11 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomeArcheologia e StoriaCatacombe dei cappuccini: risolvere il mistero delle mummie dei bambini di Palermo

Catacombe dei cappuccini: risolvere il mistero delle mummie dei bambini di Palermo

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La Dott.ssa Kirsty Squires, Professore Associato di Bioarcheologia, e il suo team hanno avuto accesso esclusivo a una collezione precedentemente non studiata di mummie di bambini ospitate nel cimitero sotterraneo del Convento dei Cappuccini a Palermo.

Il primo studio completo sui bambini mummificati nelle famose catacombe dei cappuccini in Sicilia è condotto dalla Staffordshire University.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le Catacombe contengono la più grande collezione di mummie in Europa, con oltre 1.284 corpi mummificati e scheletrati risalenti alla fine del XVI secolo all’inizio del XX. I bambini sono stati accettati nelle Catacombe dal 1787, ma mentre sono state condotte ricerche approfondite sugli adulti mummificati, le mummie giovanili sono state ampiamente trascurate.

Catacombe dei cappuccini: quarantuno bambini mummificati

La Dott.ssa Squires ha spiegato: “Le Catacombe dei Cappuccini comprendono una delle più importanti collezioni di mummie al mondo. Tuttavia, ci sono pochissime prove documentali sui bambini a cui è stata concessa la mummificazione e i registri di morte del periodo contengono informazioni limitate. Il nostro studio colmerà questa lacuna di conoscenza”.

“Dato che questo rito funerario era riservato principalmente agli adulti, vogliamo capire perché i bambini sono stati mummificati. Abbiamo un’idea abbastanza chiara che provenissero dai ranghi più alti della società, ma non sappiamo molto di più sulla salute, lo sviluppo o l’identità giovanile durante questo periodo. Questo progetto fornirà dati essenziali per determinare a quali bambini è stata concessa la mummificazione e per inserirla in un contesto più ampio”.

L’Arts and Humanities Research Council ha assegnato più di 70 mila sterline di finanziamento per il progetto biennale che inizierà nel dicembre 2021 e vedrà la dott.ssa. Squires lavorare al fianco del Curatore Scientifico delle Catacombe dei Cappuccini Dr. Dario Piombino-Mascali e degli esperti in radiografia Dr. Robert Loynes, il dottor Mark Viner e il signor Wayne Hoban. Il progetto sarà realizzato sotto la supervisione della Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali di Palermo.

Le volte delle tombe dei Cappuccini a Palermo.
Le volte delle tombe dei Cappuccini a Palermo.

Il progetto aprirà la strada a metodi non invasivi – al contrario di tecniche distruttive come l’autopsia – per analizzare i resti di quarantuno bambini mummificati del XIX secolo. Ciò comporterà l’utilizzo di unità radiografiche portatili per acquisire immagini digitali di ogni bambino dalla testa ai piedi. In totale, verranno eseguite 574 radiografie per aiutare a stimare la loro età e sesso, oltre a identificare eventuali lesioni patologiche e traumatiche.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La Dott.ssa. Squires ha affermato: “Determinare se i bambini sepolti nelle Catacombe hanno subito stress ambientali sul loro corpo può informarci sulle condizioni di vita e sugli ambienti in cui vivevano; questo sarà confrontato con gli attributi biologici dei bambini sepolti altrove a Palermo a cui non è stata concessa la mummificazione”.

“Speriamo che la creazione di una metodologia standardizzata consentirà ad altri ricercatori di applicare questo metodo non invasivo nello studio delle mummie infantili in tutto il mondo, un risultato importante date le implicazioni etiche associate alle indagini invasive”.

Poiché la fotografia è vietata nelle Catacombe e l’argomento è molto delicato, l’artista Eduardo Hernandez produrrà illustrazioni delle mummie giovanili da condividere insieme ad articoli di giornale, conferenze, un blog e pacchetti didattici tradotti in italiano e inglese.

La Dott.ssa Squires ha aggiunto: “Questa è un’opportunità davvero entusiasmante per saperne di più sulla vita nella tarda Sicilia moderna. Al momento ci sono informazioni limitate sulla mummificazione dei bambini nelle Catacombe, il che significa che c’è poco contesto per l’esposizione delle mummie giovanili. La nostra ricerca aiuterà i turisti e il grande pubblico a conoscere meglio i bambini ospitati nelle Catacombe e il significato culturale di questo rito funerario”.

Articoli più letti