Il sistema solare potrebbe essere circondato da un enorme tunnel magnetico

Il nostro intero sistema solare potrebbe essere circondato da un enorme tunnel magnetico visibile solo come onde radio. Un’astronoma dell’Università di Toronto, Jennifer West, crede che due oggetti nello spazio che in precedenza si pensava fossero separati siano, in effetti, collegati da filamenti simili a corde, rivela un comunicato stampa.

I due oggetti sono il “North Polar Spur” e la “Fan Region“, che sono stati tipicamente studiati come entità individuali. West e il suo team, che hanno pubblicato i loro risultati  su Astrophysical Journal, credono di essere il primo gruppo di scienziati a collegare i due oggetti come due parti di un tutto.

Gli oggetti si trovano a circa 350 anni luce da noi e sono composti da particelle cariche e da un campo magnetico a forma di colossali corde lunghe circa 1.000 anni luce“Se dovessimo guardare in alto nel cielo”, dice West, “vedremmo questa struttura simile a un tunnel in quasi tutte le direzioni in cui guardiamo, se avessimo occhi in grado di vedere la luce radio”.  

I misteriosi segnali radio abbondano nello spazio

Per comprendere meglio l’enorme tunnel magnetico che avvolge il nostro sistema solare, West ha costruito un modello al computer calcolando le differenze nel cielo radio se le lunghe funi si trovassero in posizioni diverse nel cielo notturno. “Questo è un lavoro estremamente intelligente”, spiega  Bryan Gaensler, professore al Dunlap Institute e autore dello studio.

“Quando Jennifer me l’ha proposto per la prima volta, ho pensato che fosse troppo “là fuori” per essere una possibile spiegazione. Ma alla fine è stata in grado di convincermi. Ora, sono entusiasta di vedere come reagisce il resto della comunità astronomica .”

In effetti, West è stata in grado di vedere come sarebbe il cielo radiofonico attraverso i nostri telescopi, aiutandola ad abbinare il suo modello con i dati del mondo reale. Alcune delle mappe del cielo più complesse fino ad oggi sono dovute alle osservazioni delle onde radio dell’universo. Una collaborazione globale decennale centrata sulla Low-Frequency Array rete telescopio (LOFAR), per esempio, ci ha fornito le osservazioni più dettagliate di spazio profondo.

Segnali radio indecifrabili, come quello recentemente osservato che “non si adatta a nessun modello attualmente compreso“, sono anche al centro di alcune delle più misteriose osservazioni del cosmo. Come dice West, “penso che sia semplicemente fantastico immaginare che queste strutture siano ovunque ogni volta che guardiamo il cielo notturno”.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Un millepiedi gigante perso da 120 anni è stato ritrovato

Nel cuore della foresta di Makira, una delle aree...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

In Tendenza

Venere di Brassempouy: all’avanguardia già 23.000 anni fa

La Venere di Brassempouy è una straordinaria scultura in...

Per le Olimpiadi 2024, Parigi diventa ecosostenibile

Le Olimpiadi 2024 di Parigi daranno la priorità alla...

Insetti commestibili: Singapore pioniere con 20 specie

Singapore, nota per la sua cucina variegata e innovativa,...

Offerte Amazon di oggi: telescopi astronomici super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti i...

Industria 4.0, il futuro è già qui

Ebbene sì, siamo in piena IV rivoluzione industriale, ovvero...

TeraNet: laser spaziali per velocità internet 1000x

La 'TeraNet' della University of Western Australia, una rete...

Articoli correlati

Popular Categories