L’AI identifica 3 nuove figure a Nazca

Gli scienziati hanno utilizzato l'AI (intelligenza artificiale) per scoprire tre figure perdute di Nazca in Perù che sono state incise nel deserto fino a 2.400 anni fa

0
553
L'AI identifica 3 nuove figure a Nazca
L'AI identifica 3 nuove figure a Nazca

Gli scienziati hanno utilizzato l’AI (intelligenza artificiale) per scoprire tre figure perdute di Nazca in Perù che sono state incise nel deserto fino a 2.400 anni fa.

La più grande figura ritrovata – un paio di gambe – è larga più di 250 piedi (77 metri). I ricercatori hanno anche scoperto la figura di un pesce che misura 62 piedi (19 m) di diametro e un uccello largo 56 piedi (17 m).

I ricercatori hanno precedentemente utilizzato lo stesso metodo per identificare una figura umanoide che misura circa 13 piedi (4 m) di lunghezza e 6,5 piedi (2 m) di diametro.

Una linea di Nazca la cui scoperta è stata annunciata nel 2019 è di forma umanoide. (Credito immagine: IBM)
Una linea di Nazca la cui scoperta è stata annunciata nel 2019 è di forma umanoide. (Credito immagine: IBM)

Queste figure, o geoglifi, sono state incise nella superficie del deserto di Nazca.

Ora in totale i geoglifi scoperti sono più di 350. I piloti hanno individuato le prime figure e motivi geometrici nel deserto peruviano, o pampa, negli anni ’20, e ricerche successive hanno scoperto vasti geoglifi raffiguranti colibrì, scimmie, balene, ragni, fiori, disegni geometrici e strumenti.

Sebbene la maggior parte di queste figure si trovi nel deserto di Nazca (o Nasca), è possibile che si trovino anche altrove in Perù. Gli archeologi pensano che siano stati realizzati tra il 400 a.C. e il 650 d.C..



Lo scopo esatto delle figure di Nazca è un mistero di vecchia data, ma la maggior parte degli archeologi pensa che fossero probabilmente utilizzate per processioni cerimoniali lungo i contorni delle figure, hanno scritto i ricercatori nello studio.

I primi geoglifi di Nazca furono riscoperti dai piloti di aerei peruviani negli anni '20; ora ne sono stati trovati più di 350, incluso questo di un pesce. (Credito immagine: Istituto universitario Yamagata di Nasca)
I primi geoglifi di Nazca furono riscoperti dai piloti di aerei peruviani negli anni ’20; ora ne sono stati trovati più di 350, incluso questo di un pesce. (Credito immagine: Istituto universitario Yamagata di Nasca)

Linee del deserto

L’autore principale dello studio Masato Sakai, professore di antropologia e archeologia all’Università di Yamagata in Giappone, ha cercato i geoglifi di Nazca dal 2004 utilizzando immagini satellitari, fotografie aeree, tecnologia LIDAR a scansione aerea e fotografie di droni.

Il team di Sakai dell’Istituto Yamagata di Nazca ha impiegato circa cinque anni per analizzare fotografie aeree ad alta risoluzione dell’intera regione, durante i quali ha identificato diversi nuovi geoglifi.

Ma quando hanno ottenuto fotografie aeree a risoluzione ancora più elevata nel 2016, si sono rivolti a un metodo di intelligenza artificiale noto come “deep learning” per esaminarle, in collaborazione con IBM Japan e il Thomas J. Watson Research Center di IBM negli Stati Uniti, che conduce studi avanzati di intelligenza artificiale.

I sistemi di deep learning e i metodi che hanno utilizzato per gestire i dati sono ispirati al modo in cui il cervello umano elabora le informazioni. Di solito, un sistema di deep learning viene addestrato su migliaia o milioni di oggetti conosciuti, ma Sakai e i suoi colleghi lo hanno addestrato con i dati di soli 21 geoglifi di Nazca conosciuti, che hanno suddiviso in “elementi”.

Qualsiasi geoglifo conosciuto è composto da una dozzina di questi elementi, come una testa, un busto, un braccio o una gamba. E così il nuovo sistema di deep learning è stato in grado di trovare solo parti di geoglifi, ha detto Sakai.

Il geoglifo del "paio di gambe" è il più grande dei geoglifi di Nazca scoperti dal nuovo sistema di intelligenza artificiale, con un diametro di oltre 77 metri. (Credito immagine: Istituto universitario Yamagata di Nasca)
Il geoglifo del “paio di gambe” è il più grande dei geoglifi di Nazca scoperti dal nuovo sistema di intelligenza artificiale, con un diametro di oltre 77 metri. (Credito immagine: Istituto universitario Yamagata di Nasca)

Rilievi in ​​loco

L’intelligenza artificiale ha identificato possibili figure circa 21 volte più velocemente di un archeologo esperto; e gli scienziati si sono recati nei siti dei candidati più probabili per verificare che esistessero effettivamente. I risultati sono i geoglifi descritti nello studio.

Gli autori hanno dichiarato che il sistema potrebbe essere utile nei casi in cui gli esperti umani potrebbero trascurare i geoglifi nelle fotografie aeree: il geoglifo umanoide appena scoperto, ad esempio, era vicino al famoso geoglifo colibrì di Nazca ma non era mai stato individuato prima.

Trovare queste antiche figure di Nazca ora è importante poiché molti geoglifi rischiano la distruzione, soprattutto a causa dell’erosione e dei cambiamenti climatici, che possono produrre più pioggia e danneggiare le linee di superficie. “È imperativo identificare e proteggere il maggior numero possibile di geoglifi”, hanno concluso gli autori.

Fonte: Journal of Archaeological Science 

2