Su Marte abbastanza vento per alimentare turbine eoliche

I ricercatori sostengono che su Marte ci potrebbe essere una tale quantità diu vento da alimentare le turbine eoliche sulla Terra

471
Su Marte abbastanza vento per alimentare turbine eoliche
Su Marte abbastanza vento per alimentare turbine eoliche

Su Marte ci potrebbe essere più vento di quanto immaginiamo. Una coppia di ricercatori della NASA che lavorano con un collega dell’Università del Colorado a Boulder e un altro dell’Università di Washington-Seattle hanno infatti trovato prove che suggeriscono che dopotutto potrebbe esserci abbastanza vento su Marte per alimentare le turbine eoliche come sulla Terra.

Nel loro studio, pubblicato sulla rivista Nature Astronomy, il gruppo ha adattato un modello climatico per simulare le condizioni su Marte e per conoscere i modelli e la forza del vento.

Ricerche precedenti avevano suggerito che, poiché Marte ha un’atmosfera molto sottile, probabilmente il vento non potrebbe essere utilizzato per alimentare turbine per generare elettricità per l’uso da parte di visitatori umani o successivi coloni. In questo nuovo studio, i ricercatori hanno esaminato più da vicino il vento su Marte e il suo possibile utilizzo come fonte di energia.

Le simulazioni relative a Marte

Come informa Phys.org, per simulare le condizioni su Marte, i ricercatori hanno adattato un modello climatico originariamente sviluppato per studiare il clima sulla Terra. I cambiamenti al modello basati sui dati rilevati su Marte hanno permesso loro di utilizzare fattori come la quantità di radiazione solare, i livelli di polvere e l’energia termica, insieme al terreno geografico, per simulare le condizioni del vento su diverse parti della superficie del pianeta.

Una volta installato e reso funzionante il loro modello, i ricercatori lo hanno utilizzato per simulare il clima su Marte per diversi anni. Hanno scoperto che molte parti di Marte sperimentano venti abbastanza forti da poter produrre energia, e alcune aree hanno abbastanza vento da servire come unica fonte di generazione di energia.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le scoperte dei ricercatori

Le aree ritenute più adatte alla generazione di energia eolica sono i bordi dei crateri e gli altopiani vulcanici. I ricercatori hanno anche scoperto che intorno ai poli, i venti acquistano velocità e forza quando soffiano sulle formazioni di ghiaccio. In alcuni dei luoghi che hanno esaminato, hanno scoperto che potrebbe essere generata più energia dal vento che dai pannelli solari.

I ricercatori suggeriscono che il loro lavoro indica che grandi turbine potrebbero essere costruite in determinate aree per generare grandi quantità di energia, in particolare nelle regioni ghiacciate stagionalmente nella parte settentrionale del pianeta. Suggeriscono anche che tali turbine dovrebbero essere realizzate con materiali diversi da quelli usati qui sulla Terra a causa dei limiti di peso.

Il resoconto

Questo il resoconto del lavoro da parte dei ricercatori riassunto, tramite le seguenti dichiarazioni: “Utilizzando un modello climatico globale di Marte all’avanguardia, analizziamo il potenziale totale del vento marziano planetario e calcoliamo la sua variabilità spaziale e temporale. Troviamo che le velocità del vento in alcuni siti di atterraggio proposti sono sufficientemente elevate per fornire una fonte di energia autonoma o complementare all’energia solare o nucleare. Mentre diverse regioni mostrano un promettente potenziale di energia eolica, altre regioni di interesse scientifico possono essere scartate sulla base del solo potenziale naturale di energia solare ed eolica. Dimostriamo che l’energia eolica compensa le riduzioni diurne e stagionali dell’energia solare, in particolare nelle regioni di valore scientifico alle medie latitudini e durante le tempeste di polvere regionali. Fondamentalmente, le turbine proposte stabilizzano la produzione di energia quando combinate con i pannelli solari, aumentando la percentuale di tempo in cui la potenza supera i requisiti stimati della missione da circa il 40% per i soli pannelli solari a oltre il 60-90% su un’ampia frazione della superficie di Marte”.

Il Lander della Nasa su Marte tace dopo 4 anni

Per quanto riguarda gli aggiornamenti dal Pianeta rosso, potrebbe essere la fine per il lander InSight della NASA, che è rimasto in silenzio dopo quattro anni su Marte. I livelli di potenza del lander sono diminuiti per mesi a causa di tutta la polvere che ricopre i suoi pannelli solari. I controllori di terra del Jet Propulsion Laboratory della California sapevano che la fine era vicina, ma la NASA ha riferito che, da domenica, InSight non risponde alle comunicazioni dalla Terra.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---