10.4 C
Rome
giovedì, Dicembre 1, 2022
HomeMedicinaLe infezioni infantili possono aumentare il rischio di malattie cardiache da adulti

Le infezioni infantili possono aumentare il rischio di malattie cardiache da adulti

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

I neonati hanno il sistema immunitario non ancora completamente fomato. Di conseguenza, sono significativamente più vulnerabili a determinate malattie rispetto ai bambini più grandi e agli adulti. Il loro nuovo sistema immunitario non è sufficientemente sviluppato per combattere batteri, virus e parassiti che causano queste infezioni.

Batteri e virus causano la maggior parte delle infezioni nei neonati. I neonati possono contrarre un’infezione prima, durante e dopo la nascita. Subito dopo la nascita, il sistema immunitario dei bambini inizia a maturare, diminuendo rapidamente il numero di infezioni che un bambino contrae. Tuttavia, il breve periodo di vulnerabilità alle infezioni potrebbe avere gravi conseguenze per la salute futura del bambino.

I ricercatori hanno scoperto un potenziale legame tra  e rischio di malattie cardiovascolari da adulti, aprendo la porta a un intervento mirato. Lo studio, condotto dal Murdoch Children’s Research Institute (MCRI) e pubblicato su eLife il 10 maggio 2022, ha scoperto che marcatori di infiammazione elevati e cambiamenti nel metabolismo (il modo in cui le cellule del corpo trasformano il cibo in energia) nei bambini inclini alle infezioni somigliavano a quelli visto negli adulti a rischio di malattie cardiovascolari.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Secondo il dottor Toby Mansell del Murdoch Children’s Research Institute, i risultati implicano che le infezioni durante l’infanzia possono predisporre gli adulti a un rischio maggiore di malattie cardiache, obesità, ictus e diabete di tipo 2.

Abbiamo scoperto che il rischio di malattie cardiovascolari nell’età adulta potrebbe accumularsi fin dalla prima infanzia“, ​​ha affermato. “Sappiamo che i bambini sono inclini alle infezioni. Ciò causa infiammazione, un fattore di rischio cardiometabolico chiave, ma la relazione tra infezione, infiammazione e profili metabolici nella prima infanzia era rimasta poco esplorata fino a questo studio“.

Lo studio ha coinvolto 555 bambini del Barwon Infant Study, un progetto di collaborazione tra Barwon Health, Murdoch Children’s e Deakin University, con infezioni infantili monitorate per 12 mesi.

La ricerca ha rilevato che alti tassi di infezioni infantili entro i 12 mesi di età erano associati a marcatori di infiammazione elevati e cambiamenti nei profili metabolici, che influenzano il modo in cui il corpo elabora grassi, proteine ​​e zuccheri.

Il professor David Burgner del Murdoch Children ha affermato che l’infezione è stata riconosciuta come un potenziale contributo alle malattie cardiovascolari, una delle principali cause di morte negli adulti a livello globale.

In Australia, le malattie cardiovascolari rappresentano un quarto di tutti i decessi, con un decesso ogni 10 minuti. Più di 4 milioni di australiani hanno malattie cardiovascolari e ogni minuto qualcuno viene ricoverato in ospedale a causa di problemi cardiovascolari.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il professor Burgner ha affermato che la ricerca ha offerto opportunità per misure di prevenzione precoce come l’identificazione dei tipi di infezione e dei bambini a più alto rischio e come questi rischi potrebbero essere compensati da semplici interventi.

Un’azione mirata potrebbe includere la promozione dell’allattamento al seno, la garanzia di vaccinazioni tempestive e il sostegno alle famiglie in modo che possano tenere i bambini a casa se non stanno bene a causa di un’infezione“, ha affermato.

Hanno contribuito anche i ricercatori del Royal Children’s Hospital, dell’Università di Melbourne, del Baker Heart and Diabetes Institute, del Florey Institute of Neuroscience and Mental Health, della Deakin University, del Radboud University Medical Center nei Paesi Bassi, dell’Università del Queensland, della Barwon Health e della Monash University allo studio.

Riferimento: “Early life infection and proinflammatory, atherogenic metabolomic and lipidomic profiles in infancy: a population-based cohort study” di Toby Mansell, Richard Saffery, Satvika Burugupalli, Anne-Louise Ponsonby, Mimi LK Tang, Martin O’Hely, Siroon Bekkering , Adam Alexander T Smith, Rebecca Rowland, Sarath Ranganathan, Peter D Sly, Peter Vuillermin, Fiona Collier, Peter Meikle, David Burgner e Barwon Infant Study Investigator Group, 10 maggio 2022, eLife .
DOI: 10.7554/eLife.75170

Articoli più letti