11 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomePaleontologiaFossile di serpente a quattro zampe: l'anello mancante della catena evolutiva

Fossile di serpente a quattro zampe: l’anello mancante della catena evolutiva

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Scienziati e collaboratori dell’Università di Alberta mostrano che un “serpente con quattro zampe” proposto è invece una lucertola marina dal corpo lungo.

Trovato collegamento mancante?

Riempire gli anelli della catena evolutiva con i reperti fossili di un “serpente a quattro zampe” che collega lucertole e primi serpenti sarebbe un sogno che diventa realtà per i paleontologi. Ma un esemplare precedentemente pensato per adattarsi al conto non è il pezzo mancante del puzzle, secondo un nuovo studio pubblicato sul Journal of Systematic Paleontology condotto dal paleontologo dell’Università di Alberta Michael Caldwell.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Si è capito da tempo che i serpenti sono membri di una stirpe di vertebrati a quattro zampe che, a seguito di specializzazioni evolutive, hanno perso gli arti”, ha affermato Caldwell, autore principale dello studio e professore nei dipartimenti di scienze biologiche e della terra. e scienze atmosferiche.

“Da qualche parte nei reperti fossili di antichi serpenti c’è una forma ancestrale che aveva ancora quattro zampe. È stato quindi a lungo previsto che un serpente con quattro zampe sarebbe stato trovato come fossile”.

Tetrapodophis amplectus: il serpente a quattro zampe

In un articolo pubblicato sulla rivista Science nel 2015, un team di ricercatori ha riportato la scoperta di quello che si credeva fosse un esempio del primo fossile di serpente a quattro zampe conosciuto, un animale chiamato Tetrapodophis amplectus.

“Se interpretata correttamente in base all’anatomia conservata, questa sarebbe una scoperta molto importante”, ha affermato Caldwell.

Parte e controparte di Tetrapodophis
Parte e controparte di Tetrapodophis

Caldwell ha spiegato che il nuovo studio su Tetrapodophis ha rivelato una serie di caratterizzazioni errate dell’anatomia e della morfologia del campione, tratti che inizialmente sembravano essere condivisi più strettamente con i serpenti, suggerendo che questo potrebbe essere il tanto agognato serpente a quattro zampe.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Ci sono molte domande evolutive a cui si potrebbe rispondere trovando un fossile di serpente a quattro zampe, ma solo se si tratta di un vero affare. La conclusione principale del nostro team è che Tetrapodophis amplectus non è in realtà un serpente ed è stato classificato erroneamente”, ha affermato Caldwell

“Piuttosto, tutti gli aspetti della sua anatomia sono coerenti con l’anatomia osservata in un gruppo di lucertole marine estinte del periodo Cretaceo conosciute come dolicosauri“.

Gli indizi di questa conclusione, ha osservato Caldwell, si nascondevano nella roccia da cui è stato estratto il fossile.

“Quando la roccia contenente il campione è stata spaccata ed è stato scoperto, lo scheletro e il cranio sono finiti sui lati opposti della lastra, con uno stampo naturale che ha preservato la forma di ciascuno sul lato opposto”, ha detto Caldwell

“Lo studio originale descriveva solo il cranio e trascurava la muffa naturale, che conservava diverse caratteristiche che rendono chiaro che Tetrapodophis non aveva il cranio di un serpente, nemmeno di uno primitivo”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un esemplare controverso

Anche se Tetrapodophis potrebbe non essere il serpente con quattro zampe che i paleontologi apprezzano, ha ancora molto da insegnarci, ha detto il coautore dello studio Tiago Simões, un ex studente di dottorato di ricerca, borsista post-dottorato di Harvard e paleontologo brasiliano, che ha sottolineato alcune delle caratteristiche che lo rendono unico.

“Una delle più grandi sfide dello studio di Tetrapodophis è che è uno dei più piccoli squamati fossili mai trovati”, ha detto Simões“È paragonabile ai più piccoli squamati viventi oggi che hanno anche arti ridotti”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un’ulteriore sfida per lo studio del Tetrapodophis è l’accesso al campione stesso.

“Non c’erano permessi appropriati per la rimozione originale dell’esemplare dal Brasile e, dalla sua pubblicazione originale, è stato ospitato in una collezione privata con accesso limitato ai ricercatori. La situazione è stata accolta con un forte contraccolpo da parte della comunità scientifica”, ha affermato Simões.

“Nella nostra descrizione di Tetrapodophis, esponiamo l’importante status giuridico dell’esemplare e sottolineiamo la necessità del suo rimpatrio in Brasile, in conformità non solo con la legislazione brasiliana ma anche con i trattati internazionali e il crescente sforzo internazionale per ridurre l’impatto delle pratiche colonialiste nella scienza.

Articoli più letti