Mercurio potrebbe essere molto più prezioso di quanto pensiamo

Essendo il pianeta più vicino al Sole, Mercurio è senza dubbio uno dei pianeti più intriganti del sistema solare

440

Essendo il pianeta più vicino al Sole, Mercurio è senza dubbio uno dei pianeti più intriganti del sistema solare. Rispetto alla nostra comprensione della Luna e di Marte, non si sa molto di questo pianeta con un ambiente ostile.

La crosta di Mercurio è formata da grafite, una forma pura di carbonio che può convertirsi in diamanti dopo essere stata colpita da asteroidi. Il pianeta è pieno di crateri dovuti a meteoroidi e comete che lo hanno colpito nel corso degli anni.

Ma ora, i ricercatori sembrano avere più dati sulla superficie di Mercurio. Una nuova ricerca presentata in anteprima questo mese alla Lunar and Planetary Science Conference suggerisce che la crosta di Mercurio potrebbe contenere 16 quadrilioni di tonnellate di diamanti.

“L’onda di pressione di asteroidi o comete che colpisce la superficie a decine di chilometri al secondo potrebbe trasformare quella grafite in diamanti”, ha affermato Kevin Cannon, geologo della Colorado School of Mines, che ha presentato le sue ultime scoperte alla conferenza.

“Si potrebbe trovare una quantità significativa di diamanti vicino alla superficie.”

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Questi diamanti assomigliano a quello che supponiamo? “Probabilmente non assomigliano per niente alle grandi pietre preziose trasparenti che tagliamo e trasformiamo in gioielli”, ha detto Cannon. “Un confronto migliore sono i piccoli diamanti torbidi usati nell’industria come abrasivi, probabilmente in una miscela disordinata con grafite e altre forme di carbonio”.

L’unica risposta a questi risultati potrebbe essere: “Vorrei che Mercurio non fosse così difficile da esplorare”.

Perché Mercurio è difficile da esplorare?

Noi esseri umani non siamo ancora arrivati ​​a Mercurio. Solo le missioni MESSENGER e Mariner 10 della NASA hanno fatto osservazioni ravvicinate del pianeta e ampliato i nostri orizzonti sul pianeta più vicino al Sole.

Oltre al suo livello di gravità estremamente elevato, l’ostacolo all’esplorazione di Mercurio da parte dell’uomo riguarda maggiormente la sua distanza dalla Terra. Non c’è bisogno di menzionare la sua temperatura estremamente variabile che varia tra 801 ° F e -279 ° F. Le condizioni di Mercurio sono troppo estreme per essere esplorate fisicamente dagli esseri umani.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Quindi, gli occhi sono puntati sulla nuova missione chiamata BepiColombo dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) e della Japan Aerospace Exploration Agency to Mercury. La missione dovrebbe indagare sul pianeta dopo essere arrivata su di esso nel dicembre 2025.

Dopo MESSENGER della NASA, che ha mappato il pianeta dal 2008 al 2015, la missione BepiColombo è molto promettente in termini di esplorazione mineraria. “In teoria, la prossima missione BepiColombo potrebbe rilevare i diamanti nei materiali di superficie”, ha affermato Cannon. “Ha strumenti complementari a quelli della missione MESSENGER della NASA e sono molto più bravi a rilevare alcuni minerali come questo”.

Chissà forse queste affermazioni possono offrire agli scienziati una nuova prospettiva su Mercurio, che potrebbe essere stata trascurata finora.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---