L’ibuprofene è davvero rischioso per i pazienti con coronavirus?

Gli esperti si stanno scervellando su una raccomandazione avanzata dal ministro della sanità francese.

2961
Indice

Il ministro della sanità francese, Olivier Véran, ha emesso un avvertimento in cui viene consigliato alle persone malate di COVID-19 di evitare di prendere come antidolorifici farmaci a base di ibuprofene ed acido acetilsalicilico. Nella nota, trasmessa anche via Twitter il ministro consigliava, in alternativa, di usare farmaci a base di paracetamolo.

Il nuovo coronavirus è un agente patogeno di cui si sa poco e non si sa molto nemmeno sulla malattia che provoca, la Covid-19, o su come i pazienti rispondono ai farmaci più comuni.


L’avvertimento del Dr. Véran è seguito a una lettera pubblicata su The Lancet questo mese. Gli autori della lettera hanno proposto che alcuni farmaci aumentino il numero dei cosiddetti recettori ACE2 sulla superficie delle cellule.

Il coronavirus utilizza questi recettori per infettare le cellule, hanno osservato gli autori, e quindi in teoria i pazienti che assumono i farmaci potrebbero essere più vulnerabili al virus. Uno dei farmaci in questione è l’ibuprofene.

In realtà, al momento non c’è nessuna ricerca in proposito e quindi nessuna prova per sostenere la tesi.  “Nessun dato“, ha affermato il dott. Michele Barry, direttore del Center for Innovation in Global Health della Stanford University. Non c’è motivo di pensare che i pazienti infetti dovrebbero evitare l’uso temporaneo di ibuprofene, ha aggiunto.

È tutto aneddoto e notizie false ricavate dagli aneddoti“, ha affermato il dott. Garret FitzGerald, presidente del dipartimento di farmacologia della Perelman School of Medicine dell’Università della Pennsylvania.

Fino a quando non ci saranno prove, non vi è alcun motivo per pubblicare una guida per la salute pubblica” su FANS e coronavirus, ha aggiunto.

Ci sono ragioni per preoccuparsi dell’uso prolungato e pesante dei FANS, che in alcuni pazienti è stato associato ad un aumentato rischio di danno renale. Le persone che assumono fluidificanti del sangue dovrebbero anche evitare i FANS.

Ma per gli specialisti in malattie infettive, la preoccupazione maggiore è che l’effetto antipiretico dei FANS e del paracetamolo, possano mettere in corto circuito la principale difesa dell’organismo contro le infezioni. La febbre, cioè l’aumento della temperatura corporea, è uno dei meccanismi usati dall’organismo per combattere le infezioni.

Gli studi hanno scoperto che se le persone infette da una varietà di virus e altri microrganismi riducono la febbre, con FANS o aspirina, i loro sintomi possono durare più a lungo e continuano a rilasciare virus più a lungo – il che significa che possono essere contagiosi per periodi più lunghi.

Tutto ciò che cammina, vola, striscia o nuota sulla faccia di questa terra provoca febbre“, ha affermato il dott. Paul Offit, infettivologo dell’Università della Pennsylvania e all’ospedale pediatrico di Filadelfia. Perfino le lucertole, ha aggiunto, si espongono al sole quando sono malate per aumentare le temperature.

Il sistema immunitario funziona meglio quando la temperatura corporea è più alta, consentendogli di uccidere in modo più efficiente virus e batteri. Dozzine di studi – su mammiferi, rettili e umani – hanno confermato che la febbre è utile nel combattere le infezioni.

Ma c’è un compromesso. Per ogni grado centigrado che la temperatura corporea aumenta, il tasso metabolico aumenta del 12 percento. “Non vogliamo pagare quel prezzo metabolico quando non è necessario, quindi aumentiamo la temperatura solo quando ne abbiamo bisogno“, ha affermato il dott. Offit.

L’assunzione di un farmaco per ridurre la febbre può portare a periodi più lunghi in cui le persone sono infettive durante infezioni virali come l’influenza e / o le infezioni da altri  microrganismi, ha affermato il Dr. Myron M. Levine, preside associato per la salute globale, la vaccinologia e le malattie infettive al Scuola di medicina dell’Università del Maryland.

Esiste almeno un pericolo teorico che gli antipiretici – incluso il paracetamolo – possano avere un effetto simile nei pazienti con coronavirus. Sebbene non ci siano ancora ricerche, “il mio consiglio personale“, ha detto il dott. Levin, “è che potrebbe essere ragionevole per una persona infettata dal coronavirus evitare entrambi i tipi di antidolorifici”.

Un farmaco come il paracetamolo o l’ibuprofene può abbassare la febbre, ma non è il caso di assumerlo costantemente, ha affermato la dottoressa Marguerite Neill, esperta in malattie infettive della Brown University. “Bisogna lasciare che la febbre faccia il suo lavoro”.