Individuati 5 Fast Radio Burst dalle braccia di lontane galassie a spirale

Il mistero dei Fast Radio Burst (FRB) continua ad affascinare gli astronomi. Nessuno è abbastanza sicuro di cosa ci sia dietro questi impulsi di onde radio super brevi e super intensi dallo spazio profondo, ma ora gli astronomi hanno rintracciato cinque FRB nelle loro galassie di origine

Indice

Il mistero dei Fast Radio Burst (FRB) continua ad affascinare gli astronomi. Nessuno è abbastanza sicuro di cosa ci sia dietro questi impulsi di onde radio super brevi e super intensi dallo spazio profondo, ma ora gli astronomi hanno rintracciato cinque FRB nelle loro galassie di origine.

Questa individuazione la dobbiamo al telescopio spaziale Hubble. Le telecamere ultraviolette e infrarosse del telescopio sono state utilizzate per vedere da dove sono emerse queste cinque esplosioni su una mappa stellare, il che potrebbe darci una migliore comprensione di come potrebbero essere nate.

Prima di ora, solo circa 15 delle migliaia di FRB rilevati fino ad oggi sono stati ricondotti a particolari galassie, quindi il tracciamento effettuato su questo ammasso di esplosioni è un indicatore importante di come funziona il fenomeno.

I nostri risultati sono nuovi ed entusiasmanti“, afferma l’astronomo Alexandra Mannings, dell’Università della California di Santa Cruz. “Questa è la prima vista ad alta risoluzione di una popolazione di FRB, e Hubble rivela che cinque di loro sono localizzati vicino o sui bracci a spirale di una galassia. La maggior parte delle galassie sono massicce, relativamente giovani e stanno ancora formando stelle“.

L’imaging ci consente di avere un’idea migliore delle proprietà complessive della galassia ospite, come la sua massa e il tasso di formazione stellare, nonché di sondare cosa sta succedendo proprio nella posizione degli FRB perché Hubble ha una risoluzione così grande“.

I Fast Radio Burst generano tanta energia in un millesimo di secondo quanta ne produce il Sole in un anno, e più scopriamo su di loro, più diventano intriganti. Non potrebbero essere comunicazioni da forme di vita aliene … vero? (Probabilmente no, mi dispiace).

Parte della difficoltà nello studio di queste esplosioni è che durano solo alcuni millisecondi e molto raramente si ripetono. Gli scienziati inoltre non sanno davvero dove cercare le successive, il che rende molto difficile rintracciare le loro origini e le loro cause.

Il fatto che questi cinque abbiano dimostrato di provenire dalle parti più deboli delle braccia a spirale attorno alle galassie dice molto agli esperti. Le braccia a spirale sono dove si trovano le stelle più calde e giovani di una galassia, ma questi Fast Radio Burst non provengono dalle parti più luminose delle braccia.

punto stella 2Quattro delle sedi FRB. (NASA, ESA, Alexandra Mannings, Wen-fai Fong; Elaborazione immagini: Alyssa Pagan)

Poiché sappiamo quali tipi di stelle si trovano e non si trovano nelle regioni del braccio a spirale, i risultati confermano l’ipotesi che gli FRB abbiano probabilmente origine da stelle magnetar, stelle dense con campi magnetici incredibilmente potenti, che tendono a essere trovati nei siti Fast Radio Burst individuati da Hubble.

A causa dei loro forti campi magnetici, le magnetar sono abbastanza imprevedibili“, afferma l’astronomo Wen-fai Fong della Northwestern University. “In questo caso, si pensa che gli FRB provengano da una giovane magnetar“.

Questo lavoro investigativo basato su Hubble va anche oltre la ricerca precedente nell’associare FRB a galassie che hanno strutture sottostanti specifiche – in questo caso, braccia a spirale. Questo è un collegamento che non è stato chiaramente individuato in precedenza.
Lentamente ma inesorabilmente, gli esperti stanno iniziando a mettere insieme alcune informazioni solide su questi elusivi impulsi di energia che attraversano lo spazio. Avendo originariamente identificato questi eventi nel 2007, l’anno scorso gli astronomi hanno trovato prove del primo FRB nella nostra galassia.
La domanda su cosa siano esattamente gli FRB e da dove provengano rimane senza risposta, ma studi come questo nuovo della NASA stanno iniziando a escludere alcune possibilità, e più immagini dettagliate dello spazio possiamo ottenere, meglio è.
Non sappiamo cosa generi i Fast Radio Burst, quindi è davvero importante utilizzare il contesto quando lo abbiamo“, afferma Fong.
Questa tecnica ha funzionato molto bene per identificare i progenitori di altri tipi di transitori, come supernove e lampi di raggi gamma. Anche Hubble ha giocato un ruolo importante in questi studi“.

 

La ricerca deve ancora essere pubblicata, ma apparirà sull’Astrophysical Journal. È ora disponibile come preprint su arXiv.org.

Articoli più letti

Related articles