Nuovo enorme buco coronale sul Sole

Un nuovo gigantesco “buco” è apparso sulla superficie del Sole e potrebbe inviare venti solari a 2,8 milioni di chilometri orari verso la Terra entro venerdì.

Questo accade dopo la scoperta della settimana scorsa di un buco coronale sul Sole 30 volte più grande della Terra che ha inviato verso il nostro pianeta un flusso di vento solare che ha provocato aurore diffuse e problemi alle comunicazioni nella parte alta dell’emisfero settentrionale. Quando questo primo “buco” si è spostato seguendo la rotazione del Sole, è apparso un nuovo gigantesco buco coronale, largo circa 18-20 terre.

I buchi coronali rilasciano venti solari nello spazio, che possono danneggiare i satelliti e generare aurore mozzafiato se l’emissione di plasma è puntata verso il nostro pianeta. Non cì+ però da preoccuparsi, gli studiosi non temono che l’emissione di massa coronale generata da questo buco possa danneggiare le infrastrutture elettriche sulla superficie della Terra anche se affermano che potrebbe innescare spettacolari aurore in alcune parti del mondo. Ecco perché.

Il “buco” è posizionato vicino all’equatore del Sole

I buchi coronali sono abbastanza comuni, ma di solito appaiono verso i poli del Sole da cui i loro venti vengono espulsi nello spazio. Al momento, però, il Sole si sta preparando al picco di attività del proprio ciclo che si verifica circa ogni 11 anni, ed è più probabile che questi buchi appaiano vicino all’equatore del Sole, come ha spiegato Mathew Owens, professore di fisica spaziale all’Università di Reading.

Quando questi eventi si generano vicino all’equatore solare siamo praticamente sicuri di vedere un vento veloce sulla Terra un paio di giorni dopo che il buco è scivolato oltre il meridiano centrale“, ha detto il professore in un’intervista a Businnes Insider.

I buchi coronali possono generare venti solari molto veloci, con velocità superiori a 800 chilometri al secondo.

La forma di questo buco coronale non è particolarmente speciale. Tuttavia, la sua posizione lo rende molto interessante“, ha spiegato Daniel Verscharen, professore associato di fisica e del clima dello spazio all’University College di Londra. “Mi aspetterei che un po’ di vento veloce da quel buco nella corona arrivi sulla Terra tra venerdì notte e sabato mattina di questa settimana“.

I fori coronali consentono ai venti solari di sfuggire più facilmente al Sole

SunRotationShowingSecondHoleMarch2023GIFBI
Il foro coronale è apparso alla vista mentre il Sole ruotava. (NASA/Osservatorio sulla Dinamica Solare)

Il Sole è una grande palla di plasma. Quel plasma ribolle dall’interno del Sole alla sua superficie e, mentre lo fa, crea campi magnetici che rifluiscono e si gonfiano, si scontrano e si fondono.

Un buco coronale appare quando quei campi magnetici si proiettano verso l’alto nello spazio, secondo la NASA. Ciò rende molto più facile ai venti solari – frammenti di plasma del Sole – fuggire nello spazio ad alta velocità.

Quelle aree sono generalmente più fredde e meno dense del plasma caldo e ribollente circostante, il che spiega perché appaiono come macchie più scure sulla superficie del Sole. Se quelle linee magnetiche sono rivolte verso la Terra, quel vento raggiungerà la nostra atmosfera.

Potremmo avere aurore molto luminose

AurorasInLaCrosseMarch2023BI
Aurore a La Crosse, Wisconsin, venerdì scorso. (NWS La Crosse/Business Insider)

La scorsa settimana i cieli si sono illuminati di brillanti aurore che sono state avvistate fino negli Stati Uniti meridionali ma in quel caso erano avvenute diverse espulsioni di massa coronale quasi in contemporanea generando un’enorme tempesta geomagnetica, motivo per cui l’effetto è stato così forte.

Nel caso di questo buco coronale, è improbabile che accada di nuovo, secondo gli esperti. Questo è un peccato per i fan delle aurore, ma è probabilmente una buona notizia per la difesa planetaria, poiché forti tempeste geomagnetiche possono devastare satelliti, infrastrutture e segnali radio.

Dubito che accadrà nulla di rilevante, a meno che non capiti un CME diretto dalla Terra nello stesso periodo“, ha detto Owens.

Purtroppo, è sempre difficile prevedere con precisione il tempo spaziale. “Siamo davvero indietro con le nostre capacità di previsione per la meteorologia spaziale“, ha affermato Verscharen. “Ecco perché stiamo lavorando molto duramente per comprenderla“, ha aggiunto, “con l’aiuto della fisica teorica, simulazioni su supercomputer e osservazioni all’avanguardia con i più recenti veicoli spaziali, come la missione congiunta ESA-NASA Solar Orbiter“.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Venere: individuati possibili segni di vita

Un team di ricercatori ha presentato nuove prove della...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Flavanoli per controllare la pressione sanguigna naturalmente

Gli alimenti ricchi di flavanoli, come mele, bacche, noci e...

BYD Dolphin Stile, Prestazioni e Sostenibilità in un’Auto Elettrica Compatta

Introduzione Nell'era moderna, la sostenibilità non è solo una scelta,...

5 trucchi per crescere su Instagram nel 2024

I social sono il presente e il futuro della...

Rhodosporidiobolus fluvialis: nuovo fungo patogeno scoperto in Cina

Un team di scienziati cinesi ha scoperto il Rhodosporidiobolus...

Parigi 2024: l’AI al servizio dei giochi olimpici

Intel e il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) hanno siglato...

Pulsar: ne sono state scoperte 10 in Terzan 5

Nel cuore della nostra galassia, la Via Lattea, un...

Articoli correlati

Popular Categories