Il rover Curiosity scopre un antico lago su Marte

I segni di increspatura scoperti da Curiosity sarebbero una prova dell'esistenza di un antico lago sul Pianeta Rosso

0
1155
Il rover Curiosity scopre un antico lago su Marte
Il rover Curiosity scopre un antico lago su Marte

Il rover Curiosity della NASA ha scoperto segni di increspatura molto antichi che suggerirebbero l’esistenza di un lago oramai prosciugato su Marte.

La scoperta si basa, più precisamente, su rocce increspate dalle onde, proprio in un’area del pianeta che dovrebbe essere più secca. Ashwin Vasavada, scienziato del progetto Curiosity presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA in California, ha spiegato: “Questa è la migliore prova di acqua e onde che abbiamo visto nell’intera missione”.

Il rover, che esplora Marte dal 2012, ha trasmesso immagini mozzafiato di modelli increspati sulla superficie delle rocce causate dalle onde di un lago poco profondo miliardi di anni fa.

Laghi su Marte: Curiosity aveva già scoperto altre prove

Curiosity aveva precedentemente trovato prove che un tempo i laghi ricoprivano parti di Marte con i minerali salati lasciati quando si prosciugavano. Ma gli scienziati della NASA sono stati sorpresi di trovare prove così evidenti di acqua nel cratere Gale che il rover sta ora esplorando.

Ha detto Vasavada in una nota: “Abbiamo scalato molti depositi lacustri durante la nostra missione, ma non abbiamo mai visto le increspature delle onde così chiaramente”. E inoltre: “Questo è stato particolarmente sorprendente perché l’area in cui ci troviamo probabilmente si è formata in un momento in cui Marte stava diventando più secco”.



Cosa ci dicono i detriti?

Curiosity  sta esplorando le pendici di una montagna alta tre miglia (cinque chilometri) nota come il Monte Sharp. Il rover ha anche individuato detriti in una valle che è stata spazzata via da frane bagnate sul Monte Sharp, ha detto la NASA.

Vasavada ha spiegato: “Questi detriti di frana sono probabilmente la prova più recente di acqua che vedremo mai. Ci permetterà di studiare gli strati più in alto sul Monte Sharp che non possiamo raggiungere”.

L’importanza del Monte Sharp

La NASA ha affermato che il Monte Sharp fornisce una sorta di “linea temporale marziana” agli scienziati con gli strati più antichi in basso e i più giovani in alto. Vasavada ha affermato che questo consente loro di “studiare come Marte si è evoluto da un pianeta che era più simile alla Terra nel suo passato antico, con un clima più caldo e acqua abbondante, al deserto gelido che è oggi”.

Un altro rover su Marte, Perseverance, è atterrato sul Pianeta Rosso nel febbraio 2021 alla ricerca di segni di vita microbica passata. Il rover multi-tasking raccoglierà 30 campioni di roccia e suolo in tubi sigillati per essere rispediti sulla Terra negli anni ’30 del 2000 per le analisi di laboratorio.

Come è stato scoperto il lago?

Come informa la NASA, dopo aver scalato quasi mezzo miglio sopra la base della montagna, Curiosity ha trovato queste trame rocciose increspate conservate in quella che è soprannominata la “banda marcatrice”, un sottile strato di roccia scura che si distingue dal resto del Monte Sharp. Questo strato di roccia è così duro che Curiosity non è stato in grado di perforarne un campione nonostante diversi tentativi.

Non è la prima volta che Marte non è disposto a condividere un campione: più in basso nella montagna, sul crinale Vera Rubin, Curiosity ha dovuto provare tre volte prima di trovare un punto abbastanza morbido da perforare.

La storia dei cambiamenti climatici su Marte

Un altro elemento che ha affascinato il team è un’insolita struttura rocciosa probabilmente causata da una sorta di ciclo regolare del tempo o del clima, come le tempeste di polvere. Non lontano dalle trame increspate ci sono rocce fatte di strati regolari nella loro spaziatura e spessore.

Questo tipo di schema ritmico negli strati rocciosi sulla Terra spesso deriva da eventi atmosferici che si verificano a intervalli periodici. È possibile che gli schemi ritmici di queste rocce marziane siano il risultato di eventi simili, suggerendo cambiamenti nell’antico clima del Pianeta Rosso.

2