Cosa farà la missione Dragonfly su Titano

Titano, la luna più grande di Saturno, più grande del pianeta Mercurio, è un luogo strano e squilibrato ma potrebbe anche essere una sorta di “utopia” per gli astrobiologi. La missione Dragonfly dovrà rispondere a molte domande

0
1354

Titano, la luna più grande di Saturno, più grande del pianeta Mercurio, è un luogo strano e squilibrato ma potrebbe anche essere una sorta di “utopia” per gli astrobiologi.

La sua gravità è solo il 14% di quella terrestre; potremmo volare semplicemente sbattendo le braccia. Ha un’atmosfera a base di azoto come quella terrestre. Ha pioggia, laghi e oceani fatti di etano liquido e metano. Ha valli, creste montuose, mesas e dune. Ha enormi tempeste invernali. Ha vulcani che eruttano ghiaccio. Nevica.

La chimica prebiotica di Titano potrebbe persino ospitare il segreto di come è emersa la vita nel primo sistema solare.

Titano rappresenta l’utopia di un esploratore“, ha affermato Alex Hayes, Professore Associato di Astronomia e Direttore della Spacecraft Planetary Image Facility presso la Cornell University, e coautore di un nuovo articolo pubblicato su The Planetary Science Journal che espone cosa dovrà fare la futura missione della NASA Dragonfly che scenderà sulla superficie di Titano.

Il documento descrive esattamente ciò che la missione cercherà di realizzare mentre il “veicolo mobile riposizionabile” sarà sulla superficie di Titano:



  • ricercare biofirme chimiche, passate o presenti, dalla vita basata sull’acqua a quella che potrebbe utilizzare idrocarburi liquidi.
  • indagare il ciclo attivo del metano.
  • esplorare la chimica prebiotica nell’atmosfera e sulla superficie.

Le domande scientifiche che abbiamo per Titano sono molto ampie perché non sappiamo ancora molto su ciò che sta effettivamente accadendo in superficie“, ha detto Hayes, i cui principali interessi scientifici sono nel comprendere Titano come un mondo complesso simile alla Terra e il processi che ne guidano l’evoluzione.

Ciò coinvolge tutto, dalle interazioni del ciclo del metano con la superficie e l’atmosfera, al percorso del materiale in tutta la superficie e al potenziale scambio con l’interno“, ha aggiunto.

Cos’è la libellula della NASA?

Dragonfly è un drone autonomo delle dimensioni di un rover su Marte con otto rotori che, come Ingenuity su Marte, sarà in grado di cambiare facilmente posizione.

Il piano è che voli in un nuovo punto ogni giorno su Titano (16 giorni terrestri) per fare osservazioni e condurre esperimenti, dopo aver effettuato in anticipo brevi voli di ricognizione. Ciò lo renderebbe il primo veicolo in assoluto a far volare il suo intero carico utile scientifico in più posizioni su una luna o un pianeta.

È tecnicamente possibile perché l’atmosfera densa e vivace di Titano è quattro volte più densa di quella terrestre.

La NASA quando lancerà Dragonfly?

Titano è a un miliardo di miglia dalla Terra, quindi questo significa un viaggio di sette anni. Il lancio è previsto per giugno 2027 e raggiungerà Titano nel 2034.

Dragonfly atterrerà tra le dune delle regioni equatoriali di Titano e la sua missione durerà due anni dal suo arrivo.

Perché Titano è così interessante?

Titano è l’unico corpo planetario, oltre alla Terra, che è noto per avere liquido sulla sua superficie. In realtà, succede perché fa molto freddo. Titano è 10 volte più lontano dal Sole della Terra e riceve circa l’1% della luce solare che riceve la Terra, il che significa una temperatura superficiale di circa -179ºC. Di conseguenza, etano e metano si comportano come liquidi e formano pioggia, laghi e oceani.

Titano ospita composti organici chiamati toline, molecole organiche complicate esposte a radiazioni e luce solare per un lungo periodo di tempo, di cui gli scienziati non sanno quasi nulla.

Presenti solo nel Sistema Solare esterno, si pensa che queste molecole possano essere i mattoni da cui è iniziata la vita perché dovevano essere presenti nel primo Sistema Solare.

Titano potrebbe quindi dare agli scienziati un indizio su come erano le condizioni sulla Terra primordiale quando si è formata la vita.

La missione Cassini-Huygens?

La sonda Cassini della NASA, ormai morta, ha trascorso 13 anni ad esplorare Saturno, i suoi anelli e le sue lune, e ha fatto molti sorvoli di Titano. All’inizio della sua missione rilasciò una sonda chiamata Huygens che si immerse nell’atmosfera di Titano nel 2005, inviando un filmato della sua discesa sulla superficie, dove è atterrata. Huygens riprese costoni che ricordano la Terra e vasti fiumi di metano.

Tuttavia, rimangono molte domande perché mentre il radar di Cassini ha permesso agli scienziati di penetrare nella densa atmosfera di metano della luna per identificare dune, laghi e montagne simili alla Terra, i dati non hanno potuto rivelare la loro composizione.

Per ogni domanda a cui abbiamo risposto durante l’esplorazione di Titano da parte della missione Cassini dall’orbita di Saturno, ne abbiamo ottenute 10 nuove“, ha affermato Hayes.

2