Lo strano residuo di supernova che perplime gli scienziati

Lo spettacolo pirotecnico di una supernova ha fatto impazzire gli astronomi. Si tratta di un fenomeno che non ha precedenti. Il residuo della supernova, denominato Pa 30, ha mandato in tilt gli scienziati. Ma andiamo per gradi per comprendere meglio la situazione.

Quando le stelle morenti esplodono come supernove, di solito espellono una massa caotica di polvere e gas. Ma una nuova foto dei resti della supernova (che potete vedere come immagine in evidenza) appare completamente diversa, come se la sua stella centrale avesse acceso uno spettacolo di fuochi d’artificio nello spazio. È il residuo più insolito che i ricercatori abbiano mai trovato e potrebbe indicare un raro tipo di supernova che gli astronomi stanno faticando a spiegare.

Strano residuo di supernova, Fesen: “Mai visto nulla di simile

Robert Fesen, astronomo del Dartmouth College di Hanover, nel New Hampshire, ha ripreso l’immagine del residuo alla fine del 2022. L’esperto ha affermato tramite una dichiarazione riportata da Nature: “Ho lavorato sui resti di supernova per 30 anni e non ho mai visto nulla di simile”. Fesen ha riferito le sue scoperte a una riunione dell’American Astronomical Society il 12 gennaio e le ha pubblicate lo stesso giorno in un documento non ancora sottoposto a revisione paritaria.

Un’esplosione di 850 anni fa

Nel 2013, l’astronoma dilettante Dana Patchick ha scoperto l’oggetto nelle immagini archiviate dal Wide-field Infrared Survey Explorer della NASA. Nel decennio successivo, diverse squadre hanno studiato il residuo, noto come Pa 30, ma i risultati sono diventati sempre più sconcertanti.

Vasilii Gvaramadze, astronomo della Lomonosov Moscow State University in Russia, ed i suoi colleghi hanno trovato una stella estremamente insolita nel 2019 al punto morto di Pa 30. Quella stella aveva una temperatura superficiale di circa 200.000 kelvin, con un vento stellare che viaggiava verso l’esterno a 16.000 chilometri al secondo, circa il 5% della velocità della luce. Fesen ha detto: “Le stelle semplicemente non hanno venti a 16.000 chilometri al secondo”. Ha poi aggiunto che velocità di 4.000 chilometri al secondo non sono inaudite, ma 16.000 sono folli.

I misteri di Pa 30

Pa 30 è stata nuovamente oggetto di congetture nel 2021, quando Andreas Ritter, astronomo dell’Università di Hong Kong, e i suoi colleghi hanno proposto che il residuo sia la conseguenza di una supernova che ha illuminato il cielo quasi 850 anni fa, nel 1181. Gli astronomi cinesi e giapponesi hanno osservato l’oggetto per circa sei mesi prima che svanisse.

Durante il loro esame di Pa 30, Ritter e i suoi colleghi hanno notato che lo spettro di emissione del residuo conteneva una riga particolare associata all’elemento zolfo. Incuriosito, il gruppo di Fesen ha successivamente ripreso il residuo con un filtro ottico sensibile a quella linea utilizzando il telescopio Hiltner di 2,4 metri presso l’Osservatorio Michigan-Dartmouth-MIT a Kitt Peak, in Arizona.

I dati raccolti dagli scienziati

I dati raccolti dagli esperti non solo hanno contribuito a confermare che Pa 30 è davvero ciò che resta della supernova osservata nel 1181, ma hanno anche prodotto un’immagine del residuo diversa da qualsiasi altra. Contiene centinaia di sottili filamenti che si irradiano verso l’esterno.

Normalmente, i ricercatori si aspettano che i resti di supernova assomiglino alla Nebulosa del Granchio, che assomiglia meno a un granchio e più a un anemone di mare, con una regione liscia al centro di una massa ovale di filamenti simili a tentacoli. Inoltre assomigliano comunemente alla Tycho Supernova, che sembra una sfera di nodi confusi. Saurabh Jha, astronomo della Rutgers University di Piscataway, nel New Jersey, ha spiegato che Pa 30 è l’eccezione di tutto quello visto finora, specificando che il fenomeno sia “davvero strabiliante”.

Di cosa si tratta realmente?

Cosa può aver causato un tale residuo? Nel 2021, Ritter e i suoi colleghi hanno ipotizzato che si trattasse di una rara esplosione di supernova classificata come tipo Iax.

Una normale supernova di tipo Ia si verifica quando una nana bianca assorbe materiale da una stella compagna, diventando infine così massiccia da non poter più sostenere il peso extra e si fa esplodere in mille pezzi, disperdendo le sue viscere attraverso la galassia. Ma in una supernova di tipo Iax, la stella in qualche modo sopravvive. Jha ha spiegato che gli scienziati sono soliti chiamare queste stelle “zombi”.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

In Tendenza

Pulsar: ne sono state scoperte 10 in Terzan 5

Nel cuore della nostra galassia, la Via Lattea, un...

Ramses: la missione di difesa planetaria verso Apophis

Il programma Space Safety dell'ESA ha ricevuto l'autorizzazione a...

Cosa sono i prodotti a base di CBD e quali sono i loro benefici

Il cannabidiolo, comunemente noto come CBD, è uno dei...

Offerte Amazon di oggi: mini frigo portatili super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi vorrei proporti i...

Deserto di Atacama: miracoloso evento dopo ben 10 anni

Il deserto di Atacama, situato nel nord del Cile,...

Articoli correlati

Popular Categories