Marte ebbe un’era glaciale 400.000 anni fa

Il rover cinese Zhurong Mars ha trovato prove di un drammatico cambiamento nel clima di Marte 400.000 anni fa, sotto forma di creste scure poste sopra dune luminose che si increspano sulle sabbie di Utopia Planitia

0
425
Marte ebbe un'era glaciale 400.000 anni fa
Marte ebbe un'era glaciale 400.000 anni fa

Il rover cinese Zhurong Mars ha trovato prove di un drammatico cambiamento nel clima di Marte 400.000 anni fa, sotto forma di creste scure poste sopra dune luminose che si increspano sulle sabbie di Utopia Planitia, che il rover sta esplorando.

Gli scienziati guidati da Li Chunlai degli Osservatori astronomici nazionali dell’Accademia cinese delle scienze hanno utilizzato gli strumenti del rover, insieme alle osservazioni ad alta risoluzione dell’orbiter cinese Tianwen-1 su Marte, per dare un’occhiata più da vicino alle grandi dune di sabbia vicino a dove Zhurong è atterrato a maggio 2021.

La forma a mezzaluna delle dune è stata erosa nel corso di centinaia di migliaia di anni, con lunghe creste scure, chiamate creste eoliche trasversali (TAR), che si formano in cima ai campi di dune, ma apparentemente con un’angolazione diversa da quella delle dune mosse dal vento. I TAR sono stati osservati su tutto Marte a latitudini medio-basse, ma i modelli di circolazione atmosferica globale che descrivono la direzione dei venti sul Pianeta Rosso non sono stati in grado di spiegare come si sarebbero formate le caratteristiche, fino ad ora.

L’indagine di Zhurong sulle dune ha scoperto che i loro corpi a forma di mezzaluna sono fatti di materiale più luminoso sotto il materiale più scuro che forma i TAR. Dall’orbita, Tianwen-1 ha osservato 2.262 dune luminose su Marte e, in base al numero di crateri che hanno colpito le dune, il team di ricerca ha stimato che si siano formati tra 2,1 milioni e 400.000 anni fa. Ciò significa che i TAR oscuri devono essersi formati sopra di loro negli ultimi 400.000 anni.

Queste date coincidono con l’inizio e la fine dell’ultima grande era glaciale di Marte.

Il fatto che i TAR si siano formati con un’angolazione diversa rispetto alle dune implica che la direzione del vento alle medie latitudini inferiori deve essere cambiata con la fine dell’era glaciale.



L’era glaciale iniziò e finì a causa dei cambiamenti nell’angolo di rotazione di Marte, causati dai cicli di Milankovitch. Questi cicli comportano un periodico spostamento dell’asse di rotazione di un pianeta rispetto al piano della sua orbita, causato dagli effetti combinati della gravità del Sole, di Giove e degli altri pianeti, nonché dalla forma e dalla precessione dell’orbita del pianeta.

Sia la Terra che Marte sperimentano questi cicli, che corrispondono ai cambiamenti climatici. Nel caso di Marte, il suo angolo di rotazione (indicato come la sua obliquità), variava tra 15 gradi e 35 gradi tra 2,1 milioni e 400.000 anni fa, creando scompiglio con il suo clima. Oggi l’obliquità di Marte è di circa 25 gradi.

Sorprendentemente, un’era glaciale su Marte non è esattamente la stessa che sulla Terra.

In genere, le ere glaciali marziane vedono temperature più calde ai poli e movimento di vapore acqueo e polvere verso le medie latitudini, dove si depositano. Durante l’ultima era glaciale, quest’acqua e questa polvere hanno formato uno strato spesso un metro che rimane ancora oggi sotto la superficie in luoghi selezionati al di sotto dei 60 gradi di latitudine e quasi ovunque al di sopra dei 60 gradi.

L’attuale era geologica su Marte è nota come epoca amazzonica, iniziata tra i 3,55 e 1,88 miliardi di anni fa ed è definita dal numero di impatti in quel periodo.

“Comprendere il clima amazzonico è essenziale per spiegare l’attuale paesaggio marziano, i serbatoi di materia volatile e lo stato atmosferico, e per mettere in relazione queste attuali osservazioni e processi attivi con i modelli dell’antico clima di Marte”, ha affermato Li in una nota . “Le osservazioni dell’attuale clima di Marte possono aiutare a perfezionare i modelli fisici del clima marziano e dell’evoluzione del paesaggio, e persino a formare nuovi paradigmi”.

Nel frattempo, il rover Zhurong è entrato in letargo durante il lungo inverno settentrionale di Marte. Deve ancora riattivarsi e il suo destino rimane incerto. Ad aprile, gli scienziati cinesi hanno ammesso che i pannelli solari del rover sono probabilmente ricoperti di polvere, il che significa che il rover potrebbe non svegliarsi mai.

Fonte: Nature

2