Ooparts: artefatti che alcuni studiosi attribuiscono a civiltà preistoriche ad alta tecnologia

Secondo la visione convenzionale della storia, gli esseri umani camminano sulla Terra nella nostra forma attuale sola da circa 200.000 anni. Le antiche civiltà che si sono succedute hanno lentamento scoperto e applicato la tecnologia ma gran parte dell’ingegnosità meccanica che conosciamo nei tempi moderni ha iniziato a svilupparsi solo con la rivoluzione industriale, un paio di centinaia di anni fa.

Ooparts (artefatti fuori luogo) è un termine applicato a dozzine di oggetti preistorici rinvenuti in vari luoghi del mondo che sembrano mostrare un livello di avanzamento tecnologico incongruo con l’epoca a cui sembrano risalire.

Molti scienziati tentano di spiegarli usando fenomeni naturali. Altri affermano che tali spiegazioni ignorano le prove crescenti secondo cui sono esistite civiltà preistoriche che possedevano una conoscenza tecnologica avanzata che è stata persa nel corso dei secoli, che poi è stata riscoperta solo nei tempi moderni.

Esamineremo alcuni ooparts le cui presunte data di origine risalgono a periodi variabili da milioni di anni fa a qualche centinaia di anni fa, oggetti che, secondo alcuni studiosi, non potevano essere stati costruiti nell’epoca cui vengono attribuiti, secondo le conoscenze storiche ufficiali.

In questo articolo non affermiamo che tutti o parte di questi ooparts siano prove definitive dell’esistenza di civiltà preistoriche avanzate, ma piuttosto tentiamo di fornire una breve occhiata a ciò che è noto o ipotizzato su questi artefatti. Questo non è un elenco completo di tutti gli oopart, ma è un campione sostanziale.

Batterie vecchie di 2000 anni? La pila di Bagdad

A destra: un'illustrazione di una batteria di Baghdad dalle immagini dei reperti del museo.

A destra: un’illustrazione di una batteria di Baghdad dalle immagini dei reperti del museo. (Ironie/Wikimedia Commons)

Giare di argilla con tappi di asfalto e sbarre di ferro realizzate circa 2000 anni fa, dette anche pile di Bagdad,  si sono dimostrate in grado di generare più di un volt di elettricità. Queste antiche “batterie” furono trovate dall’archeologo tedesco Wilhelm Konig nel 1938 appena fuori Baghdad, in Iraq.

Le batterie hanno sempre suscitato interesse come curiosità”, ha detto alla BBC nel 2003 il dottor Paul Craddock, esperto di metallurgia presso il British Museum. “Sono un ritrovamento unico. Per quanto ne sappiamo, nessun altro ha trovato nulla di simile. Sono cose strane; sono uno degli enigmi della storia”.

Antica lampadina egiziana? La lampada di Dendera

L'oggetto simile a una lampadina inciso in una cripta sotto il Tempio di Hathor in Egitto.

L’oggetto simile a una lampadina inciso in una cripta sotto il Tempio di Hathor in Egitto. (Lasse Jensen/Wikimedia Commons)

Un rilievo sotto il Tempio di Hathor a Dendera, in Egitto, raffigura figure in piedi attorno a un grande oggetto simile a una lampadina. Erich Von Däniken, che ha scritto “Chariot of the Gods“, ha creato un modello della lampadina che funziona quando è collegata a una fonte di alimentazione, emettendo una luce inquietante e violacea.

Grande Muraglia del Texas

Una foto storica del “muro” ritrovato a Rockwall, in Texas.
Una foto storica del “muro” ritrovato a Rockwall, in Texas. (Dominio pubblico)

Nel 1852, in quella che oggi è conosciuta come Rockwall Co., Texas, gli agricoltori che scavavano un pozzo scoprirono quello che sembrava essere un antico muro di roccia. Si stima che abbia dai 200.000 ai 400.000 anni, alcuni dicono che sia una formazione naturale mentre altri dicono che è stato chiaramente creata dall’uomo.

Il dottor John Geissman dell’Università del Texas, a Dallas, ha testato le rocce per un documentario di History Channel. Ha scoperto che sono tutti magnetizzati allo stesso modo, suggerendo che si sono formati dove si trovano e non sono stati spostati in quel sito da altrove. Ma alcuni non sono convinti di questo singolo test e chiedono ulteriori studi.

Il geologo James Shelton e l’architetto di Harvard John Lindsey hanno notato elementi che sembrano essere di design architettonico, inclusi archi, portali architravati e aperture quadrate che ricordano finestre.

Reattore nucleare di 1,8 miliardi di anni fa?

