2.3 C
Rome
venerdì, Dicembre 2, 2022
HomeArcheologia e StoriaAutenticate rare monete raffiguranti uno sconosciuto imperatore romano

Autenticate rare monete raffiguranti uno sconosciuto imperatore romano

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Una nuova analisi su diverse monete romane rinvenute nel 1713, a lungo ritenute false, suggerisce che siano invece autentiche, fornendo la prova che il leader raffigurato su una delle monete era effettivamente al potere durante il 260 d.C.

Per gran parte della storia dell’antica Roma, le zecche romane hanno prodotto monete con i ritratti degli attuali imperatori. Nel 1713, un gruppo di tali monete sarebbe stato scoperto in Transilvania, alcune delle quali raffiguranti un ritratto etichettato con il nome “Sponsian”, sebbene non ci siano altri documenti storici che un imperatore romano di nome Sponsian sia mai esistito.

Perché inizialmente si pensava che le monete fossero false?

Sebbene le monete della Transilvania seguano lo stile generale delle monete romane della metà del III secolo, differiscono in alcune caratteristiche stilistiche e nel modo in cui sono state fabbricate, portando molti esperti a liquidarle come falsi creati per essere venduti ai collezionisti. Tuttavia, le monete sono anche insolite per i falsi che sarebbero stati di interesse per i collezionisti del passato. Inoltre, nel 1713, “Sponsian” non era ancora noto per essere un nome che fosse mai esistito nell’antica Roma.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Per indagare ulteriormente sull’autenticità delle monete della Transilvania, un team guidato da Paul Pearson dell’Università del College di Londra nel Regno Unito, ha condotto una valutazione più approfondita delle caratteristiche fisiche di quattro delle monete, inclusa la moneta sponsiana. I ricercatori anno applicato la microscopia a luce visibile, l’imaging ultravioletto, la microscopia elettronica a scansione e la modalità di riflessione Spettroscopia infrarossa trasformata di Fourier alle quattro monete e, per confronto, due monete d’oro romane indubbiamente autentiche.

L’analisi ha rivelato profondi modelli di microabrasione tipicamente associati a monete che erano in circolazione per un lungo periodo di tempo. I ricercatori hanno anche analizzato i depositi di terra sulla valuta, trovando prove che dopo un’ampia circolazione, sono state sepolte per un periodo prolungato prima di essere riesumate.

Insieme, le nuove prove suggeriscono fortemente che le monete siano autentiche.

La prova della "fusione" suggerisce che sono autentiche
La prova della “fusione” suggerisce che sono autentiche

Il regime sponsiano: un’ipotesi

Considerando la documentazione storica insieme alle nuove prove delle monete, i ricercatori suggeriscono che Sponsian fosse un comandante dell’esercito nella provincia romana della Dacia durante un periodo di conflitto militare nel 260 d.C.

Sponsian non ha mai controllato una zecca ufficiale e non è stato registrato da tutti gli storici successivi, quindi certamente non ha governato a Roma. La nota di Heraeus descrive il luogo del ritrovamento come a Siebenburgen (il nome asburgico della Transilvania). Questo era stato il nucleo della provincia romana della Dacia, l’unica parte sostanziale dell’impero oltre il Danubio, che era stata conquistata dall’imperatore Traiano per le sue risorse minerarie.  

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La maggior parte dei primi scrittori che consideravano Sponsian come un usurpatore storico lo assegnarono al periodo di conflitto negli ultimi anni dell’imperatore Filippo (intorno al 248 d.C.), quando altre ribellioni di breve durata si verificarono altrove. Tuttavia sembra improbabile che Filippo sarebbe comparso sulla valuta di un simile ribelle. Un momento più probabile è il 260 d.C., durante l’unico regno dell’imperatore Gallieno (260–268 d.C.), momento in cui l’impero si disintegrò effettivamente in tre grandi pezzi.

Le province a sud del Danubio, che normalmente fornivano l’ancora di salvezza per la Dacia, erano state devastate e spopolate da implacabili invasioni straniere e guerre civili. I ricercatori suggeriscono che la Dacia fu tagliata fuori dal centro imperiale intorno al 260 d.C. e di fatto si separò sotto il proprio regime militare che inizialmente coniò lingotti di metallo prezioso utilizzando vecchi modelli di epoca repubblicana, quindi utilizzando i nomi dei più recenti imperatori precedenti che avevano ottenuto un certo successo nell’area, e infine sotto il nome di un comandante in capo locale.

Quindi, per sviluppare l’ipotesi, i ricercatori suppongono che, la valuta della serie sponsiana fosse usata per pagare soldati e ufficiali anziani in oro e argento a peso, e poi scambiata con un alto premio per monete imperiali regolari che circolavano già nella provincia da prima del tempo di crisi. Essendo l’unica fonte di nuovo denaro, le monete sarebbero necessariamente entrate in uso attivo piuttosto che essere utilizzate come riserva di ricchezza, il che spiegherebbe la loro condizione di forte usura. 

Ulteriori commenti

Tuttavia l’autore principale dell’articolo, Paul N. Pearson, ha aggiunto: “L’analisi scientifica di queste monete ultra rare salva l’imperatore Sponsian dall’oscurità. Le nostre prove suggeriscono che governò la Dacia romana, un isolato avamposto di estrazione dell’oro, in un tempo in cui l’impero era assediato da guerre civili e le terre di confine erano invase da saccheggiatori invasori”.

Il curatore di numismatica presso The Hunterian, Jesper Ericsson, ha affermato: “Questo è stato un progetto davvero entusiasmante per The Hunterian. Non solo speriamo che questo incoraggi un ulteriore dibattito su Sponsian come figura storica, ma anche l’indagine sulle monete che lo riguardano tenuto in altri musei in tutta Europa.”

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Fonte: PLOS ONE

Articoli più letti