La resurrezione di virus a lungo ritenuti estinti

Mentre molti continuano a discutere dell’esistenza e delle cause del riscaldamento globale, gli scienziati di tutto il mondo – che sono quasi in stretto accordo sia sull’esistenza che sulle cause del cambiamento climatico – continuano a scoprire le possibili conseguenze del riscaldamento. Le estinzioni di massa di specie animali e vegetali, l’innalzamento del livello del mare e un aumento del numero e della gravità delle tempeste stanno tutti facendo il taglio. Ora possiamo aggiungere un’altra possibile conseguenza di un pianeta più caldo, ed è spaventosa: la resurrezione di virus a lungo ritenuti estinti.

In quella che sembra la sceneggiatura di un film catastrofico “Jurassic Park”, un virus congelato per 30.000 anni nel permafrost siberiano è stato scoperto, resuscitato e utilizzato per infettare le amebe in un laboratorio. Per quanto drammatico possa sembrare, niente panico, comunque. Gli scienziati responsabili della scoperta sottolineano che questo nuovo virus non può essere trasmesso agli esseri umani e finora non ci sono prove che il permafrost nasconda qualcosa che potrebbe danneggiare l’uomo o gli animali più grandi. 

I virus intrappolati nel permafrost

Secondo il rapporto degli scienziati del Centro nazionale di ricerca scientifica dell’Università di Aix-Marseille in Francia, il virus scoperto nel permafrost è un tipo di virus a DNA “gigante”, un tipo di virus che, a differenza di un virus normale, , è visibile al microscopio. Pithovirus sibericum, così chiamato, è il terzo virus gigante ad essere scoperto. È anche il più grande e il più antico, per quanto ne sappiamo finora.

Il primo virus a DNA gigante ad essere trovato, lAcanthamoeba polyphaga mimivirus (APMV), è stato scoperto nei primi anni ’90, ma non è stato descritto fino ai primi anni 2000. Da allora, gli scienziati hanno scoperto altri virus simili all’APMV, inizialmente alla guida di ricercatori che credevano che tutti i virus giganti avrebbero fatto parte di questa famiglia.

Poi, diversi anni dopo, è stato scoperto il Pandoravirus salinas, un virus completamente diverso non correlato alla famiglia APMV. Sebbene Pandoravirus mostri diverse caratteristiche del mimivirus, possono infettare entrambe le amebe. La scoperta di Pandoravirus ha fatto capire agli scienziati che i virus giganti sono molto diversi di quanto si pensasse inizialmente.

Il che ci riporta all’ultima scoperta: Pithovirus sibericum, il primo virus di un’altra nuova famiglia. Questo terzo virus gigante del DNA da scoprire, gli scienziati hanno ipotizzato di aver appena raschiato la superficie di quella che potrebbe essere una sfilza di virus giganti nascosti in bella vista in tutto il mondo. Ad esempio, mentre l’AMPV è stato scoperto in una torre di raffreddamento ad acqua in Inghilterra e il Pandoravirus è stato scoperto per la prima volta al largo delle coste del Cile e dell’Australia, il Pithovirus è stato trovato nel permafrost siberiano.

Il permafrost potrebbe essere il posto migliore per cercare più virus che all’aperto. Il permafrost nord-orientale in Siberia è una delle migliori regioni geografiche per cercare antichi microrganismi sopravvissuti grazie al suo pH neutro, tra le altre qualità. Pithovirus è stato raccolto nel 2000 dal permafrost di Chukotka, in Russia, un sito nell’estremo nord-est del paese non lontano dall’Alaska occidentale. Il virus è stato raccolto da un campione orizzontale prelevato da una sponda ripida 76 piedi (23 metri) sopra il fiume Anui e datato al radiocarbonio a 30.000 anni fa. Lo strato non si era mai scongelato in tutto quel tempo.

In laboratorio, il permafrost è stato aggiunto alle amebe, organismi unicellulari che prosperano in ambienti umidi o come parassiti, per vedere se conteneva agenti infettivi. Questo è un modo molto più sicuro per indagare sulle proprietà del permafrost piuttosto che esporlo agli umani, come hanno confermato gli scienziati quando le amebe hanno iniziato a morire. Gli scienziati hanno scoperto un virus che si è moltiplicato nelle amebe; dopo l’infezione virale, le amebe esplosero rapidamente e morirono.

