Di cosa è fatta la Luna?

La Luna è il corpo del sistema solare più facile da osservare ad occhio nudo. La gente si è interrogata a lungo sui punti scuri e chiari sulla superficie lunare nel corso della storia. Cosa ha causato queste strane caratteristiche? Si è anche chiesta di cosa sia fatto il nostro vicino più prossimo

2970

La Luna è il corpo del sistema solare più facile da osservare ad occhio nudo. La gente si è interrogata a lungo sui punti scuri e chiari sulla superficie lunare nel corso della storia. Cosa ha causato queste strane caratteristiche? Si è anche chiesta cosa costituisca il nostro vicino più prossimo.

La superficie della Luna

Le favole per bambini ci dicono che la Luna è fatta di “formaggio” ma, come per tutti i corpi del sistema solare, la roccia è l’ingrediente più realistico. La superficie della Luna è ricoperta di vulcani morti, crateri da impatto e flussi di lava, alcuni visibili all’osservatore senza aiuto.

I primi scienziati pensavano che i tratti oscuri della Luna potessero essere oceani, e così chiamarono tali caratteristiche mare, che in latino significa “mari” (maria quando ce ne sono più di uno). Sono una sorta di oceani, ma piuttosto che acqua, tali corpi sono costituiti da pozze di lava indurita. All’inizio della storia della Luna, il suo nucleo interno era abbastanza fuso da produrre vulcani, anche se si raffreddava e si induriva rapidamente. La lava usciva dalla crosta anche quando l’impatto di asteroidi abbastanza grandi sfondava la superficie.

La superficie della Luna mostra molte prove di impatti di asteroidi, facilmente visibili con un telescopio durante la maggior parte delle fasi lunari. All’inizio della storia del sistema solare, tutti i pianeti e le lune hanno subito periodi di pesanti “bombardamenti”, poiché le ultime grandi rocce sono state catturate dalla loro gravità e si sono schiantate sulla loro superficie. Sulla Terra, la tettonica a zolle e l’erosione hanno coperto gran parte delle prove di questo periodo, mentre l’atmosfera ha contribuito a bruciare alcuni dei più piccoli frammenti prima che colpissero la superficie.

Alla Luna, però, mancano tutti e tre questi elementi di “pulizia”, quindi la storia del sistema solare è preservata sulla sua superficie.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Naturalmente, il periodo di pesanti bombardamenti da parte di asteroidi, terminato circa 3,8 miliardi di anni fa, non è responsabile di tutti i crateri lunari. Asteroidi grandi e piccoli hanno continuato a colpire la superficie, ma a un ritmo più lento, portando a crateri sovrapposti e crateri in cima ai flussi di lava.

La crosta lunare è costituita da una superficie rocciosa ricoperta di regolite. Quando asteroidi e meteoriti si scontrano con la superficie, la fanno esplodere in pezzi fini che catturano le impronte (come la famosa impronta lasciata da Neil Armstrong) con dettagli eccezionali.

La crosta lunare ha uno spessore di circa 60-100 chilometri. La regolite in superficie può avere spessore fino a 3 metri nei mari e raggiungere una profondità di circa 20 metri negli altopiani.

Sotto la superficie

Come la Terra, la luna vanta una crosta, un mantello e un nucleo. Nel profondo del suo interno, la luna può avere un nucleo di ferro solido circondato da un nucleo esterno di ferro liquido più morbido e un po’ fuso. Il nucleo esterno può estendersi fino a 500 km. Ma il piccolo nucleo interno costituisce solo circa il 20 percento della Luna, rispetto al 50 percento del nucleo di altri corpi rocciosi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La maggior parte dell’interno della Luna è costituita dalla litosfera, che ha uno spessore di circa 1.000 km. Poiché questa regione si è sciolta all’inizio della vita lunare, ha fornito il magma necessario per creare pianure di lava sulla superficie. Tuttavia, nel tempo, il magma si è raffreddato e solidificato, ponendo così fine al vulcanismo sulla Luna.

La luna della Terra è la seconda luna più densa del sistema solare, battuta dalla luna di Giove, Io. La separazione del suo interno in strati è stata probabilmente causata dalla cristallizzazione di un oceano di magma poco dopo la sua formazione.