Scoperto un fossile che mostra il volto di un dinosauro

C'è un incredibile fossile che presenta in perfette condizioni l'aspetto e il corpo di un dinosauro, il Borealopelta markmitchelli

0
15914
fossile di dinosauro

C’è un incredibile fossile che presenta in perfette condizioni l’aspetto e il corpo di un dinosauro, il Borealopelta markmitchelli. Si tratta di un antichissimo bestione gigante dotato di pelle corazzata.

L’esemplare è stato riportato alla luce del sole milioni di anni dopo la sua morte. Un reperto magnifico che ci mostra l’aspetto del volto del dinosauro quando era ancora in vita. L’animale (la pelle, l’armatura che ricopre la sua pelle, le punte lungo il suo fianco, la maggior parte del suo corpo e dei suoi piedi, persino la sua faccia) si è conservato quasi completamente alla fossilizzazione. Questo, secondo il dottor Donald Henderson, curatore di dinosauri al Royal Tyrrell Museum, è un caso che può capitare una volta su un miliardo.

Il ritrovamento in mare

Il Borealopelta era un nodosauro, un tipo di anchilosauro a quattro zampe con una coda dritta piuttosto che una mazza. Il suo ritrovamento nel 2011 in un antico ambiente marino è stata una sorpresa, in quanto l’animale era terrestre. Un megaerbivoro terrestre conservato in un antico fondale marino non è così raro come si potrebbe pensare. Un certo numero di altri anchilosauri sono stati conservati in questo modo, anche se non così bene come il Borealopelta.

I paleontologi sospettano che la sua carcassa possa essere stata trasportata da un fiume al mare durante un’alluvione; potrebbe essere rimbalzato in superficie capovolto per alcuni giorni prima di sprofondare nell’oceano. Sarebbe stato mantenuto in superficie grazie all’accumulo di gas post mortem che lo avrebbe fatto appunto galleggiare.

Borealopelta markmitchelli
Borealopelta markmitchelli

La modellazione eseguita da Henderson indica che la sua pesante armatura lo avrebbe fatto rotolare sul dorso, una posizione che sospetta possa aver impedito ai predatori oceanici di scavare nella sua carcassa. Una volta espulsi i gas che lo tenevano a galla, il Borealopelta affondò sul fondo dell’oceano, atterrando sul dorso.



Henderson: “Fossile conservato con la glauconite”

Parlando del fossile, Henderson ha spiegato tramite alcune dichiarazioni riportate da Ars Technica: “Possiamo vedere che è andato in acque più profonde di 50 metri perché è stato conservato con un particolare minerale chiamato glauconite, che è un minerale di fosfato verde. E si forma solo a temperature più basse in acque più profonde di 50 metri”.

Riguardo all’ambiente in cui è stato ritrovato il fossile, lo studioso ha spiegato che si trattava probabilmente “di una regione in cui i plesiosauri e i pesci grossi non amavano andare. Faceva troppo freddo e troppo buio e non c’era niente da mangiare. E c’erano pochissime tracce di fossili nei sedimenti circostanti. Quindi non c’era molto in termini di vermi, crostacei e bivalvi … È stato solo un bell’esempio di condizioni nel fondale marino con un’attività biologica molto bassa che ha portato a quella conservazione“. 

Una scoperta abbastanza rara

Niente di tutto ciò che è stato detto era inizialmente noto quando l’animale è stato scoperto. Sebbene non sia del tutto insolito trovare resti di dinosauri in ambienti marini, non è nemmeno molto comune, almeno nel caso del Borealopelta. Henderson e Darren Tanke, entrambi appartenenti al Royal Tyrrell Museum, entrarono nel sito prevedendo pienamente che avrebbero trovato un antico rettile marino. I due si erano consultati sulle scoperte fossili in altre miniere a cielo aperto all’interno della provincia. 

Tuttavia, questa è stata la loro prima visita a Suncor, una miniera nel nord-est dell’Alberta, in Canada. Tutto in questa miniera è enorme. Massicci macchinari sono costantemente in movimento, estraggono roccia, sabbia e ghiaia dalle scogliere circostanti, mentre altre attrezzature provvedono a ripulire. Nonostante il ritmo delle operazioni, Shawn Funk (che stava lavorando in quel momento con la pala meccanica), si accorse di qualcosa dopo aver tolto un grosso pezzo dalla scogliera. Fu grazie a lui e a diverse persone all’interno della Suncor che le operazioni si fermarono in quella zona e la Royal Tyrrell fu informata della scoperta. 

2