria ad una stella per creare tutti i pianeti in il nostro sistema solare. “Ma è pazzesco”, ha affermato Siraj. “È assurdo.”

'Il percorso apparente di Oumuamua dentro e fuori dal nostro sistema solare.
‘Il percorso apparente di Oumuamua dentro e fuori dal nostro sistema solare.

Siraj e Loeb hanno fatto molte ipotesi prudenti nei loro calcoli, ha spiegato Siraj, come ignorare gli effetti dei raggi cosmici, particelle subatomiche che volano costantemente attraverso lo spazio alla velocità della luce e degradano tutto ciò che urtano, inclusi oggetti come ‘Oumaumua. Quando si prendono in considerazione i raggi cosmici, Siraj ha calcolato che sarebbero necessarie circa 1.000 volte l’intera massa di stelle nella galassia per generare tutti gli eso-Plutoni che servirebbero per costruire ‘Oumuamua.

Tuttavia, Jackson e Desch hanno affermato che il loro accurato calcolo del numero di frammenti di azoto che volano nello spazio non è una sopravvalutazione ed è coerente con la ricerca precedente che prevedeva quanti oggetti simili a ‘Oumuamua esistono nello spazio.

“Siraj e Loeb non hanno scoperto che abbiamo commesso un errore, quindi avrebbero dovuto accettare i numeri che abbiamo ottenuto”, ha dichiarato Desch a WordsSideKick.com in una e-mail. “Invece, hanno tentato il loro calcolo retrogrado e hanno fatto un gran numero di approssimazioni e stime, e hanno tirato fuori numeri diversi che dicono non sono favorevoli”.

“È necessaria una finestra di errore molto ampia quando si stima il numero di oggetti sulla base di una singola osservazione”, ha detto Jackson, come nel caso di ‘Oumuamua; gli astronomi non hanno mai visto niente di simile. Siraj e Loeb calcolarono che la massa necessaria per creare ‘Oumumua era molto alta, disse, perché usavano una stima molto alta per il numero di oggetti simili a ‘Oumumua nello spazio.

“Stanno cercando di creare polemiche quando non ne esistono”, ha detto Desch.

Secondo Siraj, però, il mistero di ‘Oumuamua non è ancora risolto. Alcuni esperti potrebbero essere ansiosi di saltare alle conclusioni su ‘Oumuamua, ha detto, perché finché è un mistero, la possibilità di un’origine artificiale è ancora sul tavolo. “Se è ancora inspiegabile, devi considerare tutte le possibilità.”

Ma è questo che rende ‘Oumuamua così affascinante, ha aggiunto. “Non mi interessa davvero cosa sia, perché ogni singola possibilità è un oggetto astrofisico che non abbiamo mai visto prima, ecco perché è eccitante”

2