Il Tai Chi può aiutare i sofferenti di Parkinson

Il Tai Chi, è sicentificamente dimostrato, può aiutare il benessere del corpo, migliorare l'equilibrio, ridurre l'ansia e arginare la gravità del Parkinson

0
189
Il Tai Chi può aiutare i sofferenti di Parkinson
Il Tai Chi può aiutare i sofferenti di Parkinson

La scienza da ragione al Tai Chi, la secolare arte marziale che, se praticata, aiuta il benessere fisico, migliora l’equilibrio, riduce l’ansia e previene le malattie cardiovascolari.

Questi, però, non sono gli unici benefici che questo esercizio può avere: uno studio recentemente pubblicato ha dimostrato che la pratica del Tai Chi può arginare i sintomi del Parkinson a breve termine.

Per dimostrare la veridicità della ricerca, gli studiosi hanno radunato pazienti sofferenti proprio di tale patologia. Ricordiamo come il morbo di Parkinson non sia una malattia ereditaria. I ricercatori si sono concentrati sulla malattia di Parkinson sporadica (la stessa di cui soffrivano tali pazienti) in modo da poter esaminare gli effetti del Tai Chi esclusivamente sui sintomi della patologia. Che cosa è successo?

Come sono stati divisi i partecipanti

I ricercatori hanno escluso le persone con altre condizioni di salute (come altre malattie neurodegenerative) che avrebbero potuto impedire loro di prendere parte alle lezioni di Tai Chi. I partecipanti sono stati poi divisi in due gruppi: un gruppo di controllo di 187 persone che non hanno fatto esercizio fisico e un gruppo di 143 persone che hanno completato le lezioni di Tai Chi. I partecipanti avevano un’età media di 66 anni. C’era un numero uguale di partecipanti maschi e femmine. Tutti i partecipanti erano in una fase iniziale della malattia di Parkinson ed era stata diagnosticata in media solo da quattro anni. Ciò significava che qualsiasi cambiamento nei sintomi osservato tra i due gruppi poteva essere attribuito al Tai Chi.

L’esperimento

Ai partecipanti al gruppo Tai Chi sono state impartite cinque lezioni nel corso della durata dello studio, iniziato nel 2016 e terminato nel 2018. È stato inoltre chiesto loro di allenarsi due volte a settimana per un’ora. Tutti i partecipanti sono stati poi seguiti per un periodo di tre anni tra il 2019 e il 2021 per monitorare i loro sintomi. I partecipanti al gruppo Tai Chi presentavano una migliore funzione motoria alla fine dello studio. Il gruppo di controllo, invece, ha sperimentato un declino più rapido delle funzioni motorie, compresa la capacità di camminare e l’equilibrio.

Inoltre, il gruppo di controllo ha assunto in media più farmaci per il Parkinson per gestire i sintomi nel corso dello studio rispetto al gruppo del Tai Chi. Ciò significa che la malattia era più grave e progrediva più rapidamente nel gruppo di controllo, oppure che il Tai Chi avesse un effetto protettivo sulla progressione della malattia. Gli effetti positivi del Tai Chi sono stati evidenti anche nei sintomi non motori: il gruppo che ha praticato Tai Chi ha riportato una migliore qualità della vita, benessere, sonno, nonché benefici in termini di memoria e pensiero.



L’utilità del Tai Chi

Dato che i farmaci attualmente utilizzati per trattare e gestire il morbo di Parkinson non ritardano la progressione della malattia né prevengono il peggioramento dei sintomi, disporre di una terapia integrativa accessibile ma efficace come il Tai Chi potrebbe essere utile per i pazienti. Ma per quanto promettenti siano questi risultati, lo studio presentava alcune limitazioni degne di nota. Il primo è che i gruppi non sono stati randomizzati. Il gold standard negli studi clinici è randomizzare i partecipanti in gruppi per evitare che vengano introdotti errori nello studio.

Quindi, poiché i gruppi non erano randomizzati, i partecipanti potrebbero essere stati reclutati in un gruppo a causa della motivazione all’esercizio fisico o di altri fattori legati allo stile di vita. Un altro motivo per cui alcuni partecipanti sono stati reclutati nel gruppo di controllo è stato per motivi pratici, come l’ubicazione del partecipante o conflitti di lavoro.

Esercizio fisico per tenere sotto controllo il Parkinson

Questo non è il primo studio che dimostra che il Tai Chi possa avere benefici per le persone affette da morbo di Parkinson. Ma gli studi precedenti hanno riscontrato benefici solo a breve termine, per periodi di sei mesi . Questa ricerca è la prima del suo genere a mostrare benefici a lungo termine. L’articolo originale è stato pubblicato su Science Alert.

2