Sito del reattore nucleare, Oklo, Repubblica del Gabon.
Sito del reattore nucleare, Oklo, Repubblica del Gabon. (NASA)

Nel 1972, una fabbrica francese importò minerale di uranio da Oklo, nella Repubblica africana del Gabon. L’uranio era già stato estratto. Hanno scoperto che il sito di origine apparentemente funzionava come un reattore nucleare su larga scala 1,8 miliardi di anni fa ed è stato in funzione per circa 500.000 anni.

Il dottor Glenn T. Seaborg, ex capo della Commissione per l’energia atomica degli Stati Uniti e vincitore del premio Nobel per il suo lavoro nella sintesi di elementi pesanti, ha spiegato perché crede che non si tratti di un fenomeno naturale perchè affinché l’uranio “bruci” in una reazione, sono necessarie condizioni molto precise.

L’acqua deve essere estremamente pura, per esempio. Molto più pura di quanto esista in natura. L’U-235 è necessario affinché avvenga la fissione nucleare. È uno degli isotopi che si trovano naturalmente nell’uranio. Diversi specialisti in ingegneria dei reattori hanno affermato di ritenere che l’uranio di Oklo non avrebbe potuto essere abbastanza ricco di U-235 perché una reazione avvenisse naturalmente.

I creatori di mappe marittime prima che l’Antartide fosse ricoperta di ghiaccio?

Una parte della mappa di Piri Reis del 1513.
Una parte della mappa di Piri Reis del 1513. (Dominio pubblico)

Alcuni pensano che una mappa creata dall’ammiraglio e cartografo turco Piri Reis nel 1513, ma derivata da varie mappe precedenti, rappresenti l’Antartide com’era in un’epoca molto remota prima che fosse ricoperta di ghiaccio.

La mappa mostrerebbe una massa continentale sporgere dalla costa meridionale del Sud America. Il capitano Lorenzo W. Burroughs, dell’aeronautica americana nella sezione cartografica, scrisse una lettera al dottor Charles Hapgood nel 1961 dicendo che questa massa continentale sembra mostrare accuratamente la costa dell’Antartide come è sotto il ghiaccio.

Il Dr. Hapgood (1904–1982) fu uno dei primi a suggerire pubblicamente che la mappa di Piri Reis rappresenti l’Antartide in epoca preistorica. Era uno storico istruito ad Harvard le cui teorie sui cambiamenti geologici guadagnarono l’ammirazione di Albert Einstein. Hapgood ha ipotizzato che le masse terrestri si siano spostate, spiegando perché l’Antartide è mostrato come collegato al Sud America.

Gli studi moderni confutano la teoria di Hapgood secondo cui un tale cambiamento avrebbe potuto avvenire entro migliaia di anni, ma mostrano che potrebbe essere avvenuto entro milioni di anni.

Rilevatore di terremoti di 2.000 anni

Una replica di un antico sismoscopio cinese della dinastia Han orientale (25-220 d.C.) e del suo inventore, Zhang Heng.
Una replica di un antico sismoscopio cinese della dinastia Han orientale (25-220 d.C.) e del suo inventore, Zhang Heng. (Wikimedia Commons)

Nel 132 d.C., Zhang Heng creò il primo sismoscopio al mondo. Come funzioni esattamente rimane un mistero, ma le repliche hanno funzionato con una precisione paragonabile agli strumenti moderni.

Le cronache riportano che nel 138 d.C. il sismoscopio indicò correttamente il verificarsi di un terremoto a circa 500 chilometri a ovest di Luoyang, la capitale. Nessuno aveva sentito il terremoto a Luoyang e l’avvertimento non fu creduto fino a quando un messaggero giunse, giorni dopo, chiedendo aiuto.

Tubi di 150.000 anni?

Grotta di Baigong, con foto del tubo in basso a sinistra
Grotta di Baigong, con foto del tubo in basso a sinistra

Le grotte vicino al Monte Baigong in Cina contengono tubi che conducono a un lago vicino. Sono stati datati dall’Istituto di geologia di Pechino a circa 150.000 anni fa, secondo Brian Dunning di Skeptoid.com.

Il media statale Xinhua ha riferito che i tubi sono stati analizzati in una fonderia locale e l’8% del materiale non è stato identificato. Zheng Jiandong, un ricercatore di geologia della China Earthquake Administration, ha dichiarato nel 2007 al quotidiano statale People’s Daily che alcuni tubi erano altamente radioattivi.

Jiandong ha affermato che magma ricco di ferro potrebbe essere salito dalle profondità della Terra, portando il ferro in fessure dove potrebbe essersi solidificato in tubi. Anche se ha ammesso: “C’è davvero qualcosa di misterioso in questi tubi“. Ha citato la radioattività come esempio delle strane qualità dei tubi.

