Stop alla dialisi: arriva il primo rene artificiale al mondo-video

Il primo rene artificiale al mondo potrebbe liberare finalmente le persone dalla dialisi. Secondo renal.org, le malattie renali  causano più decessi rispetto al cancro al seno o alla prostata, colpendo circa 37 milioni di persone negli Stati Uniti o il 15% della popolazione adulta; più di 1 adulto su 7

0
3508

Il primo rene artificiale al mondo potrebbe liberare finalmente le persone dalla dialisi. Secondo renal.org, le malattie renali  causano più decessi rispetto al cancro al seno o alla prostata, colpendo circa 37 milioni di persone negli Stati Uniti o il 15% della popolazione adulta; più di 1 adulto su 7.

Sebbene i trapianti di rene siano possibili, c’è sempre più richiesta di quella che può essere soddisfatta e il rischio che il corpo del paziente possa rifiutare l’organo è sempre possibile. La dialisi rimane l’opzione più praticabile, ma il processo è complicato e oneroso per i pazienti.

Ora, una partnership pubblico-privata tra il Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) degli Stati Uniti e l’American Society of Nephrology (ASN) fondata per “accelerare l’innovazione nella prevenzione, diagnosi e trattamento delle malattie renali” potrebbe aver escogitato una soluzione, secondo un comunicato stampa dell’Università della California di San Francisco.

Chiamato Kidney Project, la nuova invenzione è un rene bioartificiale impiantabile e ha appena guadagnato un premio di $ 650.000 da KidneyX per la sua prima dimostrazione del suo prototipo funzionale.



“La visione del rene artificiale è quella di fornire ai pazienti una mobilità completa e risultati fisiologici migliori rispetto alla dialisi”, ha affermato Roy, membro della facoltà del Dipartimento di Bioingegneria e Scienze Terapeutiche, un dipartimento congiunto delle Scuole di Farmacia e Medicina dell’UCSF. “Promette una qualità della vita molto più elevata per milioni di persone in tutto il mondo con insufficienza renale”.

Cosa c’è di così speciale in un rene artificiale?

Cosa c’è di così speciale in questo rene artificiale? Il dispositivo è stato progettato per supportare in modo sostenibile una coltura di cellule renali umane senza provocare una risposta immunitaria.

Ciò significa che i pazienti con insufficienza renale possono rinunciare alle procedure di dialisi spesso dolorose e scomode e alla vita sui farmaci immunosoppressori che vengono assunti quando viene eseguito un trapianto di rene e che possono avere gravi effetti collaterali.

Il KidneyX Artificial Kidney Prize ha invitato scienziati e ingegneri a presentare “terapie di sostituzione renale continua che forniscono opzioni di trattamento trasformativo oltre gli attuali metodi di dialisi”.

 
2