14.6 C
Rome
sabato, Dicembre 3, 2022
HomeEsplorazione SpazialeLa Cina potrebbe usare un "satellite killer"

La Cina potrebbe usare un “satellite killer”

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Il capo della US Space Force, il generale John Raymond, ha avvertito che la sicurezza nello spazio rientrerà in uno “spettro completo di minacce” da parte della Cina che richiederà una sostanziale cooperazione internazionale, secondo un rapporto iniziale di Nikkei Asia.

Resta da vedere se si verificherà uno scontro nello spazio, ma con Cina, Russia e Stati Uniti pronti a sviluppare un mezzo per danneggiare le reciproche reti satellitari, potrebbe essere una questione di tempo prima che le crescenti tensioni costringano la questione al dialogo, o a qualcos’altro.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Lo spazio è alla base di tutti gli “strumenti del potere nazionale”

Raymond ha dichiarato che la Cina sta costruendo “di tutto, dai disturbatori reversibili del nostro sistema GPS – che fornisce navigazione e tempismo con precisione, al disturbo dei satelliti di comunicazione”, secondo il rapporto Nikkei“Hanno missili che possono lanciare da terra e distruggere i satelliti. Sono convinto che queste capacità che stanno sviluppando potrebbero essere utilizzate in qualsiasi potenziale conflitto”. Come primo incaricato della Space Force nel 2019, la voce di Raymond ha un peso nel sesto ramo dell’esercito di recente formazione, che sta rapidamente diventando paragonabile ad altri servizi, come la Marina o l’esercito degli Stati Uniti.

Raymond ha trascorso più di trent’anni nell’esercito, principalmente nell’aeronautica, ed è stato di stanza nella base aerea USA di Yokota in Giappone dal 2010 in poi, dove è stato vice comandante della Quinta aeronautica. Sulla scia del terremoto e dello tsunami del marzo 2011 in Giappone, Raymond è stato attivo nell’operazione Tomodachi, in cui l’esercito americano ha offerto aiuto alla popolazione colpita dalla miscela composita di disastri umani e naturali. Per lui, i futuri interessi degli Stati Uniti nello spazio devono affrontare i fatti che l’ultima frontiera è ora “molto più competitiva”, ha affermato nel rapporto Nikkei . “Lo spazio è alla base di tutti i nostri strumenti di potere nazionale, siano essi diplomatici, economici, informativi e di sicurezza nazionale”.

Eliminare le reti satellitari potrebbe paralizzare la logistica militare globale

“La competizione tra le grandi potenze è più ampia della semplice competizione tra le forze armate”, ha affermato Raymond nel rapporto, riferendosi a Cina e Russia. “Attraversa tutti gli aspetti dei governi. Lo spazio è fondamentale per questo”. È difficile negare che i satelliti siano fondamentali per molte manovre e strategie militari dell’esercito statunitense, dal collegamento di diverse navi tramite comunicazioni al monitoraggio del lancio di missili dei veicoli nemici. Affermando questo sentimento, Raymond ha aggiunto: “L’accesso allo spazio e la libertà di manovra nello spazio sono molto importanti”.

la Cina potrebbe sviluppare missili anti-satellite e persino dispositivi di disturbo GPS

I satelliti orbitali sono diventati così critici per le operazioni statunitensi che alcuni funzionari hanno criticato la dipendenza come potenziale vulnerabilità, poiché, in caso di conflitto clandestino con la Russia o la Cina, l’obiettivo più urgente per entrambe le parti sarebbe quello di eliminare il satellite statunitense Rete. Non possiamo sottolineare abbastanza quanto questo possa essere paralizzante per la capacità del paese di portare avanti una lotta nel 21° secolo. Ed è per questo che la Cina è particolarmente preoccupante, secondo Raymond. Oltre ai “satelliti killer” con spaventosi bracci robotici che potrebbero neutralizzare altri satelliti, Raymond pensa che la Cina sia pronta a sviluppare missili anti-satellite e persino dispositivi di disturbo GPS. Ma mentre secondo quanto riferito la Cina e la Russia hanno promesso la loro apertura alla discussione nei limiti internazionali sulla messa in campo di nuove armi spaziali, (che richiederebbe agli Stati Uniti di limitare i propri dispiegamenti di armi spaziali), finora i funzionari di Washington hanno rifiutato tutte le proposte dei due paesi. Quindi, sullo sfondo della corsa allo spazio, le principali potenze del mondo si contendono le condizioni di pace nello spazio, il che potrebbe essere molto fragile.

Articoli più letti