Luna: gli esperti sconsigliano lo sfruttamento minerario

La Luna non è più un corpo celeste da studiare e osservare ma per la sua ricchezza mineraria è diventata un obiettivo economico sul quale gli astronomi hanno manifestato tutto il loro dissenso

0
3425
La Luna ha milioni di anni in più di quanto si pensasse in precedenza, SLIM, mattoni di polvere lunare

Mentre gli esseri umani si avvicinano sempre di più alla colonizzazione della Luna, anche la prospettiva dell’estrazione mineraria lunare sta diventando sempre più reale e le conseguenze potrebbero essere disastrose.

La Luna ha milioni di anni in più di quanto si pensasse in precedenza

Sfruttamento minerario della Luna: ecco perché potrebbe essere nefasto

A tal proposito gli astronomi hanno lanciato campanelli d’allarme sull’imminente corsa allo sfruttamento minerario della crosta lunare mentre il lander Peregrine, finanziato dalla NASA, inviato dalla compagnia privata di voli spaziali Astrobotic, ha il compito di esplorare la superficie lunare, nonostante i problemi riscontrati dopo il lancio.

Oggi è la notte dell'osservazione internazionale della Luna

Gli esperti hanno evidenziato un punto chiaro: maggiore sarà lo sviluppo sul suolo lunare, sia per gli habitat che per le risorse riportate sulla Terra, meno gli scienziati potranno utilizzare il satellite naturale del nostro pianeta per studiare.

Non stiamo cercando di bloccare la costruzione di basi sul suolo lunare“, ha dichiarato l’astronomo dell’Università dell’Arizona Richard Green: “Tuttavia, ci sono solo una manciata di siti promettenti e alcuni di questi sono incredibilmente preziosi dal punto di vista scientifico”.



Prendiamo, ad esempio, i crateri lunari che non hanno mai visto la luce del sole: “C’è un freddo incredibile, probabilmente solo poche decine di gradi sopra lo zero assoluto“, ha aggiunto Green: “E questo li rende scientificamente molto preziosi”.

Naturalmente, questo tipo di avvertimento accademico va contro l’insaziabile fame di profitto dell’umanità. Ecco perché un gruppo di lavoro guidato da Green si incontrerà con le Nazioni Unite alla fine di questo mese per discutere il rafforzamento delle leggi spaziali che potrebbero impedire che una potenziale corsa all’oro lunare diventi troppo frenetica.

Nonostante i massicci progressi nei viaggi spaziali negli ultimi decenni, non ci sono stati molti aggiornamenti alla legge spaziale dall’approvazione del Trattato sullo spazio extra-atmosferico nel 1967, che impedisce a qualsiasi paese di rivendicare un corpo celeste.

Tre missioni robotiche sulla Luna a gennaio: ce la faremo?

Nel 1979, l’ONU ha introdotto un Trattato sulla Luna chiedendo che la Luna e gli altri corpi: “Dovessero essere utilizzati esclusivamente per scopi pacifici, e che i loro ambienti non dovessero essere distrutti”. Non è esagerato suggerire che tali leggi abbiano seriamente bisogno di essere aggiornate.

D’altro canto, la prospettiva di estrarre i tesori della crosta di “ minerali delle terre rare ” utilizzati per creare smartphone e altre tecnologie di consumo ha a lungo stuzzicato sia gli imprenditori che gli scienziati.

In effetti, Peregrine non è che la prima di una serie di missioni pubbliche e private previste solo per quest’anno, tutte intente non solo a compiere progressi scientifici ma anche a capire quali parti della Luna saranno le migliori per la perforazione e l’impostazione delle basi lunari.

Mentre gli habitat potrebbero diventare parte della strategia di sopravvivenza del genere umano man mano che diventiamo una specie interplanetaria, parte della Luna deve essere preservata per la scienza, se non per il bene di coloro che ci vivranno.

Come molti pianeti del nostro sistema solare come Mercurio, Venere e Marte, la Luna è un corpo roccioso con una combinazione di sostanze metalliche presenti negli strati della sua superficie.

Sebbene sia composta principalmente di ferro, altri metalli presenti sono magnesio, alluminio, silicio, titanio, oro, argento e mercurio. Ci sono anche prove della presenza di acqua e ghiaccio.

La crosta è costituita da una superficie rocciosa ricoperta di regolite. Quando asteroidi e meteoriti si scontrano con la superficie, la riducono in piccoli pezzi che catturano le impronte (come la famosa impronta di Neil Armstrong ) con dettagli eccezionali.

La crosta ha uno spessore compreso tra 60 e 100 chilometri. La regolite in superficie può essere profonda fino a 3 metri nei mari o profonda fino a 20 metri negli altopiani.

Nel profondo del suo interno, può avere un nucleo di ferro solido circondato da un nucleo esterno di ferro liquido più morbido e alquanto fuso. Il nucleo esterno può estendersi fino a 500 km. Ma il piccolo nucleo interno costituisce solo circa il 20%, rispetto al 50% del nucleo di altri corpi rocciosi.

L’atmosfera Lunare invece è composta da gas come neon, elio e idrogeno, ma è molto sottile. In realtà è così sottile che molti scienziati la chiamano esosfera invece che atmosfera.

2