I ricercatori si sono affrettati a rassicurare il pubblico che questo virus gigante non poteva infettare esseri umani o animali, nonostante suonasse come il presagio di sventura in un film di fantascienza. Tuttavia, hanno espresso una certa preoccupazione per la scoperta.

Sebbene il Pithovirus sia il primo di una nuova famiglia, la sua struttura del genoma e il ciclo di replicazione sono simili ad altri virus a DNA di grandi dimensioni (ma non tecnicamente “giganti”), molti dei quali sono patogeni umani o animali, il che significa che possono causare malattie nell’uomo o negli animali. Il pithovirus potrebbe essere solo la punta dell’iceberg dei virus nascosti nel permafrost. Quindi, mentre Pithovirus non è particolarmente preoccupante per gli scienziati, i suoi cugini, zie e zii insoddisfatti che dormono nel ghiaccio potrebbero non essere così benigni.

Colleghiamo tutto questo al cambiamento climatico. Il permafrost continua a sciogliersi, rivelando segreti – buoni, cattivi e intermedi – che sono stati nascosti per migliaia di anni.

Questo è particolarmente un potenziale problema nell’Artico russo, dove il cambiamento climatico è più pronunciato che in altre parti del mondo. Le temperature medie in tutto il mondo sono aumentate di 1,3 gradi Fahrenheit (di 0,7 gradi) negli ultimi cento anni, mentre la temperatura media dello strato superficiale del permafrost è aumentata di 5 gradi Fahrenheit (3 gradi Celsius) e diminuita in profondità del 7%. Aggiungiamo a ciò il fatto che le ricche risorse minerarie e le riserve petrolifere nell’Artico vengono sempre più estratte e perforate, il che sta anche causando lo scioglimento del permafrost, e si può iniziare a capire perché diventa urgente esaminare la possibilità di agenti patogeni virali infettivi, in agguato nei vecchi strati di permafrost.

Insieme alle trivellazioni petrolifere, i ricercatori continuano a estrarre il permafrost, sottolineando che isolare e far rivivere antichi virus che infettano l’ameba dalla tundra ghiacciata è un modo economico e sicuro per valutare la minaccia rappresentata da questi e altri virus giganti del DNA non ancora scoperti

Mentre l’idea di riportare in vita un virus di 30.000 anni fa e distruggere alcune povere amebe è piuttosto interessante, almeno nel mondo della fantascienza, rappresenta una minaccia? Al di fuori del mondo del cinema, qual è la probabilità che alcuni insetti assassini di Neanderthal che gli umani moderni non hanno un’immunità naturale e poca capacità di combattere, vengano in superficie per distruggere l’umanità?

Nel 2005, tuttavia, non sembrava probabile che Pithovirus – o qualcosa di simile – potesse esistere nel mondo moderno. Se non altro, la scoperta e la rinascita di questi virus “estinti ” dimostra che sono tutt’altro. Data la possibilità dichiaratamente esigua di una rinascita dei virus dell’era glaciale, o anche di quelli più recenti che si pensava fossero stati sradicati, come il vaiolo, i ricercatori raccomandano ancora la vigilanza e una scorta di vaccino a portata di mano, per ogni evenienza.

 

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

In Tendenza

Per le Olimpiadi 2024, Parigi diventa ecosostenibile

Le Olimpiadi 2024 di Parigi daranno la priorità alla...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Deserto di Atacama: miracoloso evento dopo ben 10 anni

Il deserto di Atacama, situato nel nord del Cile,...

Offerte Amazon di oggi: telescopi astronomici super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti i...

L’elusivo effetto Unruh

Un nuovo approccio potrebbe consentire di rilevare l'elusivo effetto Unruh in poche ore, anziché in miliardi di anni

Offerte Amazon di oggi: mouse gaming super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ha pensato di...

Un millepiedi gigante perso da 120 anni è stato ritrovato

Nel cuore della foresta di Makira, una delle aree...

Articoli correlati

Popular Categories