13.3 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
HomeMedicinaCancro: creati "semi" magnetici che riscaldano e uccidono le cellule tumorali

Cancro: creati “semi” magnetici che riscaldano e uccidono le cellule tumorali

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Gli scanner MRI sono ampiamente utilizzati negli ospedali di tutto il mondo e sono essenziali per il rilevamento di malattie come il cancro. Tuttavia, potrebbero presto essere elevati da apparecchiature diagnostiche a piattaforma terapeutica, grazie a un gruppo di ricercatori dell’University College London (UCL), che hanno utilizzato uno scanner MRI per guidare un minuscolo “seme” magnetico attraverso il cervello in grado di riscaldare e distruggere le cellule cancerogene.

La nuova rivoluzionaria terapia contro il cancro, che è stata testata sui topi, è chiamata “ablazione guidata da immagini minimamente invasiva“, o MINIMA, secondo lo studio pubblicato su Advanced Science.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

È costituito da termosemi ferromagnetici, che sono fondamentalmente sfere metalliche di 2 mm, che vengono guidati verso un tumore utilizzando la propulsione magnetica generata da uno scanner MRI e quindi riscaldati a distanza per uccidere le cellule tumorali vicine.

Se questa tecnica si traducesse nell’uomo, potrebbe aiutare a combattere i tumori cerebrali difficili da raggiungere stabilendo una “prova di concetto” per il trattamento preciso di tumori come il glioblastoma, la forma più comune di cancro al cervello, e la prostata, che potrebbe avvantaggiarsi da terapie meno invasive.

I semi di risonanza magnetica potenziano la lotta contro il cancro

I ricercatori dell’UCL hanno dimostrato le tre componenti principali di MINIMA con un elevato livello di accuratezza: imaging del seme preciso, navigazione attraverso il tessuto cerebrale utilizzando un sistema MRI personalizzato (tracciato con una precisione entro 0,3 mm) ed eradicazione del tumore in un modello murino riscaldandolo.

I ricercatori hanno utilizzato una macchina per la risonanza magnetica per dirigere sfere metalliche di 2 mm di diametro, che sono state impiantate superficialmente nel tessuto, e state spostate verso i tumori. Quindi, sono state riscaldate per distruggere le cellule.

“L’utilizzo di uno scanner MRI per fornire una terapia in questo modo consente di acquisire immagini del seme terapeutico e del tumore durante tutta la procedura, garantendo che il trattamento venga erogato con precisione e senza dover eseguire un intervento chirurgico a cielo aperto”, ha spiegato l’autrice principale Rebecca Baker all’UCL Center for Advanced Biomedical Imaging, in un comunicato stampa.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Questo potrebbe essere vantaggioso per i pazienti riducendo i tempi di recupero e riducendo al minimo la possibilità di effetti collaterali”.

Il cancro è una delle principali cause di mortalità in tutto il mondo, con quasi 10 milioni di decessi nel 2020, il che rende il miglioramento della precisione dei nostri trattamenti contro il cancro uno dei bisogni più urgenti e insoddisfatti che dobbiamo affrontare oggi.

“A un uomo su 8 verrà diagnosticato un cancro alla prostata. Sebbene trattamenti come la radioterapia e la chirurgia possano essere efficaci, spesso causano effetti collaterali indesiderati e debilitanti come incontinenza e impotenza”, ha affermato il professor Mark Emberton della UCL Division of Surgery and Interventional Science, che è il principale clinico oncologico nello studio. “MINIMA può permetterci di mirare con precisione e distruggere il tessuto tumorale della prostata, riducendo i danni alle cellule normali”, ha aggiunto.

In futuro, i ricercatori hanno in programma di modificare la struttura del seme in modo che possa funzionare come un minuscolo coltello da taglio che può essere guidato attraverso i tessuti. Ciò consentirebbe ai chirurghi di eseguire procedure controllate a distanza e di rivoluzionare potenzialmente la chirurgia non invasiva.

Articoli più letti