SpaceX: i competitor chiedono al governo federale di limitarne i lanci

United Launch Alliance e Blue Origin sono preoccupate per i piani di SpaceX di lanciare il suo enorme razzo Starship dalla Florida. Nei documenti presentati alla Federal Aviation Administration nel mese di giugno 2024, ULA e Blue Origin hanno sollevato preoccupazioni circa l’impatto delle operazioni di lancio della Starship sulle loro attività sulla Space Coast della Florida.

Starship: oggi 14 Marzo 2024 il 3° lancio a partire dalle 12.00 (segui lo streaming), Starship IFT-3, SpaceX

I competitor di SpaceX chiedono di limitarne le attività

Blue Origin, la società spaziale di Jeff Bezos, ha esortato il governo federale a prendere in considerazione la possibilità di limitare il numero di lanci e atterraggi della Starship, test di lancio e altre operazioni, e di limitare le attività di SpaceX a orari specifici.

Elon Musk, fondatore e CEO di SpaceX, ha definito la richiesta di Blue Origin alla FAA: “Una risposta palesemente disonesta. Non è carino da parte loro cercare (per la terza volta) di impedire i progressi di SpaceX con la guerra legale”.

La FAA e SpaceX stanno preparando una dichiarazione di impatto ambientale per i lanci e gli atterraggi del booster Super Heavy e del razzo Starship presso il Launch Complex 39A del Kennedy Space Center (KSC) della NASA, mentre la US Space Force sta collaborando con la società a una simile analisi ambientale per i voli della Starship dallo Space Launch Complex 37 presso la vicina Cape Canaveral Space Force Station (CCSFS).

Queste revisioni probabilmente non saranno completate prima della fine del 2025, al più presto, e solo allora l’agenzia di Musk, che deve anche costruire infrastrutture di lancio in entrambi i siti, avrà l’autorizzazione a lanciare Starship dalla Florida, il che potrebbe richiedere un paio d’anni. I lavori sono già in corso presso il Launch Complex 39A.

il processo di revisione ambientale

Durante il processo di revisione ambientale, la FAA dovrebbe valutare in che modo i voli regolari della Starship riutilizzabile, fino a 120 lanci all’anno, influenzeranno gli altri fornitori di lanci che operano a Cape Canaveral, hanno affermato ULA e Blue Origin. La cadenza di lancio finale proposta da SpaceX da ogni sito farà parte delle bozze di valutazione ambientale pubblicate per commenti pubblici entro la fine del 2024.

SpaceX ha in programma di lanciare satelliti Starlink, carichi utili dei clienti e missioni per supportare gli atterraggi lunari Artemis della NASA dalle rampe di lancio in Florida. Ottenere una rampa di lancio in Florida è uno dei vari ostacoli che deve affrontare per sviluppare una versione di Starship con atterraggio lunare con classificazione umana, oltre a dimostrare il rifornimento orbitale.

I lanci e gli atterraggi di Starship-Super Heavy: “Si prevede che avranno un impatto ambientale maggiore di qualsiasi altro sistema di lancio attualmente operativo al KSC o al CCSFS“, ha dichiarato Blue Origin. Nella sua configurazione attuale, Starship è il razzo più potente della storia e la società sta sviluppando una versione più grande, alta 150 metri con quasi 16.700 tonnellate metriche di propellente. Questa variante più grande è quella che volerà da Cape Canaveral.

“È un razzo molto, molto grande, e sta diventando sempre più grande“, ha scritto Tory Bruno, CEO di ULA, in un post su X: “Quella quantità di propellente richiede una zona di evacuazione ogni volta che viene rifornito, che includa le strutture di altre persone. Un lancio settimanale ha livelli di rumore nocivi per tutto il tragitto fino alla città”.

Nel sito di lancio Starbase di proprietà privata di SpaceX nel Texas meridionale, la zona di evacuazione è impostata a 2,5 chilometri quando Starship e Super Heavy sono riempite con propellenti di metano e ossigeno liquido. Durante un lancio effettivo, il checkpoint è più indietro, a più di 5 chilometri dalla rampa.

“La capacità di lancio complessiva del Cape diminuirà se gli altri fornitori saranno costretti a evacuare le loro strutture ogni volta che un veicolo viene rifornito di carburante“, ha osservato Bruno.

Non conosciamo ancora il raggio delle zone di divieto per le operazioni di Starship in Florida, ma Blue Origin ha sostenuto che l’impatto delle attività di Starship in Florida: “Potrebbe essere persino maggiore che a Starbase”, presumibilmente a causa del razzo più grande che SpaceX prevede di lanciare da Cape Canaveral. Se così fosse, le rampe di lancio vicine dovrebbero essere evacuate durante le operazioni di Starship.