Meccanismo di Antikythera

Il meccanismo di Antikythera è un dispositivo meccanico di 2000 anni utilizzato per calcolare le posizioni del sole, della luna, dei pianeti e persino le date degli antichi Giochi Olimpici.
Il meccanismo di Antikythera è un dispositivo meccanico di 2000 anni utilizzato per calcolare le posizioni del sole, della luna, dei pianeti e persino le date degli antichi Giochi Olimpici. (Wikimedia Commons)

Un meccanismo, spesso indicato come un antico “computer”, costruito dai greci intorno al 150 aC, era in grado di calcolare i cambiamenti astronomici con grande precisione.

Era talmente sofisticato che, se non fosse stato scoperto, nessuno avrebbe creduto alla sua esitenza“, ha detto il matematico Tony Freeth in un documentario NOVA. Mathias Buttet, direttore della ricerca e dello sviluppo per il produttore di orologi Hublot, ha dichiarato in un video rilasciato dal Ministero della Cultura e del Turismo della Repubblica ellenica: “Questo meccanismo di Antikythera include caratteristiche ingegnose che non si trovano nella moderna orologeria“.

Punta da trapano nel carbone

Un certo John Buchanan, il 13 dicembre 1852 presentò un oggetto misterioso a una riunione della Society of Antiquaries of Scotland. Una punta da trapano era stata trovata incapsulata in uno spesso strato di carbone, sepolto in un letto di argilla mista a massi spesso oltre 2 metri.

Si dice che il carbone della Terra si sia formato centinaia di milioni di anni fa. La Società ha deciso che lo strumento era di aspetto moderno e probabilmente parte di un trivellatore rotto durante una precedente ricerca di carbone.

Il rapporto dettagliato di Buchanan non includeva alcun segno che il carbone che circondava lo strumento fosse stato già perforato.

Sfere vecchie di 2,8 miliardi di anni?

In alto a sinistra, in basso a destra: sfere, note come sfere di Klerksdorp, trovate nei depositi di pirofillite (pietra delle meraviglie) vicino a Ottosdal, in Sudafrica. (Robert Huggett) In alto a destra, in basso a sinistra: oggetti simili conosciuti come marmi Moqui dalla Navajo Sandstone del sud-est dello Utah.
In alto a sinistra, in basso a destra: sfere, note come sfere di Klerksdorp, trovate nei depositi di pirofillite (pietra delle meraviglie) vicino a Ottosdal, in Sudafrica. (Robert Huggett) In alto a destra, in basso a sinistra: oggetti simili conosciuti come marmi Moqui dalla Navajo Sandstone del sud-est dello Utah. (Paolo Enrico)

Alcuni hanno detto che queste sfere con sottili scanalature attorno a loro trovate nelle miniere in Sud Africa sono masse di materia minerale formate naturalmente. Altri hanno affermato che sono state modellate con precisione da una mano umana preistorica.

I globi, che hanno una struttura fibrosa all’interno con un guscio attorno, sono molto duri e non possono essere graffiati, nemmeno dall’acciaio“, ha detto Roelf Marx, curatore del museo di Klerksdorp, in Sud Africa, secondo il libro di Michael CremoArcheologia proibita: la storia nascosta della razza umana“. Marx sostiene che le sfere hanno circa 2,8 miliardi di anni.

Se sono masse minerali, non è chiaro come si siano formate esattamente.

Colonna di ferro di Delhi

Un'iscrizione del 400 d.C. circa del re Candragupta II sulla colonna di ferro di Delhi.
Un’iscrizione del 400 d.C. circa del re Candragupta II sulla colonna di ferro di Delhi. (Venere Upadhayaya/Epoch Times)

Questo pilastro ha almeno 1.500 anni, ma potrebbe essere più vecchio. Rimane privo di ruggine ed è di una purezza sbalorditiva. È composto per il 99,72% da ferro, secondo il professor AP Gupta, capo del Dipartimento di scienze applicate e scienze umane presso l’Istituto di tecnologia e gestione in India.

Nei tempi moderni, il ferro battuto viene realizzato con una purezza del 99,8 per cento, ma contiene manganese e zolfo, due ingredienti assenti nel pilastro.

È stato realizzato almeno “400 anni prima che la più grande fonderia conosciuta del mondo potesse produrlo“, ha scritto John Rowlett in “A Study of the Craftsmen of Ancient and Medieval Civilizations to Show the Influence of their Training on our Present Day Method of Educazione commerciale”.

Spada vichinga Ulfbehrt

Una spada Ulfberht esposta al Germanisches Nationalmuseum, Norimberga, Germania.
Una spada Ulfberht esposta al Germanisches Nationalmuseum, Norimberga, Germania. (Martin Kraft/Wikimedia Commons)

Quando gli archeologi trovarono la spada vichinga Ulfbert, risalente all’800-1000 d.C., rimasero sbalorditi. Non riuscivano a vedere come la tecnologia per realizzare una tale spada fosse disponibile prima della Rivoluzione Industriale, 800 anni dopo.

