Frammento di dodecaedro romano trovato in Belgio

Un metal detector in Belgio ha portato alla luce un frammento di un misterioso manufatto in bronzo noto come dodecaedro romano che si pensa abbia più di 1.600 anni

0
862
Raro frammento di dodecaedro romano trovato in Belgio
Raro frammento di dodecaedro romano trovato in Belgio

Un metal detector in Belgio ha portato alla luce un frammento di un misterioso manufatto in bronzo noto come dodecaedro romano che si pensa abbia più di 1.600 anni.

Negli ultimi 200 anni sono stati scoperti nel Nord Europa più di un centinaio di oggetti sconcertanti: gusci geometrici cavi a 12 lati di metallo fuso delle dimensioni di una palla da baseball, con grandi fori su ciascuna faccia e borchie a ogni angolo. E nessuno sa perché siano stati fatti o come siano stati usati.

“Ci sono state diverse ipotesi – una specie di calendario, uno strumento per misurare la terra, uno scettro, eccetera – ma nessuna di esse è soddisfacente”, ha dichiarato Guido Creemers, un curatore del Museo gallo-romano di Tongeren, in Belgio. “Pensiamo piuttosto che abbia qualcosa a che fare con attività non ufficiali come la stregoneria, la predizione del futuro e così via.”.

Creemers ed i suoi colleghi del Museo Gallo-Romano hanno ricevuto il frammento dal suo ritrovatore e lo hanno identificato a dicembre. Consiste in un solo angolo dell’oggetto con un singolo perno angolare, ma è inconfondibilmente parte di un dodecaedro che originariamente misurava poco più di 5 centimetri di diametro.

Il metal detector e archeologo dilettante Patrick Schuermans aveva trovato il frammento mesi prima in un campo arato vicino alla cittadina di Kortessem, nella regione belga delle Fiandre settentrionali.

Creemers ha affermato che il Museo gallo-romano mostra già un antico dodecaedro in bronzo completo trovato nel 1939 appena fuori dalle mura romane della città di Tongeren, e il nuovo frammento sarà esposto accanto ad esso a febbraio.



Nessuno sa a cosa servissero i dodecaedri romani. Gli archeologi pensano che probabilmente avessero un significato religioso o magico. (Credito immagine: Kris Vandevorst/Flanders Heritage Agency)
Nessuno sa a cosa servissero i dodecaedri romani. Gli archeologi pensano che probabilmente avessero un significato religioso o magico. (Credito immagine: Kris Vandevorst/Flanders Heritage Agency)

Misteriosi dodecaedri

Il primo dodecaedro romano scoperto in tempi moderni è stato trovato in Inghilterra nel XVIII secolo e da allora ne sono stati trovati circa 120 in Gran Bretagna, Paesi Bassi, Belgio, Francia, Germania, Austria e Svizzera.

Non è possibile datare il metallo stesso, ma sono stati trovati alcuni dodecaedri sepolti in strati di terra che li datano tra il I e ​​il V secolo d.C.

Il mistero non finisce qui; gli archeologi non sono in grado di spiegare la funzione del manufatto geometrico e non è mai stata trovata alcuna registrazione scritta dei dodecaedri.

È possibile che fossero usati in segreto per scopi magici, come la divinazione che era popolare in epoca romana ma proibita sotto il cristianesimo, la religione del successivo Impero Romano, ha detto Creemers. “Queste attività non erano consentite e le punizioni erano severe”, ha spiegato. “Questo è probabilmente il motivo per cui non troviamo alcuna fonte scritta”.

Nel corso degli anni sono state suggerite diverse spiegazioni per i misteriosi artefatti. Inizialmente, erano descritti come “teste di mazza” e si pensava facessero parte di un’arma. Altre idee suggeriscono che fossero strumenti per determinare il momento giusto per piantare il grano; che fossero dadi, o altri oggetti per giocare; oppure strumenti per misurare la distanza, forse per trovare la giusta gittata per l’artiglieria romana, come le baliste.

Un recente suggerimento è che i dodecaedri fossero modelli di maglia per guanti romani.

Ma la maggior parte degli archeologi pensa che gli oggetti fossero probabilmente usati in rituali magici. I dodecaedri non hanno segni che indichino come sono stati usati, come ci si potrebbe aspettare per gli strumenti di misura, e hanno tutti pesi e dimensioni diversi, che vanno da 1,5 a 4,5 pollici (da 4 a 11 centimetri) di diametro.

Anche i dodecaedri romani si trovano solo nelle aree nord-occidentali dell’Impero Romano e molti sono stati portati alla luce nei luoghi di sepoltura. Questi indizi suggeriscono che il culto o la pratica magica del loro utilizzo fosse limitato alle regioni “gallo-romane”, le parti del successivo Impero Romano influenzate dai Galli o dai Celti, secondo Tibor Grüll, uno storico dell’Università di Pécs in Ungheria che ha esaminato la letteratura accademica.

Puzzle antico

Creemers ha affermato che il frammento di dodecaedro trovato vicino a Kortessem potrebbe far luce su questi misteriosi oggetti metallici. Molti altri dodecaedri romani furono inizialmente riconosciuti per quello che erano in collezioni private o museali, quindi il loro contesto archeologico è sconosciuto, ha detto.

Ma la posizione del frammento di Kortessem è ben documentata, ha dichiarato; e successive indagini archeologiche hanno rivelato frammenti murali nel sito, indicando che potrebbe essere stata una villa romana.

Una dichiarazione tradotta dalla Flanders Heritage Agency ha affermato che le superfici fratturate del frammento indicano che il dodecaedro era stato deliberatamente rotto, forse durante un rituale finale.

La posizione sarà ora monitorata per ulteriori ritrovamenti.

“Grazie al corretto metodo di lavoro del metal detector, gli archeologi conoscono per la prima volta l’esatta posizione di un dodecaedro romano nelle Fiandre”, afferma la nota. “Questo apre la porta per ulteriori ricerche”.

Fonte: Flanders Heritage Agency 

2