Griffin: il nuovo lander Astrobotic che andrà sulla Luna (Video)

Nonostante il fallimento del primo lander lunare commerciale statunitense ad operare nello spazio, Astrobotic Technology va avanti con lo sviluppo di Griffin, il nuovo lander che andrà sulla Luna

0
193
Griffin

Nonostante il fallimento del primo lander lunare commerciale statunitense ad operare nello spazio, Astrobotic Technology va avanti con lo sviluppo di Griffin, il nuovo lander che andrà sulla Luna.

Griffin

Griffin: il più grande lander lunare dai tempi dai tempi di Apollo

L’assemblaggio dell’hardware per il lander Astrobotic Griffin Mission One è ora in mostra presso l’azienda privata con sede a Pittsburgh e può essere osservato dall’adiacente Moonshot Museum. Il prossimo lander lunare, noto come Griffin, è il più grande lander lunare dai tempi del modulo lunare Apollo.

Non c’è dubbio: il prossimo volo di Griffin non è solo un grande evento per l’iniziativa Commercial Lunar Payload Services (CLPS) della NASA in cui le aziende americane hanno un contratto per fornire scienza e tecnologia sulla superficie lunare, ma segnala anche un importante ponte verso il programma Artemis della NASA di esplorazione umana sulla Luna.



La navicella spaziale Griffin sarà lanciata a bordo di un razzo SpaceX Falcon Heavy e trasporterà un rover lunare Artemis primo nel suo genere, il Volatiles Investigating Polar Exploration Rover, o VIPER.

L’obiettivo di VIPER è di atterrare vicino al polo sud della Luna, girando per una missione di 100 giorni a Mons Mouton, una montagna dalla cima piatta adiacente al bordo occidentale del Cratere Nobile.

Griffin

Il rover robotico è visto dalla NASA come uno strumento importante per raccogliere informazioni critiche sull’origine e la distribuzione del ghiaccio d’acqua sulla Luna. In questo modo, VIPER potrà aiutare a valutare la chiarezza della visione sulla raccolta delle risorse lunari per sostenere l’esplorazione umana nello Spazio.

Il fallimento della Peregrine Mission One

Il percorso verso la luna per Astrobotic è stato un percorso accidentato. La perdita della missione del lander lunare Peregrine Mission One da circa 100 milioni di dollari è stata irta di alti e bassi, ha affermato John Thornton, CEO di Astrobotic.

Queste missioni sono molto difficili da intraprendere“, ha dichiarato Thornto: “Lo stiamo facendo a una frazione del costo normale per portare a termine questi obiettivi e se avremo successo con Griffin, questo significa sarà possibile programmare ulteriori voli”.

Il lander lunare Peregrine della compagnia ha avuto problemi poco dopo il decollo, l’8 gennaio 2025, quando è stato inviato verso la Luna dal decollo inaugurale del razzo Vulcan Centaur di nuova generazione della United Launch Alliance.

Le squadre di controllo del volo hanno raccolto moltissimi dati e feedback su altri sistemi di veicoli spaziali, in particolare quelli costruiti su misura da Astrobotic: “Per fortuna, non abbiamo perso la comunicazione. Sarebbe stato lo scenario peggiore se si fosse risolto il problema”.

Griffin

Thornton ha detto che un comitato di revisione dei fallimenti sta ora esaminando le trappole del Peregrine, per migliorare i veicoli spaziali in futuro come Griffin. Negli ultimi giorni della missione, è stata presa la decisione di dirigere la Peregrine Mission One per effettuare un rientro distruttivo e controllato nelle acque dell’oceano Pacifico meridionale il 18 gennaio 2024.

Peregrine ha trasportato un totale di 20 carichi utili provenienti da sette nazioni e 16 clienti commerciali. Con Griffin, Astrobiotic rilancia con più convinzione: “Peregrine ha volato affinché Griffin potesse atterrare. Ad luna per aspera“, conclude il comunicato facendo riferimento al motto di Star Trek: “Alle stelle attraverso le difficoltà”.

Il Lander Griffin: dettagli tecnici

Griffin è un lander di classe media con opzioni di montaggio flessibili per ospitare una varietà di rover e altri carichi utili di grandi dimensioni. I suoi sistemi di sensori autonomi forniscono un atterraggio sicuro e preciso anche su terreni accidentati e pericolosi, consentendogli di supportare missioni robotiche come la prospezione di risorse, la caratterizzazione dei volatili polari e l’esplorazione dei lucernari.

L’avionica di Griffin raggiunge la velocità di calcolo terrestre con elevata affidabilità. I computer solidi e resistenti alle radiazioni consentono un atterraggio autonomo con precisione e sicurezza senza precedenti nell’esigente ambiente spaziale.

Griffin

Il telaio in alluminio di Griffin è robusto, rigido e semplice per facilitare l’integrazione del carico utile. Il ponte isogriglia principale consente il montaggio flessibile del carico utile su uno schema di bulloni regolare. Un adattatore per carico utile dedicato e rampe di uscita opzionali possono ospitare rover e altri carichi utili di grandi dimensioni. Quattro gambe assorbono gli urti e stabilizzano Griffin durante il touchdown.

Griffin utilizza un sistema di propulsione con tecnologia dei motori spaziali di nuova generazione. I suoi sette motori principali eseguono tutte le principali manovre della navicella, tra cui l’iniezione translunare, la correzione della traiettoria, l’inserimento nell’orbita lunare e la discesa motorizzata. Quattro gruppi di propulsori per il controllo dell’assetto mantengono l’orientamento del lander durante tutta la missione.

2