Moon Sniper si risveglia e trasmette nuove immagini

Al contrario di quanto ci si aspettasse, il Moon Sniper del Giappone ha ripreso a funzionare, inviando nuove immagini del paesaggio lunare

2
3226
Moon Sniper, il lander giapponese che domani partirà per la Luna

Il Moon Sniper del Giappone è la missione lunare che continua a tornare in vita. Dopo essere rimasta inattiva per gran parte di febbraio, la navicella spaziale si è miracolosamente risvegliata durante il fine settimana e ha trasmesso nuove immagini alla Terra, secondo la Japan Aerospace Exploration Agency. Questa impresa era inaspettata dato che il lander lunare non era progettato per sopravvivere alle rigide temperature della Luna.

Moon Sniper, il lander giapponese che domani partirà per la Luna

Moon Sniper non smette di stupire e si riattiva

Conosciuto come SLIM, o Smart Lander for Investigating Moon, l’ atterraggio del veicolo robotico il 19 gennaio ha reso il Giappone, il terzo paese di questo secolo e il quinto in assoluto ad atterrare sulla Luna.

Durante la discesa, tuttavia, la navicella spaziale ha riscontrato un’anomalia ed è atterrata con il muso, il che significa che i suoi pannelli solari erano rivolti a ovest anziché in posizione verticale e non ricevevano la luce solare necessaria per generare energia.

Dopo solo un paio d’ore di funzionamento con una batteria limitata. Moon Sniper ha inviato un’immagine a mosaico del suo sito di atterraggio prima di spegnersi, il lander giapponese che domani partirà per la Luna. L’agenzia spaziale giapponese ha sperato che la luce potesse raggiungere le celle solari della navicella spaziale mentre l’angolo del sole sulla luna cambiava, consentendo al veicolo di risvegliarsi.



Infatti, il Moon Sniper, così chiamato per la tecnologia di precisione che gli ha permesso di atterrare a soli 55 metri dal suo bersaglio, si è svegliato 10 giorni dopo e ha iniziato a scattare nuove immagini.

Le ore di veglia della navicella erano brevi e il 31 gennaio il Moon Sniper è entrato in quello che la JAXA ha definito un “periodo di dormienza di due settimane durante la lunga notte lunare”. Secondo la NASA, le temperature durante la notte lunare possono scendere fino a meno 208 gradi Fahrenheit (meno 133 gradi Celsius).

L’ultima scena della Luna del Moon Sniper  prima della notte lunare è stata condivisa il giorno X del 1° febbraio, quando il team della missione ha inviato i comandi al Moon Sniper e ha confermato che era in uno stato dormiente.

La navicella spaziale non è stata progettata per resistere a tali temperature, ma il team aveva detto che avrebbe tentato di ristabilire nuovamente la comunicazione con il lander a metà febbraio.

Moon Sniper, l'atterraggio sulla Luna è stato un successo

Nel frattempo, una società con sede a Houston chiamata Intuitive Machines ha fatto atterrare la missione IM-1 senza equipaggio, chiamata anche Odysseus, al polo sud lunare, rendendola la prima navicella spaziale commerciale ad effettuare un atterraggio morbido sulla Luna e il primo veicolo fabbricato negli Stati Uniti a compiere un atterraggio morbido sulla Luna e raggiungere la superficie lunare dall’Apollo 17 nel 1972.

Come SLIM tuttavia, la missione “Odie” ha vissuto un po’ come un giro sulle montagne russe lunari che ha incluso il dover fare affidamento su una tecnologia sperimentale per atterrare e infine assestarsi su un fianco.

Durante il fine settimana, il team della missione SLIM ha inviato un comando a Moon Sniper e ha ricevuto una risposta: “Confermando che la navicella spaziale ha attraversato la notte lunare e ha mantenuto le capacità di comunicazione”, ha rivelato JAXA su X, precedentemente noto come Twitter.

La comunicazione con SLIM è stata interrotta dopo poco tempo, poiché era ancora mezzogiorno lunare e la temperatura delle apparecchiature di comunicazione era molto alta. Sono in corso i preparativi per riprendere le operazioni quando le temperature degli strumenti si saranno sufficientemente raffreddate“, ha condiviso l’agenzia nel suo post su X.

Le fredde notti lunari non hanno compromesso il Moon Sniper

“Le notti di luna erano fredde, ma i giorni di luna erano estremamente caldi. Quando abbiamo comunicato con la Terra ieri sera, la temperatura di alcune delle nostre apparecchiature era già superiore a 100 gradi Celsius (212 gradi Fahrenheit). Noi non ci aspettavamo che le temperature fossero così alte, ma è sorprendente che l’elettronica spaziale funzioni ancora!”.

Il lander giapponese SLIM è atterrato sulla Luna ma con qualche problema, Moon Sniper

Le temperature vicino all’equatore lunare possono raggiungere i 250 gradi Fahrenheit (121 gradi Celsius) durante il giorno. Secondo la NASA, un giorno lunare può durare 29,5306 giorni terrestri.

Mentre la navicella comunicava, ha catturato più immagini utilizzando la sua telecamera di navigazione e il team della missione sta analizzando i dati. Alcune immagini includono aree che non erano visibili nei dati precedenti restituiti dal lander.

Il team ha dichiarato di essere “entusiasta delle possibilità di ulteriori osservazioni”, ma non ha detto quando il lander riprenderà a studiare la superficie lunare.

2