Il tempo esiste o no?

La risposta a questa domanda può sembrare ovvia: certo che sì! Basta guardare un calendario o un orologio. Ma gli sviluppi della fisica suggeriscono che la non esistenza del tempo è una possibilità aperta da prendere sul serio.

Come può essere e cosa significherebbe? Ci vorrà un po’ per spiegarlo, ma non preoccuparti: anche non esistesse, le nostre vite andranno avanti come al solito.

Una crisi della fisica

La fisica è in crisi. Nell’ultimo secolo abbiamo spiegato l’universo con due teorie fisiche di grande successo: la relatività generale e la meccanica quantistica.

La meccanica quantistica descrive come funzionano le cose nel minuscolo mondo delle particelle e delle interazioni tra particelle. La relatività generale descrive il quadro generale della gravità e di come si muovono gli oggetti. Entrambe le teorie funzionano molto bene di per sé, ma si pensa che, sotto certi aspetti, siano in conflitto l’una con l’altra. Sebbene l’esatta natura del conflitto sia controversa, gli scienziati generalmente concordano che entrambe le teorie devono essere sostituite con una nuova teoria più generale.

L’idea sarebbe quella di produrre una teoria della “gravità quantistica” che sostituisca la relatività generale e la meccanica quantistica, catturando al contempo lo straordinario successo di entrambe. Una tale teoria spiegherebbe come funziona il quadro generale della gravità sulla scala in miniatura delle particelle.

Il tempo nella gravità quantistica

In realtà oggi si è capito che produrre una teoria della gravità quantistica è straordinariamente difficile. Un tentativo di superare il conflitto tra le due teorie è la teoria delle stringhe, una teoria che sostituisce le particelle con stringhe che vibrano fino a 11 dimensioni.

Tuttavia, la teoria delle stringhe deve affrontare un’ulteriore difficoltà. Le teorie delle stringhe forniscono una gamma di modelli che descrivono un universo sostanzialmente simile al nostro e in realtà non fanno previsioni chiare che possano essere testate da esperimenti per capire quale modello sia quello giusto.

Negli anni ’80 e ’90, molti fisici, insoddisfatti della teoria delle stringhe, inventarono una serie di nuovi approcci matematici alla gravità quantistica. Uno dei più importanti di questi è la gravità quantistica a loop, che propone che il tessuto dello spazio e del tempo sia costituito da una rete di blocchi discreti estremamente piccoli, o “loop”.

Uno degli aspetti notevoli della gravità quantistica ad anello è che sembra eliminare completamente il tempo, ma la gravità quantistica ad anello non è la sola teoria ad abolire il tempo: anche numerosi altri approcci sembrano rimuoverlo come aspetto fondamentale della realtà.

Tempo emergente

Quindi sappiamo che abbiamo bisogno di una nuova teoria fisica per spiegare l’universo e che questa teoria potrebbe non includere il tempo. Supponiamo che una tale teoria si riveli corretta. Ne conseguirebbe che il tempo non esiste?

È complicato e dipende da cosa intendiamo per esistere .

Le teorie della fisica non includono tavoli, sedie o persone, eppure accettiamo ancora che esistano tavoli, sedie e persone.

Arte del concetto di fisica quantistica del tempo

anche se il tempo non fosse una proprietà fondamentale dell’universo, potrebbe ancora ’emergere’ da qualcosa di più basilare.

Come mai? Perché assumiamo che tali cose esistano a un livello superiore a quello descritto dalla fisica.

Diciamo che un tavolo, ad esempio, “emerge” da una fisica sottostante di particelle che sfrecciano nell’universo. Ma mentre crediamo di sapere abbastanza bene come un tavolo possa essere composto da particelle fondamentali, non abbiamo idea di come il tempo possa essere “fatto da” qualcosa di più fondamentale.

Quindi, a meno che non riusciamo a fornire un buon resoconto di come il tempo emerge, non è chiaro come possiamo semplicemente presumere che il tempo esista.

Il tempo potrebbe non esistere a nessun livello.

Tempo e agente

Dire che il tempo non esiste a nessun livello è come dire che non esistono i tavoli. Cercare di cavarsela in un mondo senza tavoli potrebbe essere difficile, ma esistere in un mondo senza tempo sembra decisamente disastroso. La nostra intera vita, infatti, è costruita intorno al tempo. Progettiamo per il futuro, alla luce di ciò che sappiamo del passato. Riteniamo le persone moralmente responsabili delle loro azioni passate e siamo certamente consapevoli di “quando” è successo qualcasa.

Crediamo di essere agenti (entità che possono fare le cose) in parte perché possiamo pianificare di agire in un modo che porterà cambiamenti in futuro. Ma qual è lo scopo di agire per portare un cambiamento nel futuro quando, se non esiste il tempo, non c’è un futuro per cui agire?

Che senso avrebbe punire qualcuno per un’azione passata, quando non c’è passato e quindi non è chiaro se l’azione l’ha commessa, la sta commettendo o deve ancora commetterla, o tutte e tre le cose insieme?

Tutto come al solito

C’è, però, una via d’uscita dal caos. Sebbene la fisica possa eliminare il tempo, sembra lasciare intatta la causalità: il senso in cui una cosa può crearne un’altra. Forse ciò che la fisica ci sta dicendo, quindi, è che la causalità la caratteristica fondamentale del nostro universo.

Se è vero, l’agente può ancora sopravvivere. Perché è possibile ricostruire un senso di azione interamente in termini causali, ovvero che dalla causa discende l’effetto. Almeno, questo è ciò che Kristie Miller, Jonathan Tallant e Sam Baron discutono nel loro nuovo libro.

I tre suggeriscono che la scoperta che il tempo non esiste potrebbe non avere alcun impatto diretto sulle nostre vite, anche se spinge la fisica verso una nuova era, questo perché si può sostituire il tempo con la causa ed il suo effetto.

A ben guardare, sembra un po’ un modo di barare: Si afferma che il tempo non esiste ma si introduce un surrogato che ne giustifica l’azione.La conversazione

Gran parte della fisica si basa sulla successione degli eventi, e lo stesso vale per la chimica, e gran parte delle leggi universali che abbiamo dedotto sono valide ed agiscono un momento dopo l’altro. Possiamo chiamare questa successione tra causa ed effetto come preferiamo ma sarà sempre l’effetto dello scorrere della freccia del tempo.
Forse il tempo non esiste ma nessuno è ancora riuscito a provarlo.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

In Tendenza

Offerte Amazon di oggi: mini frigo portatili super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi vorrei proporti i...

Venere: individuati possibili segni di vita

Un team di ricercatori ha presentato nuove prove della...

Guerra del Golfo: scoperta la causa della malattia nei veterani

Uno studio della Griffith University ha rivelato che la...

Progetto VIPER: inaspettato nessun lancio nel 2025

Il progetto VIPER (Volatiles Investigating Polar Exploration Rover) della...

Fusione nucleare: energia del futuro ma non del presente

La fusione nucleare è la fonte di energia più...

Archimede, specchi ustori o palle incendiarie?

Poiché Archimede riuscì realmente a incendiare le navi romane perfezionando armi da getto in grado di lanciare sostanze incendiarie, si è sostenuto che alla base della leggenda degli specchi ustori vi sia un'errata traduzione di una voce greca, che si sarebbe riferita a "sostanze incendiarie" e sarebbe stata interpretata erroneamente come "specchi ustori"

In che modo lo spray anti-THC garantisce la tua tranquillità?

La cannabis è diventata un argomento di preoccupazione per...

Articoli correlati

Popular Categories