ISS: a bordo il primo esperimento archeologico spaziale

Un gruppo di scienziati sta rompendo gli schemi dando il via al primo progetto archeologico in assoluto a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS)

0
294

Mentre la maggior parte delle persone associa naturalmente l’archeologia a resti antichi e manufatti preziosi, un gruppo di scienziati sta rompendo gli schemi dando il via al primo progetto archeologico in assoluto a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), come rivela un comunicato stampa.

È la prima volta che un progetto del genere si svolge a bordo di qualsiasi habitat spaziale e il suo scopo è catalogare come gli esseri umani adattano i loro comportamenti di vita mentre si trovano nello spazio per mesi alla volta. Come punto di riferimento, la permanenza più lunga a bordo della ISS finora è stata quella di 328 giorni dell’astronauta della NASA Christina Koch, che si è conclusa lo scorso anno.

“Siamo i primi a cercare di capire come gli esseri umani si relazionano con gli oggetti con cui vivono nello spazio”, ha spiegato il Professore Associato Justin Walsh della Chapman University in California, uno dei responsabili dello studio.

“Portando le prospettive archeologiche in un dominio spaziale attivo, siamo i primi a mostrare come le persone adattano il loro comportamento a un ambiente completamente nuovo”.

Pozzi archeologici di prova  nello spazio

Il Progetto Archeologico della Stazione Spaziale Internazionale (ISSAP), è iniziato questa settimana con il suo primo esperimento, chiamato Sampling Quadrangle Assemblages Research Experiment (SQuARE). L’obiettivo dell’esperimento è costruire l’equivalente di una fossa di prova nello spazio. Sulla Terra, gli archeologi scavano una fossa di prova di un metro quadrato (3,28 piedi) per capire il sito su cui stanno indagando e pianificare cosa indagare dopo.



Invece di un sito di scavo, il team ISSAP utilizzerà del nastro adesivo per delineare aree di un metro della vecchia ISS per le indagini. Le indagini verranno effettuate attraverso fotografie giornaliere per un totale di 60 giorni, che mostrano come vengono utilizzati i diversi spazi.

Le “fosse” saranno dislocate in diverse aree, come il tavolo della cucina, la postazione di lavoro e una parete vicino a una latrina. All’equipaggio della ISS è stato anche chiesto di scegliere un’area di prova finale, e sono andati con uno dei rack nel modulo del laboratorio statunitense, Destiny. I prossimi due mesi vedranno i primi archeologi spaziali del mondo iniziare a studiare un habitat spaziale quasi in tempo reale.

2