Il suo contenuto di carbonio è tre volte superiore rispetto ad altre spade del suo tempo e le impurità sono state rimosse a tal punto che il minerale di ferro deve essere stato riscaldato ad almeno 3.000 gradi Fahrenheit.

Con grande sforzo e precisione, il moderno fabbro Richard Furrer del Wisconsin ha forgiato una spada di qualità Ulfberht utilizzando la tecnologia che sarebbe stata disponibile nel Medioevo. Ha detto che era la cosa più complicata che avesse mai fatto, e ha usato metodi che non si sapeva fossero stati usati da persone di quel tempo.

Ponte vecchio di un milione di anni?

Adam's Bridge, noto anche come Rama's Bridge, o Ram Setu, tra l'India e lo Sri Lanka.
Adam’s Bridge, noto anche come Rama’s Bridge, o Ram Setu, tra l’India e lo Sri Lanka. (NASA)

Secondo un’antica leggenda indiana, il re Rama costruì un ponte tra l’India e lo Sri Lanka più di un milione di anni fa. Quelli che sembrano essere i resti di un tale ponte sono stati visti dalle immagini satellitari, ma molti dicono che si tratta di una formazione naturale.

Il dottor Badrinarayanan, ex direttore del Geological Survey of India, ha studiato i campioni ricavate dal carotaggio del presunto. Rimase perplesso dalla presenza di massi sopra uno strato di sabbia marina e ipotizzò che i massi dovessero essere stati posizionati artificialmente.

Nessuna singola spiegazione naturale è stata concordata dai geologi. La datazione è, però, controversa poiché alcuni affermano che una determinata parte del ponte (come i campioni di corallo) non può fornire un’immagine fedele dell’età dell’intero ponte.

Candela di 500.000 anni?

Nel 1961, tre persone erano alla ricerca di geodi per il loro negozio di gioielli e articoli da regalo a Olancha, in California, quando trovarono quella che sembrava essere una candela da auto racchiusa in un geode. Virginia Maxey, una dei tre scopritori, disse all’epoca che un geologo esaminò i fossili attorno al dispositivo e datò il dispositivo a 500.000 anni o più.

Il geologo non è mai stato nominato e l’attuale ubicazione del manufatto è sconosciuta. I critici dell’affermazione, Pierre Stromberg e Paul V. Heinrich, hanno esaminato una lastra ai raggi X e uno schizzo del manufatto. La loro conclusione è che si trattava di una candela moderna racchiusa in una concrezione di rapida formazione piuttosto che un geode.

Muro preistorico vicino alle Bahamas?

Un muro di roccia a forma di blocco grande e spesso è stato trovato al largo della costa delle Bahamas nel 1968. L’archeologo William Donato ha condotto più immersioni per indagare sul muro e ipotizza che si tratti di una struttura artificiale di circa 12.000-19.000 anni costruita per proteggere un insediamento preistorico dalle onde.

Ha scoperto che si tratta di una struttura a più livelli che include pietre di sostegno che sembrano essere state collocate lì da mani umane. Ha anche trovato quelle che crede essere pietre di ancoraggio con fori per le corde.

Il dottor Eugene Shinn, un geologo in pensione che ha lavorato per l’US Geological Survey, ha detto che i campioni di roccia di base che ha prelevato sembrano essersi fermati dove si trovano e non si sono formati altrove per poi essere trasportati nella sua posizione attuale.

I suoi scritti successivi affermano che tutti i campioni portano a conclusioni simili, cosa che sembra dimostrare che si tratta di una formazione naturale.

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Venere di Brassempouy: all’avanguardia già 23.000 anni fa

La Venere di Brassempouy è una straordinaria scultura in...

Cosa sono i prodotti a base di CBD e quali sono i loro benefici

Il cannabidiolo, comunemente noto come CBD, è uno dei...

Le prove dell’allunaggio

A dispetto della propaganda russa, improvvisamente interessata, dopo 50 anni, a sostenere che l'allunaggio sia stato una montatura, e delle competenti parole di campioni dello sport, notoriamente preparati in ingegneria, fisica e astrofisica, siamo stati sulla Luna e abbiamo a disposizione le prove dell'allunaggio, basta avere voglia di esaminarle

In che modo lo spray anti-THC garantisce la tua tranquillità?

La cannabis è diventata un argomento di preoccupazione per...

Offerte Amazon di oggi: tablet super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Puglia 2024: tutti gli eventi per un’estate indimenticabile

I villaggi all inclusive in Puglia stanno diventando sempre...

Le giornate sulla Terra si stanno allungando a causa del clima

Studi recenti, basati sull'intelligenza artificiale, hanno rivelato che il...

WorldView Legion: 2 satelliti di categoria superiore

Il 18 luglio 2024, Maxar Intelligence ha rilasciato le...

Articoli correlati

Popular Categories