Basandosi puramente sulla geografia di Cape Canaveral, ULA sembra avere la preoccupazione maggiore. La sua rampa di lancio per il razzo Vulcan e Atlas V si trova a meno 3,5 chilometri dal Launch Complex 39A (LC-39A). La proposta di SpaceX di un massimo di 44 lanci da LC-39A: “Comporterà significative chiusure dello spazio aereo e del suolo, causerà impatti acustici avvertiti nelle operazioni vicine e potenzialmente produrrà detriti, particolato e danni alla proprietà“, ha affermato ULA.

La ULA ha aggiunto che questi rischi potrebbero impedirle di onorare i contratti per il lancio di satelliti essenziali per la sicurezza nazionale per l’esercito statunitense.

Essendo il più grande razzo esistente, un incidente causerebbe danni gravi o addirittura catastrofici, mentre le normali operazioni di lancio avrebbero un impatto cumulativo sulle strutture, sull’hardware del lanciatore e su altre attrezzature di supporto al lancio fondamentali“, ha spiegato ULA.

Conclusioni

Nel 2023 sono stati lanciati 72 razzi di classe orbitale dalla Space Coast della Florida, rispetto ai 57 del 2022. Nel 2025, lo spazioporto è sulla buona strada per circa 100 lanci, e forse di più se il tasso di lancio aumenta nei prossimi mesi, come spera SpaceX. Entro il 2030, la NASA prevede 225 lanci all’anno combinati presso Kennedy e Cape Canaveral Space Force Station.

Ci sono limitazioni fisiche alla crescita della capacità di lancio a Cape Canaveral. Nel 2023, l’esercito ha assegnato tre storiche rampe di lancio alla Cape Canaveral Space Force Station a piccole aziende startup di lancio. La NASA e la Space Force vogliono mantenere un cuscinetto tra le diverse rampe di lancio e tra le rampe di lancio e le aree pubbliche che circondano lo spazioporto.

Alcune aziende, come Rocket Lab e Firefly Aerospace, hanno deciso di basare i loro razzi altrove. Rocket Lab ha citato la cadenza di lancio già intensa a Cape Canaveral come una delle ragioni per cui ha optato per la costruzione di un sito di lancio in Virginia nel 2018. Nel mese di giugno 2024, Firefly Aerospace ha annunciato che posizionerà la sua prima rampa di lancio sulla costa orientale per il suo razzo Alpha in Virginia, invece che a Cape Canaveral come precedentemente pianificato.

Insieme, le porzioni militari e NASA dello spazioporto coprono più di 150.000 acri di paludi, spiagge e foreste sulla costa orientale della Florida. La maggior parte del terreno non è adatta alla costruzione di nuove rampe di lancio o hangar: “Non c’è molto terreno aperto allo sviluppo rispetto a quello che abbiamo già fatto”, ha affermato Burt Summerfield, direttore associato per la gestione presso il Kennedy Space Center.

In generale, al Capo, siamo al massimo della capacità, più o meno”, ha detto il colonnello James Horne, vicedirettore della direzione per l’accesso garantito allo spazio della Space Force: “Ci sono un paio di piazzole aggiuntive che non abbiamo ancora assegnato, ma stiamo lavorando a quel processo ora”.

Nella sua lettera alla FAA, Blue Origin ha sostenuto: “Gli investimenti governativi in infrastrutture di lancio aggiuntive” per rendere disponibili più rampe di lancio, il che potrebbe ridurre i conflitti tra le operazioni di lancio della Starship di SpaceX e quelle di altre aziende.

Alla fine della sua presentazione alla FAA, ULA è andata oltre, indicando che i regolatori prendano in considerazione l’idea di ostacolare qualsiasi lancio di Starship dalla Space Coast della Florida. È improbabile che questo accada, visto che una decisione del genere andrebbe contro gli interessi della NASA nel programma Starship, e forse anche quelli dell’esercito.

SpaceX ha sviluppato Starbase a Boca Chica (Texas) allo scopo di lanciare Starship, e attualmente conduce tutti i test e i lanci da quella posizione”, ha scritto ULA: “La FAA deve considerare Boca Chica come un’altra ragionevole alternativa all’azione proposta“.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

In Tendenza

Venere: individuati possibili segni di vita

Un team di ricercatori ha presentato nuove prove della...

Google Pixel 9 Pro Fold: arriva l’AI sul nuovo modello

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

Titano: i suoi mari di idrocarburi indicano processi geologici e metereologici in atto

I ricercatori della Cornell University hanno utilizzato i dati...

HIV: il 7°paziente guarisce grazie al trapianto di cellule staminali

Un uomo tedesco di 60 anni è probabilmente la...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Paradosso di Fermi: la realtà non è quella che ci appare

Tra i tentativi più fantasiosi di rispondere al paradosso di Fermi l'ipotesi del planetario vorrebbe che tutti noi fossimo immersi in una simulazione perfetta di una realtà virtuale.

Flavanoli per controllare la pressione sanguigna naturalmente

Gli alimenti ricchi di flavanoli, come mele, bacche, noci e...

Articoli correlati

Popular Categories