Gateway: la Nasa mostra la stazione spaziale lunare in 3D – Video

Entro la fine del decennio, ci sarà un’altra stazione in orbita: Gateway. Ma non sarà in orbita terrestre bassa come la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) o la Tiangong cinese. Sarà in orbita attorno alla Luna, diventando il primo avamposto dell’umanità nel Deep Space.

Gateway

Gateway sarà in orbita attorno alla Luna

La NASA ha fornito uno splendido video per mostrarla. Il Gateway è una collaborazione internazionale tra la NASA, l’Agenzia Spaziale Europea (ESA), la Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA), la Canadian Space Agency (CSA) e il Mohammed Bin Rashid Space Centre (MBRSC) degli Emirati.

La costruzione dovrebbe iniziare nel 2025 con il lancio dell’Habitation and Logistics Outpost (HALO) e del Power and Propulsion Element.

La propulsione renderà Gateway il veicolo spaziale solare elettrico più potente mai lanciato. L’energia è necessaria per mantenere la stazione nella particolare “orbita dell’alone quasi rettilineo” o NRHO , che è approssimativamente perpendicolare al piano orbitale della Luna.

Sette giorni attorno alla Luna

La NASA invierà Gateway in un percorso allungato di 7 giorni attorno alla Luna, avvicinandolo fino a 3.000 chilometri dal Polo Sud lunare e fino a 70.000 chilometri dal Polo Nord. Gli astronauti avranno sempre contatti con la Terra.

Inoltre, non serve troppa energia per raggiungerla dalla Terra o per salire e scendere dalla superficie della Luna. I veicoli che lo faranno sono visibili nel video. C’è la Orion Capsule che porterà gli astronauti di Artemis dalla Terra sullo Space Launch System della NASA, così come il sostituto dello Human Landing System che a sua volta sarà la Starship di SpaceX o la Blue Moon di Blue Origin.

I ritardi nei test della Starship potrebbero ritardare Artemis III come primo equipaggio ad atterrare sulla Luna da decenni. È programmato per settembre 2026, ma recenti analisi del Government Accountability Office potrebbero suggerire che la missione potrebbe essere posticipata fino al 2028. Questo potrebbe spostare alcune delle tappe fondamentali per la costruzione della Gateway.

Artemis IV trasporterà il Lunar I-Hab , una struttura ESA con il contributo di JAXA. Il piano era di portarlo alla Gateway nel 2028. Sarebbe poi stato seguito da altri moduli nelle successive missioni Artemis, concludendo la prima fase di costruzione nel 2031.

Gateway non sarà abitata in modo permanente come la ISS, ma ospiterà l’equipaggio per un periodo di tempo, pianificando e riportando missioni sulla superficie della Luna e conducendo alcuni esperimenti scientifici più lontani dal pianeta che mai.

Conclusioni

A partire dalla missione Artemis IV nel 2028, i team internazionali di astronauti che vivono, conducono attività scientifiche e si preparano per le missioni nella regione del Polo Sud lunare su Gateway saranno i primi esseri umani a stabilirsi nel Deep Space.

Carichi utili scientifici iniziali studieranno la radiazione solare e cosmica, un fenomeno poco compreso che è una delle principali preoccupazioni per le persone e l’hardware che viaggiano nello Deep Space, incluso Marte.

I carichi utili visibili sono: ERSA (European Radiation Sensors Array), fornito dall’ESA, collegato al Power and Propulsion Element, e HERMES (Heliophysics Environmental and Radiation Measurement Experiment Suite) guidato dalla NASA è collegato ad HALO. Un terzo carico utile scientifico sulle radiazioni, IDA (Internal Dosimeter Array), fornito dall’ESA e dalla JAXA, sarà all’interno di HALO.

HALO (Habitation and Logistics Outpost) è il nesso di comando e controll che fornirà comunicazioni tra la Terra e la superficie lunare con il sistema Lunar Link fornito dall’ESA (Agenzia spaziale europea). HALO ospiterà sistemi di supporto vitale, tra cui attrezzature per esercizi e banche di carico scientifico.

Orion trasporterà team internazionali di astronauti e tre moduli (Lunar I-Hab, Lunar View e il Crew and Science Airlock) alla stazione spaziale lunare.Human Landing System (HLS) di riferimento governativo, trasporterà gli astronauti da e verso la regione del Polo Sud lunare. SpaceX e Blue Origin hanno un contratto per fornire rispettivamente Starship HLS e Blue Moon HLS.

Gateway fa parte dell’architettura Artemis, volta a riportare l’uomo sulla superficie lunare per effettuare scoperte scientifiche e tracciare un percorso per l’esplorazione umana in profondità nel sistema solare, ad esempio su Marte e oltre.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Scimpanzé: inaspettato come il 14% delle interazioni siano gesti

La comunicazione è una delle caratteristiche più distintive degli...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Geoingegneria: 5 rischi dell’innovativo piano per il clima

Negli ultimi anni, la crisi climatica è diventata una...

Flavanoli per controllare la pressione sanguigna naturalmente

Gli alimenti ricchi di flavanoli, come mele, bacche, noci e...

BYD Dolphin Stile, Prestazioni e Sostenibilità in un’Auto Elettrica Compatta

Introduzione Nell'era moderna, la sostenibilità non è solo una scelta,...

L’elusivo effetto Unruh

Un nuovo approccio potrebbe consentire di rilevare l'elusivo effetto Unruh in poche ore, anziché in miliardi di anni

Sviluppati raggi traenti metasuperficiali

I ricercatori del TMOS, l'ARC Centre of Excellence for...

HIV: il 7°paziente guarisce grazie al trapianto di cellule staminali

Un uomo tedesco di 60 anni è probabilmente la...

Articoli correlati

Popular Categories