4.5 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomeEsplorazione SpazialeLa NASA prevede di ritirare la ISS facendola schiantare nell'oceano

La NASA prevede di ritirare la ISS facendola schiantare nell’oceano

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La NASA prevede di continuare a far funzionare la stazione fino al 2030, dopodiché la ISS verrà fatta precipitare in una parte remota dell’Oceano Pacifico. Tuttavia, il suo prossimo e (probabilmente) ultimo decennio sarà molto importante.  

Dal 2031 la ISS sarà sostituita 

La stazione spaziale è stata lanciata nel novembre del 1998 e ha orbitato a 227 miglia nautiche sopra la Terra, accogliendo 200 astronauti da tutto il mondo. Dal 2031 in poi, la ISS sarà sostituita da piattaforme spaziali gestite commercialmente, ciò che la NASA ha descritto come un luogo di collaborazione e ricerca scientifica con il settore privato.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Il settore privato è tecnicamente e finanziariamente in grado di sviluppare e gestire destinazioni commerciali nell’orbita terrestre bassa, con l’assistenza della NASA. Non vediamo l’ora di condividere le nostre lezioni apprese e l’esperienza operativa con il settore privato per aiutarli”, ha affermato Phil McAlister, direttore dello spazio commerciale della NASA, in un comunicato stampa.

La notizia arriva come parte dell’ISS Transition Report della NASA, che è stato consegnato al Congresso. L’agenzia spaziale ha affermato che prevede che la ISS cada in un’area disabitata dell’Oceano Pacifico meridionale, nota anche come “Point Nemo”, il punto più lontano dell’oceano dalla terraferma, una normale tomba acquosa per molti altri veicoli spaziali.

Point Nemo
Point Nemo

L’area si trova a 2.000 miglia a nord dell’Antartide e 3.000 miglia della Nuova Zelanda. Secondo uno studio del 2019, circa 300 frammenti di detriti spaziali sono stati affondati lì dal 1971, per lo più di origine statunitense e russa. La NASA ha affermato che la stazione spaziale effettuerà manovre di spinta che assicurerebbero un “ingresso sicuro nell’atmosfera terrestre”.

Il prossimo decennio

Nonostante la disattivazione in meno di dieci anni, la NASA ha ancora piani ambiziosi per la ISS. L’obiettivo più importante è svolgere ricerche a beneficio dell’umanità, guidando anche la cooperazione internazionale e aiutando il volo spaziale privato statunitense a espandersi consentendo l’esplorazione dello spazio profondo. La Stazione Spaziale potrebbe essere utilizzata come “analogo per una missione di transito su Marte”, ha affermato la NASA.

“La ISS sta entrando nel suo terzo e più produttivo decennio come piattaforma scientifica rivoluzionaria in microgravità”, ha affermato in una nota Robyn Gatens, direttore della Stazione Spaziale. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La NASA sta lavorando da tempo alla transizione per la ISS. La prima fase ha riguardato accordi con Blue Origin, Nanoracks e Northrop Grumman, tre società che vogliono costruire stazioni spaziali private in orbita terrestre. La NASA ha anche stretto un accordo con Axiom Space, che lancerà moduli sulla ISS.

La prima fase dovrebbe durare fino al 2025. La seconda fase sarà simile all’approccio adottato dalla NASA con i servizi di trasporto dell’equipaggio privato da e verso la ISS, si legge nel rapporto. Nel 2014, l’agenzia ha assegnato contratti a Boeing e SpaceX, che da maggio 2020 ha lanciato più missioni con il suo razzo Falcon 9.

La ISS è stata sede di numerosi studi scientifici nel corso degli anni. Nel 2016, l’astronauta Kate Rubins ha sequenziato per la prima volta il DNA nello spazio. La prima insalata coltivata nello spazio con lattuga e verdure è stata mangiata dagli astronauti nel 2015. Un oggetto è stato stampato in 3D sulla stazione spaziale per la prima volta nel 2014. E presto ne arriveranno altre.

Articoli più letti