Nasa, aperto il contenitore dei campioni dell’asteroide Bennu

La navicella spaziale della NASA ha completato il suo viaggio di andata e ritorno verso l'asteroide Bennu con un atterraggio quasi a bersaglio della sua capsula di ritorno dei campioni domenica mattina nello Utah

Dante Lauretta, planetologo attivo presso l’università dell’Arizona, ha atteso quasi 20 anni prima di poter mettere le mani su esemplari incontaminati di un asteroide. Questi sono, a detta di Lauretta la chiave per scoprire le risposte ai misteri sull’origine della vita sulla Terra.

Martedì ha dato la prima occhiata ai granelli di polvere restituiti dalla missione OSIRIS-REx della Nasa. Per sicurezza, poiché ima cera quantità di polvere nera è stata rinvenuta sui bordi del coperchio del contenitore. i membri del team scientifico di OSIRIS-Rex puliranno parte della polvere per poi inviarla presso un laboratorio dove sarà sottoposto ad opportune analisi. Non c’è tuttavia dubbio che tali granelli di polvere provengano dall’asteroide Bennu, dove la missione OSIRIS-REx ha catturato rocce nel 2020 nel corso di un atterraggio “touch-and-go”.

La navicella ha completato la missione

La navicella spaziale della NASA ha completato il suo viaggio di andata e ritorno verso l’asteroide Bennu con un atterraggio quasi a bersaglio della sua capsula di ritorno dei campioni domenica mattina nello Utah.

La nave madre OSIRIS-REx (Origins, Spectral Interpretation, Resource Identification, Security-Regolith Explorer) ha rilasciato la capsula mentre accendeva i suoi propulsori per manovrare su una traiettoria che la ripoterà nello spazio profondo per l’estensione della sua missione verso un altro asteroide.

Le squadre di terra hanno recuperato rapidamente la capsula e l’hanno spedita dallo Utah al Johnson Space Center della NASA a Houston lunedì su un aereo cargo dell’aeronautica americana. Si è poi recato in una struttura di cura super pulita, appositamente costruita presso il centro spaziale, che ospita anche la collezione di rocce lunari riportate nelle missioni Apollo della NASA più di 50 anni fa.

Il contenitore del campione è stato quindi collocato all’interno di un vano portaoggetti per consentire agli scienziati di lavorare con l’hardware attraverso le aperture pressurizzate protette da guanti isolanti. Poi è arrivato il momento martedì in cui gli scienziati hanno aperto il coperchio.

Lauretta: “Speriamo provenga da Bennu”

Queste le dichiarazioni di Lauretta riportate da Ars Technica, lo scorso 26 settembre: “Abbiamo aperto il contenitore oggi e abbiamo visto che è visibile del materiale nero simile a polvere”. E inoltre: “Speriamo che provenga da Bennu. Domani mattina ne raccoglieremo una parte, che andrà direttamente nei laboratori”. Lo scienziato ha aggiunto: Questo è il nostro primo assaggio di ciò che potremmo avere. Ci sono buone indicazioni che potremmo avere un campione”.

Nasa, la missione conclusa su Bennu

Quando la navicella spaziale ha lasciato l’asteroide Bennu, largo circa 500 metri, nel 2020, gli ingegneri stimarono che la sonda avesse raccolto circa 250 grammi di campioni dalla superficie porosa di Bennu. La navicella spaziale ha campionato l’asteroide estendendo un braccio robotico per poi allontanarsi dalla superficie, contattando Bennu solo per pochi secondi. Quando ha toccato l’asteroide, la navicella spaziale ha rilasciato un’esplosione di gas per incanalare rocce e polvere in una camera di raccolta a forma di filtro dell’aria all’estremità del braccio del robot.

La scoperta degli scienziati

Gli scienziati hanno scoperto che la porta della camera di raccolta era incuneata con materiale roccioso più grande, con alcuni frammenti di roccia che fuoriuscivano nello spazio, quindi hanno deciso di riporre rapidamente il dispositivo di campionamento all’interno della capsula di ritorno per evitare di perdere altro materiale.

Ciò ha portato alcuni scienziati del team OSIRIS-REx a chiedersi se il veicolo spaziale sarebbe riuscito a tornare sulla Terra con un peso superiore ai 250 grammi stimati, che era quattro volte il requisito minimo per il successo della missione.

I ricercatori probabilmente non sapranno con certezza quanto materiale OSIRIS-REx ha portato a casa fino al mese prossimo. Ciò richiederà al team del laboratorio di Houston di rimuovere il meccanismo di campionamento TAGSAM dal suo sistema di ritenuta all’interno del contenitore, che lo proteggeva per il viaggio di ritorno sulla Terra. Quindi apriranno il dispositivo e, si spera, troveranno pezzi di roccia più grandi. Tutto ciò dovrebbe avvenire nelle prossime due settimane.

Articoli più letti

Related articles