Marte, il rover cinese trova segni dell’azione dell’acqua

Il rover cinese Zhurong ha rinvenuto segni che fanno pensare all'azione dell'acqua liquida su alcune minuscole dune di Marte

0
646
Marte, il rover cinese trova segni dell'azione dell'acqua
Marte, il rover cinese trova segni dell'azione dell'acqua

Gli scienziati che stanno analizzando i dati riportati dal rover cinese Zhurong che ha rinvenuto su minuscole dune di Marte segni che fanno pensare all’azione dell’acqua liquida, confermando, potenzialmente, le ipotesi secondo le quali il pianeta rosso era un mondo acquoso fino a 400mila anni fa.

Il rover è atterrato nell’emisfero settentrionale di Marte a maggio 2021, da allora si è avvicinato a quattro dune a forma di mezzaluna nella regione di Utopia Planitia con lo scopo di studiarne la composizione superficiale. Le quattro dune sono ricoperte da sottili croste e creste che si sarebbero formate grazie allo scioglimento di piccole sacche d’acqua, relativamente di recente, tra 1,4 milioni di anni e 400.000 anni fa. L’articolo sulla scoperta è stato pubblicato lo scorso 28 aprile su Science Advances.

Marte, il punto dello studioso Qin sulla scoperta

Xiaoguang Qin è lo scienziato dell’Accademia cinese delle scienze di Pechino autore del nuovo studio sull’attività dell’acqua su Marte. Il ricercatore ha spiegato nel corso di un’intervista: “Questo significa un momento più recente nella storia marziana di quanto pensassimo”.

Gli scienziati hanno a lungo pensato che il primo Marte ospitasse abbondante acqua liquida circa tre miliardi di anni fa. Ma i drammatici cambiamenti climatici che ha subito il pianeta ne hanno congelato gran parte nelle calotte di ghiaccio polari e hanno lasciato la maggior parte del pianeta inaridita.

Le dune marziane esplorate da Zhurong

Le dune esplorate da Zhurong sono vicine al sito di atterraggio nell’emisfero settentrionale del pianeta (lontano dal polo nord) sono lunghe da 15 a 30 metri e alte circa 1 m. Gli ultimi risultati dell’analisi delle immagini e dei dati inviati a casa da Zhurong e dal suo compagno orbitante Tianwen 1 mostrano che quantità apprezzabili di acqua dalle gelide regioni polari del pianeta si sono diffuse a latitudini più basse alcuni milioni di anni fa, stabilendosi in cima alle dune di Utopia Planitia.



Quando Zhurong si è avventurato vicino alle sue dune bersaglio, che sono delle dimensioni di una pinta rispetto a quelle enormi che il rover Curiosity della NASA ha studiato altrove su Marte, lo lo spettrometro laser (MarSCoDe) a bordo del rover ha ridotto i granelli di sabbia in particelle di alcuni millimetri. La loro composizione chimica ha rivelato minerali idrati come solfati, silice, ossido di ferro e cloruri. Secondo il team di studio, questi minerali si sono formati in presenza di acqua a basse latitudini nella tarda era amazzonica su Marte, che gli scienziati pensavano fosse arida.

Le ipotesi dei ricercatori

I ricercatori affermano che il vapore acqueo ha viaggiato dai poli marziani a latitudini inferiori come l’area dove opera Zhurong qualche milione di anni fa, quando le calotte polari del pianeta rilasciavano elevate quantità di vapore acqueo, grazie a una diversa inclinazione dell’asse planetario che puntava i poli di Marte direttamente verso il Sole. Le temperature gelide sul pianeta hanno condensato il vapore alla deriva e lo hanno lasciato cadere sotto forma di neve lontano dai poli, secondo l’ultimo studio.

L’inclinazione del pianeta rosso

L’inclinazione di Marte cambia in un ciclo di 124.000 anni, quindi “questo offre un meccanismo di rifornimento per il vapore nell’atmosfera per formare brina o neve alle basse latitudini dove è atterrato il rover Zhurong”, ha detto Qi. Ma “nessun ghiaccio d’acqua è stato rilevato da nessuno strumento sul rover Zhurong”.

Invece, i sali nelle dune di sabbia marziane hanno riscaldato la neve caduta e l’hanno scongelata abbastanza da formare acqua salata. Il processo ha anche formato minerali come silice e ossidi ferrici, che Zhurong ha individuato, dicono i ricercatori.

Per quanto tempo è rimasta l’acqua salata?

L’acqua salata, tuttavia, non è rimasta a lungo. L’acqua salata è evaporata e ha lasciato sale e altri minerali di nuova formazione che in seguito sono filtrati tra i granelli di sabbia della duna, cementandoli per formare una crosta, secondo lo studio.
2